Ora del Mondo 1975-1999 - Istituto Aveta

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ora del Mondo 1975-1999

Il Santuario > L'Ora del Mondo

*Maggio 1975 *Ottobre 1975 *Maggio 1976 *Ottobre 1976 *Maggio 1977 *Ottobre 1977 *Maggio 1978 *Ottobre 1978 *Maggio 1979 *Ottobre 1979 *Maggio 1980 *Ottobre 1980 *Maggio 1981 *Ottobre 1981 *Maggio 1982 *Ottobre 1982 *Maggio 1983 *Ottobre 1983 *Maggio 1984 *Ottobre 1984 *Maggio 1985 *Ottobre 1985 *Maggio 1986 *Ottobre 1986 *Maggio 1987 *Ottobre 1987 *Maggio 1988 *Ottobre 1988 *Maggio 1989 *Ottobre 1989 *Maggio 1990 *Ottobre 1990 *Maggio 1991 *Ottobre 1991 *Maggio 1992 *Ottobre 1992 *Maggio 1993 *Ottobre 1993 *Maggio 1994 *Ottobre 1994 *Maggio 1995 *Ottobre 1995 *Maggio 1996 *Ottobre 1996 *Maggio 1997 *Ottobre 1997 *Maggio 1998 *Ottobre 1998 *Maggio 1999 *Ottobre 1999


"Maggio 1975" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1975" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1976" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1976" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1977" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1977" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1978" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1978" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1979" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1979" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1980" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1980" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1981" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1981" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1982" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1982" L'Ora del Mondo
Presiede Monsignor Aurelio Signora, Prelato di Pompei

Sono migliaia le persone che tengono all’appuntamento con Pompei nei giorni della Supplica.
La comune preghiera rende tutti fratelli, figli di uno stesso Padre e di una stessa Madre.
Ecco il programma:
giorno 1: ore 18,30 – Santa Messa e Discesa del Quadro;
giorno 2: dalle ore 20,00 in poi – Veglia di preghiera in preparazione alla Supplica;
giorno 3: ore 11,00 – S. Messa e Recita della Supplica;
giorno 4: ore 11,00 – S. Messa e Recita della Supplica;
giorno 1: festa del Beato Bartolo Longo – Processione per le vie di Pompei.
Foto: Tra i numerosi pellegrini, partecipanti alla supplica, occupano il primo posto gli alunni dei nostri Istituti.


"Maggio 1983" L'Ora del Mondo

Presiede Sua Eminenza Giuseppe Casoria - Prefetto della S. Congregazione dei Sacramenti e del Culto Divino
Gratitudine per il Centenario
Sua Eminenza Giuseppe Casoria esorta all’impegno di vita cristiana
Fratelli dilettissimi, che siete qui convenuti a Pompei, pellegrini devoti di ogni angolo della terra, per santificare il giorno del Signore partecipando con me alla solenne celebrazione della SS, Eucarestia e per venerare, in specialissimo modo, la vergine Santissima di Pompei unendovi a me e ai fedeli di tutto il mondo nella recita della “Supplica” alla Regina del Santo Rosario… eleviamo un inno di gratitudine a Dio che si concretizzi in impegno di vita cristiana secondo le direttive dettateci dalla Parola di Dio.

* * *

[…] Ecco dunque i punti focali con cui la Parola di Dio di questa solenne Celebrazione Eucaristica ci indica come riconvertire a vita autenticamente cristiana quella che quotidianamente meniamo nei vari ambienti di attività, nei quali siamo responsabilmente e provvidenzialmente collocati, nell’esercizio dei nostri doveri professionali.
Prima di tutto rimanere uniti, sotto la vigile guida dello Spirito Santo ed in fedele ed obbediente ascolto delle sue divine ispirazioni, autenticate dal Magistero, per fare Chiesa, per fare Popolo di Dio, abolendo e rinnegando tutto ciò che divide e che trae origine e fondamento nel peccato individuale e sociale e cercando e praticando, invece, tutto ciò che unisce in solidarietà, in collaborazione, in pace, anzi in comunione di autentica carità ed amore cristiano, con Dio e con i fratelli e che traeva ragione, alimento e sostegno nella grazia di Dio che è poi la sua stessa vita partecipata a ciascuno di noi attraverso l’azione evangelizzatrice e sacramentale della Chiesa.
In secondo luogo, ristabilire in ciascuno di quegli ambienti fecondati dalla nostra presenza e testimonianza cristiana: famiglia, scuola, lavoro, ecc., quei valori essenziali di pace, giustizia, collaborazione, sussidiarietà e vera amicizia perché la vita, nonostante i sacrifici, le croci e le amarezze della sofferenza trovi e rimanga degna di essere vissuta, e finalmente, ascoltare la Parola di Dio ed osservare i suoi Comandamenti per meritare, attraverso questa attiva e concreta manifestazione del nostro amore verso Dio il ricambio del suo Amore misericordioso verso di noi con lo stabile insediarsi della SS, Trinità in noi secondo la promessa di Gesù e come anticipo, sulla terra, in quella che sarà l’eterna nostra beatitudine in cielo.
Ma chi potrà garantirci questa continua assistenza dello Spirito Santo lungo il cammino dell’esistenza, più e meglio della Madonna che è la Sposa dello Spirito Santo?
E chi meglio della madonna, nel cui seno materno, Dio iniziò quel processo redentivo della storia dell’umanità in storia di salvezza facendone la Mamma del Verbo Incarnato, Crocifisso e Risorto
e la madre della Chiesa, potrà insegnarci questo costante atteggiamento di abituale comunione di fedeltà, di obbedienza e d’amore con la SS. Trinità e con i fratelli per animare per animare di un po’ di cielo questa povera terra?
Ecco perché, dilettissimi fratelli, oggi in particolare ci inginocchieremo con specialissimo fervore ai piedi della madonna del S, Rosario di Pompei ad impetrare la sua materna protezione con la recita della «Supplica».
Ma un altro motivo ci piega oggi le ginocchia dinanzi a Dio e alla Madonna, fratelli miei!
Oggi si compiono i primo cento anni da quando, l’8 maggio del 1883, in Pompei, risuonò, per la prima volta, insieme allo squillo della prima campana montata sul tempio che era ancora in costruzione, la voce accorata di Bartolo Longo per la recita di questa celebre preghiera intitolata allora come «Atto di amore a Maria» e poco più tardi denominata «Supplica», per implorare, come disse e scrisse lo stesso Bartolo Longo che «Maria rimanesse sempre sulla nostra lingua, nel nostro cuore, nei nostri affetti, nelle nostre angustie, nelle nostre necessità e nelle nostre pene», facendosi di volta in volta, «confortatrice dei nostri affanni, consolatrice del nostro pianto, compagna della nostra vita e della nostra morte».
che questa preghiera appena tornati a casa diventi subito carità.

* * *

La Supplica da cento anni preghiera del popolo cristiano
L’8 maggio si è compiuto il 1° Centenario della Supplica, la celebre preghiera della Madonna del Rosario, sgorgata dal cuore grande del Beato Bartolo Longo.
Ma che cosa è la “Supplica”? Nel linguaggio diplomatico laico, essa è la domanda presentata all’Autorità per ottenere una concessione di grazia o di giustizia. In quello ecclesiastico della Curia pontificia, ove era chiamata anche “Signatura”, era l’originale della domanda approvata dal
Papa o da altre Autorità delegate, ma con l’aggiunta della sottoscrizione indicante l’avvenuta concessione.
Stando a tali definizioni, correnti anche all’epoca di Bartolo Longo che, essendo avvocato, ben le conosceva, LA DENOMINAZIONE “Supplica” data ad una tipica espressione del culto cristiano, qual è la preghiera, poteva apparire quanto meno impropria.
Fu, forse, per questo che Bartolo Longo, quando concepì e redasse quella preghiera alla Vergine del S. Rosario di Pompei, preferì chiamarla “Atto di amore a Maria” e farne una vera “elevazione della mente e del cuore” a Cristo Redentore e alla Madonna del Rosario, la quale, riassumendo nella propria articolata struttura tutti gli elementi teologicamente essenziali di una preghiera, quali: l’adorazione e la venerazione, la lode celebrativa, il ringraziamento e la domanda, potesse rivelare tutta la nobiltà, la dignità e l’eccellenza con cui l’uomo è capace di elevarsi al di sopra delle dimensioni materiali dell’esistenza per lasciare libero lo spirito di spaziare nelle dimensioni soprannaturali dell’infinito e dell’eterno avviando, per essa, una immediata e diretta conversazione con Dio e con la Vergine, anzi, entrando in una spirituale comunione con loro.
Certo, c’è preghiera e preghiera, a secondo che i contenuti si qualificano per particolare e caratterizzante insistenza più sull’uno e sugli altri dei predetti elementi essenziali che generalmente la contraddistinguono: così la preghiera eucaristica che punta sul ringraziamento, si distingue da quella impetratoria che insiste sulla domanda o da quella propiziatoria o espiatoria, in cui si accentua la premura di espiare le colpe impetrandone misericordia per Dio. Altrettante distinzioni si sogliono fare, per ragioni espresse nelle stesse denominazioni, tra preghiera mentale e vocale, privata e comune, pubblica e liturgica.
Ma, fatta eccezione per le ultime due, con le quali si vuole indicare che la preghiera è pubblica se fatta in nome della Chiesa, ed è liturgica se istituita dalla Chiesa stessa e recepita nei libri Rituali usati nella propria Liturgia ufficiale, le altre sono dimostrazioni più teoriche che pratiche, nel senso che è difficile, in genere, trovare una preghiera, veramente tale, che non implichi nella sintesi dei suoi contenuti, appunto come la “Supplica” redatta da Bartolo Longo, tutti insieme gli elementi essenziali che si addicono alla preghiera.
Sicché, se è vero che la “Supplica” non è una preghiera liturgica, è però falso il ritenerla soltanto una “sentimentale sviolinata, concepita e redatta per una serenata alla Madonna”.
Chi, per via dell’accentuazione impetrativa, propiziata ed espiatoria presente nella struttura della “Supplica”, qualunquisticamente, credette di stigmatizzare , con provinciale sarcasmo, la preghiera di Bartolo Longo, rivelatasi, poi, la più universalmente diffusa tra quelle estraliturgiche in uso nella Chiesa cattolica, mostrò si, di essere figlio del suo tempo eretico o dissacrato, nel quale la “domanda” impetrativa era definita “più una reazione dell’istinto che un vero atto di religione”, oppure e addirittura “una mancanza di rispetto e di sottomissione alla volontà di Dio ed all’ordine immutabile del suo piano divino”, ma dimostrò anche di aver dimenticato e trascurato troppe altre cose.
Chi stigmatizzò la “Supplica”, dimenticò anzitutto che nel sommo esemplare di preghiera che è il “Padre nostro”, insegnato da Gesù, c’è una metà (tutta la seconda parte) che è impetratoria, espiatoria e propiziatoria.
Dimenticò che la teologia cattolica, autenticata dal magistero ecclesiastico, insegnò sempre, almeno da S. Tommaso in poi, che nella Chiesa cattolica ”non si prega affatto per cambiare le divine disposizioni, ma per impetrare ciò che Dio ha paternamente disposto che si ottenga mediante la preghiera”.
Dimenticò che Bartolo Longo fu un convertito e, come tale, avendo profondamente a cuore che la preghiera non si riducesse solo ad un sentimentale, se pur poetico, vacheggiamento formale, ma divenisse atto religioso di culto capace di toccare la mente e il cuore dell’uomo per metterlo in sintonia con il Cuore misericordioso di Dio, attraverso la materna intercessione della Madonna, si preoccupò, non tanto di fare della sua “Supplica” un asettico, nozionistico e freddo dizionario di teologia, quanto piuttosto un toccante e commosso veicolo di comunione tra la terra e il cielo, preoccupandosi di eliminare non il calore dell’esuberanza vitale e del sentimento di filiale devozione, provvidenzialmente rimasto a pervadere la “Supplica”, ma solo tutto quello che può impedire ad una preghiera di giungere a toccare il cuore di Dio. S. Agostino spiegava che se certe preghiere non toccano efficacemente il cielo e si perdono sterilmente tra le nuvole, ciò accade perché gli uomini che la recitano o sono “cattivi” o chiedono un modo “cattivo” o chiedono cose “cattive”.
Del suo stile di scrittore, Bartolo Longo scrive: “Se dal Capecelatro cercai di ritrarre la purezza della lingua italiana e la limpidezza dello stile, da lui non ritrassi quella sua calma imperturbabile, quel procedere sempre a passi uguali e misurati per la via, quell’assenza di fremiti, di entusiasmi e di slanci di eloquenza. Ben altra era la mia indole, ben altra la nostra missione. Noi non dovevamo esporre, ma commuovere: non dovevamo comporre armonie lente e gravi come quelle di una musica gregoriana, ma far risuonare squilli di tromba in modo da destare il mondo dal sonno dell’egoismo sociale e della religiosa indifferenza”.
Lo stile di Bartolo Longo risponde, dunque, al carattere dell’uomo.
E che cosa c’è nella Supplica che scivoli in quella cosiddetta “mariolatria” che non apparterrebbe alla più genuina teologia cattolica?
È vero, tutta la “Supplica” è lievitata da un’enfasi traboccante. Ma il sentimento non è vuoto e retorico sentimentalismo, come la morale non è moralismo. Togliamo il sentimento alle preghiere ed ai sermoni sulla Madonna di S. Bernardo, di S. Bonaventura o di S. Alfonso e subito la preghiera non è più ed il sermone scade in una lezione scolastica. Non si prega solo con la testa, ma con la testa ed il cuore e chi non ha cuore non può recitare neppure l’Ave Maria.
Se la “Supplica” in questi cento anni di vita ha raggiunto il mondo intero, tanto che ormai non c’è
Nazione ove oggi non la si reciti, lo si deve certamente anche alla ridondante enfasi dei cordialissimi ed affettuosi sentimenti che la pervadono, trovando eco nell’animo di tutti i fedeli veramente devoti innamorati della Madonna.
Lo si deve, soprattutto, a quella ricchezza di contenuti autenticamente teologici che, espressi più con l’afflatto palpitante del sentimento che con l’aridità concettuosa delle nozioni, riescono però a coinvolgere subito tutto l’uomo stimolandone intelligenza e cuore, sentimenti ed affetti, volontà e sensi, pensiero e vita fino a diventare, come suole ripetere il Papa: “l’adesione libera, genuina, cosciente, spontanea di tutto l’uomo al tutto a Dio”.
La consacrazione “storica” della cattolicità della “Supplica” avvenne l’8 maggio 1914, quando il Papa Benedetto XV scese personalmente nella Cappella Paolina dal palazzo apostolico per recitare egli stesso la Supplica, aprendo una tradizione poi pienamente seguita dai Sommi Pontefici, suoi successori, i quali così introdussero la recita della “Supplica” in tutti gli Uffici del Vaticano.
(Vincenzo Ferrara)
Ultime due foto: Gli Orfani sono da sempre i "portavoce" delle preghiere dei devoti di Maria (Bartolo Longo)


"Ottobre 1983" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1984" L'Ora del Mondo

Presiede Presiede Sua Eminenza il Cardinale Francesco Carpino
“Tutte le generazioni mi chiameranno Beata”
Otto maggio: l’annuale incontro con la Vergine del Rosario di Pompei

“Evviva Maria”. Alta e gioiosa si è levata la risposta dei fedeli, che gremivano la piazza del Santuario, al saluto finale del celebrante. La recita della Supplica era finita da pochi istanti.

Evviva Maria! L’umile fanciulla di Nazareth l’aveva predetto: “… tutte le generazioni mi chiameranno beata”.
E la storia non ha potuto non registrare  la continua e vibrante venerazione che per Lei hanno avuto i popoli di qualsiasi latitudine e longitudine.
Oltretutto non è possibile ignorare le innumerevoli testimonianze che esprimono inequivocabilmente il modo con cui le comunità cristiane hanno onorato, in ogni epoca, la Madre del Signore Gesù.
Ed è infine innegabile che la devozione alla Vergine santissima. Al di là della fede e della liturgia ufficiali, ha costituito l’espressione strumentale più eloquente della fede di tanti cristiani.
Ancora oggi, l’amore filiale dei cristiani per Lei non accenna a diminuire.
A nessuno può sfuggire come i santuari mariani più famosi siano mete di continui pellegrinaggi provenienti spesso da altre nazioni: Lourdes, Fatima, Czestochowa, Pompei, per citarne alcuni.
Ognuno di questi santuari ha una sua storia, ma tutti, indistintamente, sono legati da una comune esperienza; l’amore per Colei attraverso cui siamo stati degni di ricevere in dono l’Autore della Vita, il Salvatore del mondo. Cristo Gesù il Figlio Unigenito di Dio.
L’amore per Maria, si dice ancora da parte di alcuni, sarebbe motivato dal calore che può sprigionare solo dai caldi cuori delle persone semplici, come se non bastasse il mistero dell’Incarnazione, come fondamentale ragione storico-salvifica, a giustificarlo! Ma lasciamo le sottigliezze pretestuose a chi gode di esse.
La storia, si afferma ancora, è maestra di vita. Allora, forse dopo duemila anni di cristianesimo e di storia del Popolo di Dio non è necessario interrogarsi se il “… tutte le generazioni mi chiameranno beata” possa avere qualche significato recondito e inesplorato.
Evviva Maria, si è detto a Pompei al termine della Supplica, altrove si dirà diversamente, ma con un’unica preoccupazione, quella di magnificare l’umile ancella del Signore, la Madre del Signore Gesù, il modello più perfetto di vita cristiana, e di gioie nella certezza che il suo destino di vita sarà anche il nostro.
L’otto di maggio
La recita della Supplica alla Vergine del Rosario di Pompei può sembrare un fatto che non faccia notizia. È innegabile che non molto tempo addietro essa avesse più spazio nelle cronache dei mass-media.
Ma è vero anche, nonostante che siano trascorsi centouno anni dalla prima volta (L’8 maggio 1883), che la recita della Supplica, l’otto maggio e la prima domenica di ottobre, richiami tanta gente da gremire inverosimilmente il Santuario e i locali adiacenti. Anche questa volta l’afflusso dei pellegrini è stato notevole, circa 50.000 tre il sette sera, e oltre 10.000 durante la recita della Supplica.
Pompei, in verità, non conosce mai soste durante l’anno. Certo l’afflusso dei pellegrini può variare ed essere più consistente in alcuni periodi e più moderato in altri, ma nelle due suppliche annuali, che scandiscono la sua ormai secolare storia, sembra veramente una cittadina cosmopolita.
Il Beato Bartolo Longo definì la Supplica “ora del mondo” e questo si può ben dirlo, non solo per la presenza di pellegrini provenienti da ogni parte d’Italia e, alcuni, anche dall’estero, ma anche per quelli che in Italia e nel mondo sono spiritualmente uniti a Pompei nel momento della Supplica.
La preghiera fu composta dal Beato come “Atto di amore” alla Vergine del Rosario ed è in questa linea che essa va compresa.
Non le si possono sovrapporre facilmente modelli ermeneutici, eccessivamente professionistici e accademici, senza farle perdere la sua freschezza originaria.
È la preghiera di un innamorato e non può essere recitata se non da chi è innamorato di Maria. Possiamo essere anche d’accordo, con quelli che hanno udito più raffinato, che qualche piccolo ritocco andrebbe fatto, ma costoro non possono invocare, a tal fine, la centralità cristologica della fede cristiana, perché essa non è mai messa in dubbio né negli scritti del Beato, né nei veri devoti di Maria: “… tutte le generazioni mi chiameranno beata”, si diceva prima.
Il Rosario, “memoria viva del mistero della Redenzione”
L’appuntamento per la recita della Supplica è fissato per tutti a mezzogiorno. Ma sia a maggio che ad ottobre esso è solo il momento finale di un cammino che è prima penitenziale, poi eucaristico e infine mariano.
La veglia mariana che impegna i pellegrini dalla sera precedente fino al giorno successivo è un vero e proprio itinerario catechetico.
Non potrebbe essere diversamente. Oltretutto una genuina devozione mariana non può
esprimersi se non all’interno di questo dinamismo così fondamentale e vitale per tutti quelli che vogliono dirsi cristiani sul serio.
A Cana di Galilea, Maria lasciò il suo testamento spirituale: “Fate quello che Egli vi dirà”. La devozione mariana è vera ed autentica nella misura in cui si è fedeli discepoli del Signore Gesù. A Cana anche Maria imparò ad essere, Lei che ne era la mamma, discepola di Gesù.
Sono questi i contenuti della veglia che accompagnano i pellegrini dalle 20.00 di sera fino alle 11.00 del giorno dopo, ora in cui si celebra l’Eucaristia sul grande palco preparato nella piazza antistante il Santuario.
Questa volta, celebrante e ospite gradito, è stato Sua Ecc.za il Card. Francesco Carpino. Durante l’omelia, Egli ha sottolineato il profondissimo significato storico-salvifico della nascita di Maria così com’è celebrata nella liturgia: “La tua Nascita, o Vergine, ha recato la gioia all’universo intero, perché con essa le tenebre si diradano e nel mondo sorge l’aurora che annunzia il Sole di Giustizia, Cristo nostro Signore”.
Ha poi continuato: “E proprio questa luce di gioia e di esultanza che auspichiamo per la nostra pratica del Rosario, alla quale ancora una volta ci richiama, ci invita, ci esorta l’odierna Supplica, Giovanni Paoli II all’Angelus domenicale del 9 ottobre del 1963, qualificava il Rosario come la “memoria viva del mistero della redenzione”.
Per questo motivo la sua recita non può ridursi ad una materiale e distratta ripetizione di Ave Maria, mentre il pensiero è rivolto altrove ed impegnato in cose estranee.
È invece necessario che alla recita vocale si accompagni la contemplazione dei misteri che ricordano i fatti più importanti, gli avvenimenti più salienti della vita del salvatore e della vita della Vergine.
È proprio attraverso questa contemplazione dei misteri che il Rosario diventa memoria viva della Redenzione, dell’Opera salvifica compiuta dal Signore e della cooperazione prestata a Maria”.
Poi alla fine, terminata la celebrazione eucaristica, il momento tanto atteso; la Supplica.
Ed è a questo punto che anche i più diffidenti, anche quelli che appaiono più restii alla commozione sembrano liquefarsi, come la cera al contatto della fiamma: anch’essi pregano e invocano Colei che tutte le generazioni chiameranno beata. (Autore: Pasquale Mocerino)
Un paese in pellegrinaggio
Anche quest’anno il tradizionale, sentito e commuovente pellegrinaggio a piedi al Santuario di Pompei, per grazia di Dio e per materna intercessione della Madonna del Rosario, ha avuto un’ottima riuscita.
È una bella e popolare tradizione che un gruppo, sempre più numeroso di pellegrini, giovani, uomini e donne, guidati e spronati dal sacerdote, vuole conservare nella vita religiosa di Pignataro Maggiore, specialmente in questi ultimi tempi nei quali tante e belle locali tradizioni sono state sconsideratamente distrutte.
Come sempre, tutti i partecipanti sono stati mossi e sorretti da grande spirito di fede, dal profondo bisogno di preghiera, dall’ansiosa ricerca di qualche mezzo che potesse purificare l’anima e convertirla profondamente al Signore con l’aiuto materno di Maria.
Fare a piedi più di 80 Km., certamente significa dichiararsi disponibili alla grazia divina; significa avvertire il bisogno di conversione; significa amare Dio nei fratelli, per i quali tutti i pellegrini hanno elevato preghiere nello spirito di carità fraterna.
Ognuno vi ha partecipato con entusiasmo, specialmente i giovani a questa loro prima esperienza, per mantenere una promessa o un voto fatto alla Madonna, per chiedere una grazia particolare a
Dio, materiale o spirituale, mediante la potentissima ed efficacissima intercessione della Madonna di Pompei.
I partecipanti, con animo concorde, hanno invocato la pace all’intera umanità così straziata dall’odio e dalla violenza, ed i pellegrini di Pignataro Maggiore sono convinti di dare il loro contributo per la costruzione dell’edificio della pace, dono di Dio a di Maria.
Aprono il pellegrinaggio l’immagine di Gesù Crocifisso, della Madonna e dello stendardo che indica la provenienza dei pellegrini, portati a turno, dai giovani, dalle ragazze, dagli uomini. Durante il lungo cammino si recitano preghiere, si cantano lodi in onore della Madonna, soprattutto si recita il Rosario.
Si percorrono le solite tappe: Pignataro Maggiore, Capua, Teverola, Aversa. Nella chiesa parrocchiale di Aversa i pellegrini partecipano alla celebrazione Eucaristica.
Si riprende il cammino attraverso Melito, Corso Secondigliano di Napoli, San Giovanni a Teduccio. Qui la sera del 6 maggio, i pellegrini sostano alcune ore presso l’Asilo “Villa Pacis” per riprendere il cammino la mattina seguente, prestissimo. Si attraversa Bellavista, Portici, Ercolano, Torre del Greco, Torre Annunziata e finalmente si arriva a Pompei.
L’ingresso nella Basilica della Madonna, al suono festoso delle campane, è una scena commoventissima, assolutamente lontana da ogni sentimentalismo e da ogni forma di retorica.
Durante la notte tra il 7 e l’8 maggio i pellegrini, stanchi ma contenti, partecipano alla solenne veglia di preghiera e con gli altri pellegrini recitano la Supplica.
Il ritorno a Pignataro avviene in pullman e alle porte del paese, ordinati in processione, fra una folla di fedeli, commossi in attesa, tutti si recano nella Chiesa Madre per ringraziare Cristo Crocifisso e la Madonna di Pompei, con la promessa sincera di ritornare l’anno successivo.
La manifestazione si scioglie con un canto mariano.
Prima foto: Sua Em.za il Card. Francesco Carpino, presiede lke celebrazioni della Supplica e rivolge ai fedeli cobnvenuti la sua calorosa parola.
Seconda foto: Sua Em.za si congratula per la fedeltà alla Supplica con il sig. Franz Joseph Machenbier che viene frequentemente a Pompei dalla Germania, nonostante la sua infermità.
Terza foto: Autorità, orfani e fedeli riempionoi la vasta piazza antistante il Santuario. Il terremoto del giorno precedente aveva diffuso un certo panico e scoraggiato molta gente ad uscire di casa.  


"Ottobre 1984" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza il Cardinale Opilio Rossi - Presidente della Commissione Cardinalizia per il Santuario

Il mese di ottobre tradizionalmente dedicato al Rosario inizia a Pompei con speciale solennità per la recita della Supplica e la festa del Beato Bartolo Longo fondatore della città.
Quest'anno le celebrazioni saranno presiedute per la prima volta da sua Eminenza il Cardinale Opilio Rossi, nuovo Presidente della Commissione Cardinalizia per il Santuario.
Programma
5 ottobre:
Festa liturgica del Beato Bartolo Longo.
                 Ore 18.30: Discesa e venerazione dell'immagine della Madonna.

6 ottobre: Vigilia della Supplica.

                 Ore 20.00: Veglia mariana con recita del Rosario con il Santo         Padre Via Radio Vaticana.
           Ore 24.00: Celebrazione eucaristica presieduta da Sua Eccellenza Mons. Domenico Vacchiano.

7 ottobre: Festa del Rosario.
                 Ore 11.00: Celebrazione eucaristica presieduta da Sua Eminenza il Cardinale Opilio Rossi.
                 Ore 12.00: Recita della Supplica.

8 ottobre:
Ore 17.00: Processione in onore del Beato Bartolo Longo.
                  - Illuminazioni: Ditta "Com. Giuseppe Grauso" di Caserta.
                  - Banda Musicale: "Città di Ceglie Messapica" (BR).
                  - Fuochista: Ditta "Vincenzo Basile" di Boscoreale (NA).


"Maggio 1985" L'Ora del Mondo
Presiede il Cardinale Bernardin Gantin

(Prefetto della Congregazione dei Vescovi e Membro della Commissione cardinalizia per i Santuari di Pompei, Loreto e Bari)

Il nostro grazie al Cardinale Bernardi Gantin

Roma 9 maggio 1985: "Venerata Eccellenza, non vorrei tardare a rinnovare per iscritto il mio vivissimo e cordiale grazie a Lei e a tutti i suoi collaboratori impegnati a servizio del Pontificio Santuario Mariano di Pompei per essere stato accolto con tanta amabilità e senso di fraterna ospitalità".
Sono le parole introduttive di una lettera inviata al nostro Prelato dal Cardinale Bernardin Gantin all’indomani della Supplica.
L’Eminentissimo Cardinale, Prefetto della Congregazione dei Vescovi e Membro della Commissione cardinalizia per i Santuari di Pompei, Loreto e Bari, era stato infatti invitato a presiedere la solenne celebrazione eucaristica che precede tradizionalmente la recita della più famosa preghiera del Beato Bartolo Longo.
La lettera che non pubblicheremo interamente, per non dilungarci eccessivamente, super di molto l’aspetto protocollare di un ringraziamento per la partecipazione ad un pubblico avvenimento.
Tocca a noi, invece ringraziarlo per la sua presenza, per le parole offerteci durante l’omelia, per
l’incoraggiamento datoci ad affrontare con gioia le prove vita.
Un grazie, Tuttavia, dobbiamo ancora esprimere per la testimonianza che la sua presenza ha offerto a tutti i devoti della Vergine.
Il Cardinale, anche se non primo dei visitatori, è stato il primo Vescovo Africano a presiedere la recita della Supplica. Un fatto questo che potrebbe passare inosservato ma che invece è denso di significato. Non esprime, infatti, solo la devozione personale del Cardinale alla Mamma del Signore Gesù, ma in lui quella dei nostri fratelli della Chiesa Africana, come lui stesso ha sottolineato durante l’omelia, e infine anche la risonanza mondiale che ha la devozione alla Vergine del Rosario di Pompei.
1 foto: Sua Ecc.za il Cardinale Bernardin Gantin mentre tiene l’omelia durante la celebrazione eucaristica che precede la recita della Supplica.
2 foto: il coro di voci recita all’unisono la Supplica, la preghiera più calda sgorgata dal cuore del beato Bartolo Longo.


"Ottobre 1985" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1986" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1987" L'Ora del Mondo

Presiede Sua Eminenza il Cardinale Agostino Casaroli (Inviato Personale del Papa Giovanni Paolo II)
Cento anni di Fede e di Carità
Il Rosario, una preghiera valida anche per l'uomo del XX secolo che guarda con trepidazione alle sfide del futuro
L’Omelia del Legato Pontificio - L'Annunciazione
"In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea chiamata Nazareth" (Lc 1, 26).
Il racconto incantevole del Vangelo di Luca, risuonato ancora una volta alle nostre orecchie,
sotto le arcate solenni di questo Tempio, voluto dalla fede intrepida di Bartolo Longo ed edificato con la collaborazione di tutto un popolo, ci ha riportato lontano nel tempo e nello spazio: in un angolo sperduto dell’immenso Impero Romano, allora agli inizi della sua splendida e torbida parabola; in un giorno, all’apparenza, in nulla dissimile dagli altri.
Nel borgo sonnacchioso di Nazareth, come in innumerevoli villaggi e città, nell’antica Atene e nella grande Roma, la vita scorreva monotona, senza novità; la gente badava alle proprie faccende, umili o importanti: nasceva, moriva, soffriva, si allietava.
Un giorno, non segnato da alcuno di quegli eventi che fanno la storia dell’umanità.
Ma sul quadrante della storia tracciata dalla mano di Dio, che abbraccia tempo ed eternità, uomini e cosmo, un’ora solenne era, proprio in quel giorno, silenziosamente scoccata. Era arrivata "La pienezza del tempo" (Gal 4, 4), stabilito da Dio prima che il mondo fosse. Ed Egli si accingeva a mandare sulla terra il suo Figlio "per riconciliare a sé per mezzo di lui tutte le cose… quelle della terra e quelle del cielo" (Col 1, 20).
Egli doveva nascere da donna (Gal 4,4), come ogni altro figlio d’uomo.
Per questo il Messaggero divino entra nella povera casa dove viveva la Vergine che aveva "trovato grazia presso Dio", sino al punto di essere prescelta a sua Madre, e gliene propone il mistero.
Che cosa provò Maria a quell’annuncio? Quali sentimenti, di smarrimento, di umiltà, di timore, forse, pervasero il suo animo, prima di pronunciare quelle parole che aprirono al Figlio di Dio le
vie della sua vicenda umana?
"Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detti" (Lc 1, 28). "E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi" (Gv 1, 14).
Pronunciando il suo "fiat" la Vergine di Nazareth si era consegnata con disponibilità totale alla volontà di Dio. Aveva detto "sì", non soltanto alle gioie della maternità divina, ma anche all’imprevedibile di un’esistenza legata ormai ad un misterioso disegno di dolore e di gloria, al ripercuotersi su di lei delle ostilità che si sarebbero scatenate contro suo Figlio, destinato – secondo le Scritture che essa aveva tante volte meditate – a caricarsi delle iniquità di tutti ed a farsi per tutti "come agnello condotto al macello" (Is 53, 7). Al tempo stesso, però, pregustava nella fede e nella speranza, il finale e definitivo trionfo del Salvatore – Gesù – sulla morte e sul peccato: "e il suo Regno non avrà fine" (Lc 1, 23).
Da quel momento la sua vita s’avviò decisamente, attraverso i misteri del gaudio e del dolore, verso i misteri della gloria.
Il Rosario
Questa vicenda straordinaria, che ogni cristiano deve continuamente aver presente allo spirito, nello stupore e nella riconoscenza, la preghiera del Rosario, tanto cara a Bartolo Longo, che durante tutta la vita ne fu zelatore infaticabile, l’ha fatta ripercorrere per secoli a moltitudini di fedeli, dai più semplici ai più dotti. Con il Rosario nella mano, Bartolo Longo risvegliò le coscienze dei contadini della valle oppressi dalla miseria, suscitò tra loro un mirabile fervore di iniziative a carattere sociale, eresse verso il cielo questo Tempio consacrato a celebrare le glorie di Maria, trasformò una "terra di morti", come ebbe a dire egli stesso, in "una terra di risurrezione e di vita". "Catena dolce che ci rannodi a Dio – così lo chiamava il Beato -, vincolo di amore che ci unisci agli angeli, torre di salvezza negli assalti dell’inferno, porto sicuro nel comune naufragio".
Tale forza, di amore e di salvezza, la preghiera del Rosario conserva anche per noi, uomini del secolo XX, fieri e spaventati, insieme, dalle grandi conquiste tecniche e scientifiche. Anche per noi Cristo, e con Lui la sua Madre, restano al centro della storia umana e della nostra. Nella meditazione assidua dei misteri della vita di Cristo, seguendo passo passo Colei che di Cristo fu la prima discepola (cfr. Redemptoris Mater, 20), possiamo anche noi comprendere il mistero della nostra esistenza e far nostra l’incrollabile speranza in colui "che per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo". Potremo anche noi "avanzare nella peregrinazione della fede" (Lumen Gentium, 58; Redemptoris Mater, 2), pronunciando ogni giorno il "fiat" dell’adesione ai disegni di Dio su di noi, non solo quando portano con sé il balsamo della gioia, ma anche quando contengono l’assenzio amaro della rinuncia e del dolore, preludio della partecipazione al trionfo senza ombre di Cristo.
Il centenario
Questo itinerario di fede, sostenuto dalla riflessione e dalla preghiera del Rosario, Bartolo Longo l’ha percorso sino alla perfezione, e ce ne resta fulgido esempio.
"Il cristianesimo è fede che trasporta le montagne – egli annotava – ma è pure carità che supera i vulcani…".
Se questo tempio è grandioso monumento di fede intrepida, le Opere che lo circondano sono frutto dell’amore, che della fede è il fiore più bello. Una corona alla vergine, esse sono, non meno preziosa – certo – di quella che, cento anni fa, esattamente, un altro Legato del Pontefice Romano, il Card. Monaco La Valletta, posava sul capo dell’effige della Madre del Salvatore e del suo Figlio divino.
Oggi noi commemoriamo solennemente quell’evento, celebrando le glorie della "Vergine tutta bella e tutta santa" e rinnovando il voto di devozione e di preghiera che, nello spazio di questo secolo, ha portato folle innumerevoli, qui o presso gli altari e le immagini della Madonna del
Rosario di Pompei sparsi in ogni angolo del mondo, ad inginocchiarsi ai piedi della Madonna del Rosario di Pompei sparsi in ogni angolo del mondo, ad inginocchiarsi ai piedi di Maria, per riversare nel suo cuore materno preoccupazioni e dolori, desideri, progetti e speranze. E rinnovando il voto di saper tradurre in opere la nostra fede. "Una religione pura e senza macchia davanti a Dio nostro Padre – sono parole dell’Apostolo San Giacomo – è questa: soccorrere gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni e conservarsi puri da questo mondo" (Gc 1, 27).
Oggi, più che di carità, si preferisce parlare di giustizia. E la giustizia è certamente uno dei cardini sui quali deve reggersi la vita dell’umanità perché il mondo non abbia a crollare sotto il peso di un egoismo, padre di conflitti sociali e di guerre.
Ma il doveroso culto della giustizia nulla toglie alla regalità dell’amore, che alla giustizia presta ali a più ampi ed a più alti voli, come Pompei ce ne dà fulgido esempio.
L’aiuto della Vergine per il futuro
Un secolo di devozione mariana; un secolo di prodigi. Il primo prodigio è certamente il vigore con il quale tale devozione si è affermata ed estesa.
Sotto lo sguardo amorevole della Madonna del Santo Rosario noi guardiamo ora al futuro: ricco
di promesse, denso di minacce. Serenamente ne accettiamo le sfide: Dio è con noi; con noi è la sua Vergine Madre, a sostenerci nella responsabilità che a noi, come a tutti gli uomini, incombono e che noi vogliamo affrontare, fiduciosi nelle forze di intelligenza e di volontà delle quali la Provvidenza ci ha forniti; fiduciosi soprattutto, nell’aiuto che essa assicura ai suoi figli; fiduciosi nell’aiuto di Colei che Cristo ci ha lasciata per Madre.
O Vergine Santissima! In te riponiamo le nostre speranze. Al tuo amore materno noi ricorriamo.
L’arma, umile e potente, del tuo Rosario, che faremo nostra specialmente nel corso dell’Anno Mariano che sta per incominciare, ci accompagnerà nella vita e nella morte. Essa ci sarà sicura promessa di vittoria contro gli assalti e le insidie dei nemici tuoi e nostri: i nemici di Cristo e del suo Vangelo.
E tu copri con il manto della tua "onnipotenza supplichevole" la Chiesa nata dal sangue del tuo Figlio; il Papa che è presente qui, oggi, davanti alla tua effige venerata, nell’umile persona del suo Legato; il mondo e l’Italia, in questo momento cruciale della loro storia.
Guarda con amore i poveri, i sofferenti, i giovani e i fanciulli, speranze del nostro domani.
Tu clemente, Tu pietosa, Tu dolce Vergine Maria!
(† Agostino Card. Casaroli)
Prima foto: Sua Eminenza il Cardinale Agostino Casaroli indossa la "porpora" prevista dal cerimoniale per la sua presentazione all’assemblea come Legato Pontificio.
Seconda foto: L’eucarestia resta al centro dell’attenzione dei fedeli nella lunga Veglia di preghiera che dalla sera precedente porta alla recita della Supplica.
Terza foto: Alla concelebrazione hanno partecipato: Sua Eccellenza Mons. Luigi Poggi, Nunzio Apostolico in Italia; Sua Eccellenza Mons. Domenico Vacchiano; Mons. Domenico De Luca e Mons. Luigi Ventura, della Segreteria di Stato.
Quarta foto: Sua Eminenza il Cardinale Agostino Casaroli, inviato Personale del Papa, attorniato da autorità civili e religiose.


"Ottobre 1986" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1987" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1988" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1988" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1989" L'Ora del Mondo
Presiede S.Ecc. Mons. Edward Idris Cassidy - Sostituto della Segreteria di Stato del Sommo Pontefice
È l’otto di maggio, giorno provvidenziale della Storia del Santuario. Ci sono, come sempre, migliaia e migliaia di pellegrini di ogni regione d’Italia convenuti a Pompei sin dalla sera precedente per partecipare alla veglia mariana. Presenti anche il Ministro degli Interni, On. Antonio Gava, il Prefetto e il Questore di Napoli, il Sindaco di Pompei, il Provveditore agli Studi Napoli e numerose Autorità Civili e Militari.
Ospite d’eccezione, Sua Eccellenza Mons. Edoardo Cassidy, Sostituto della Segreteria di Stato del Sommo Pontefice. È Lui che presiede la celebrazione eucaristica che, come di consueto,
precede la recita solenne della Supplica. Concelebrano Mons. D. De Luca, della Segreteria di Stato e Mons. Baldassarre Cuomo, Vicario Generale di Pompei.
All’omelia, dopo aver ricordato il 50° anniversario dell’ampliamento del Santuario, il Presule offre all’atteso ascolto dei fedeli una mirabile sintesi di quello che la presenza di Maria può nel cuore degli uomini.
"Dovunque Maria si renda misticamente presente in questo nostro povero mondo, lì fiorisce la vita, la speranza, la sofferenza è alleviata o guarita, le menti vengono illuminate dalla verità divina, i cuori si accendono di santi propositi, gli animi induriti nel peccato si aprono alla penitenza e alla misericordia del Padre, sorgono le più svariate opere della carità e della solidarietà umana. "A Valle di Pompei – ci ripeterebbe ancora oggi il Beato Bartolo Longo – un traviato diventa il missionario laico del Rosario, la landa più abbandonata diventa uno dei più meravigliosi santuari".
E la Vergine Maria, nei suoi interventi, sembra spesso scegliersi persone, situazioni e luoghi, diremmo noi, con il nostro sguardo umano, inadatti e sprovveduti. Ma ciò rientra proprio nel piano usuale della Provvidenza…".
È questa che la Storia del Santuario di Pompei, storia di amore, di fede, di riconciliazione, di carità.
È la prima volta che l’Eccellentissimo Presule è in visita ufficiale al Santuario. Di questo gliene siamo grati, ma ci ha colpito soprattutto la squisita sensibilità con cui ha penetrato la dimensione più intima dell’esperienza cristiana che si irradia dal Santuario per raggiungere tutti gli uomini di buona volontà.
"Una grande lezione, infine  - ha detto – che ci viene dal Santuario di Pompei, è lo stretto legame che deve unire la preghiera ed il culto divino alle opere della carità fraterna e dalla giustizia sociale. Sappiamo quale luminoso esempio con la sua stessa vita, ha dato il Beato Bartolo Longo. Chi frequenta questo Santuario, chi opera qui nelle varie mansioni che gli sono state affidate, non può mai dimenticare quell’esempio meraviglioso di sintesi tra azione e contemplazione, che deve caratterizzare la vita di ogni cristiano.
Le opere sono il frutto naturale di una preghiera sincera; ne sono il segno di autenticità davanti al mondo; portano esse stesse, se fatte con retta intenzione, alla preghiera sia chi le compie, sia coloro a favore dei quali vengono compiute; sono le condizioni per le quali la nostra preghiera può essere accetta a Dio. Ecco dunque un messaggio che ci viene da questo luogo: mai separare la preghiera dalle opere!".
È il messaggio di Pompei, messaggio evangelico, che il Santuario testimonia con l sua storia e con le opere di ogni giorno.
(Autore: Pasquale Mocerino)


"Ottobre 1989" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1990" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

Presiede S. Ecc. Mons. xxx
Aiutaci o Madre
Potrebbero costituire una vera antologia di preghiere mariane: sono le richieste e le intercessioni che spontaneamente i devoti della Madonna esprimono in occasione delle due annuali veglie mariane. Un vero spaccato sui problemi, sulle necessità e sulle attese degli uomini.
La tradizionale veglia in preparazione alla Supplica alla Madonna (8 maggio e prima domenica di ottobre) è composta da diverse parti ben armonizzate fra di loro. Ovviamente la preghiera dei fedeli è quella preponderante: si veglia pregando: Il Rosario meditato, l’adorazione Eucaristica, la liturgia penitenziale, la lettura di preghiere composte dai pellegrini o inviate da altri forzatamente assenti, la preghiera privata in silenzio sono "la formula" di questa lunga veglia.
Nella notte del 7 maggio ben 318 "foglietti" sono stati consegnati per la lettura. Fogli di quaderno, pagine di agende, biglietti del treno, buste da lettera, note di ristoranti, schede elettorali: tutto è buono per dare sfogo alle preoccupazioni, invocazioni, ringraziamenti per grazie ricevute.
Le intenzioni sono veramente tante: uno spaccato dei problemi e bisogni di individui e società, grandi e piccoli, necessità spirituali e fisiche. Si prega per i figli. Per i genitori, per il marito e la moglie, per le vocazioni, per i drogati, per i parenti ed amici, per i sequestrati, per la pace nel mondo e la serenità delle coscienze. Lo stile è quello semplice ed immediato del cuore. Senza fronzoli, senza raffinatezze lessicali, grammaticali e sintattiche. È la voce del cuore.
Non ci soffermiamo con analisi sociologiche e religiose su queste preghiere. Leggiamole con semplicità. Uniamoci a tante sorelle e fratelli in pena per l’attesa di quanto sta a cuore; partecipiamo alla loro gioia per la grazia ricevuto; impariamo a sperare nei momenti difficili.
1. Amatissima Mamma celeste. Ti prego di intercedere per me e mia sorella Felicetta: prima di ogni altra cosa per la guarigione spirituale e perché la nostra fede possa crescere sempre più, e anche per la guarigione del corpo, che tanto ne abbiamo bisogno, come Tu ben sai. Mamma Celeste e amatissimo Gesù Vi amo e confido in Voi. Grazie per la grazia già ricevuta.
2. Sono un padre che ha un figlio tossicodipendente, sposato con un figlio. Chiedo una preghiera affinché Gesù e Maria gli diano la forza di liberarsi da questo veleno di morte e possa riprendere a lavorare per provvedere alla sua famiglia.
3. Sono una mamma che soffre in silenzio, sono piena di colpe, ho fatto tanti sbagli: credevo di fare tanto bene alle mie figlie invece le ho molto danneggiate. Prego la Madonna di Pompei di perdonare me e di mandare tanta felicità e bene alle mie figlie. La Madonna sa tutto. La prego di mandare in famiglia pace, tranquillità, salute e provvidenza e di aumentare sempre di più la fede in tutti noi.
4. Mia adorata Madonna. Anche quest’anno ti invio il mio bigliettino, innanzitutto per ringraziarti di tutte le grazie che ti ho chiesto e che mi hai esaudito. Io vivo in quanto ci sei Tu, Tu accanto a me nelle mie lotte quotidiane. Io mi sento viva perché ci sei Tu che mi ascolti, mi consigli, mi guidi, Non abbandonarmi mai! Ora Madonnina Ti chiedo di proteggere sempre la mia famiglia affinché la mamma e i miei fratelli, stiano sempre bene. Per me ti chiedo di farmi superare con la consueta forza gli esami che dovrò sostenere nei prossimi mesi di giugno e luglio e di consolarmi, in quanto tu sai quello che ho nel cuore, per cui ti chiedo di provvedere affinché possa essere più serena. Ti prego inoltre di assistere tutte le persone ammalate che ricorrono a te e anche quelli che sono lontani dalla preghiera, e quelli che hanno tribolazioni.
5. Una mamma disperata. Mamma celeste, cambia mio figlio, ti supplico, ha solo 14 anni: ti bestemmia… Non riesco più a sopportarlo, ti prego cambialo, guariscilo spiritualmente, mentalmente, fisicamente. Calmalo, fa che riesca a studiare. Ti ringrazio per le grazie che mi hai dato per mia figlia: assistila ancora, perché ha ancora tanto bisogno di Te e di Tuo figlio. Ti voglio tanto bene.
6. La signora Ernestina chiede preghiere per il figlio Paolo rapito 7 mesi fa e di cui tutt’ora non si hanno notizie.
7. Sono una devota della Vergine di Pompei, sono della Calabria e non ho potuto partecipare al pellegrinaggio avendo mio marito molto malato. Invoco preghiere perché la Vergine di Pompei possa lenire le sofferenze che torturano mio marito. Siamo noi due soli, anch’io sofferente agli occhi (ci vedo poco): che possa avere la forza di accudire mio marito. Io ho piena fiducia. Sono iscritta all’Ora di Guardia e spero che la Madonna non mi abbandonerà mai.
8. È presente all’altare della Vergine di Pompei un gruppo proveniente dal Santuario di Maria SS. Ad Nives di Corigliano-Schiavonea (CS). A nome di tutti i cittadini di Schiavonea i pellegrini chiedono alla santissima Vergine una benedizione speciale per tutte le famiglie, per i giovani, per gli ammalati, per tutti i bisognosi e i sofferenti. Che la santissima Vergine sia particolarmente presente, in questo momento storico, in mezzo alla popolazione di Schiavonea.
9. Sono una giovane moglie con un bambino di 2 anni. Chiedo una grazia per mio marito Carmine: da due anni è malato di sclerosi multipla, ridotto su una sedia a rotelle: ha solo 22 anni.
10. Cara Madonna di Pompei, vorrei da te che il mondo non continui così, che i bambini poveri abbiano un letto, una casa, un riscaldamento. Aiuta il mondo. Fa guarire tutti gli ammalati, mio padre, mia madre. Ti pregherò tutte le volte che vorrai. Per favore fai sparire la violenza, i ragazzi drogati. Madonna aiutateci voi in questo mondo perché siamo fratelli di Gesù e figli di Dio.
11. Dolcissima Mamma di Pompei, in questo giorno solenne da te tanto accolto, sono venuta a piedi ai tuoi piedi e ci sono arrivata per grazia tua. Ti chiedo la grazia più urgente, di far stare bene mio marito che soffre di dolori che mi preoccupano molto. Poi che liberi la nostra famiglia e quella di mio fratello dalla violenza perché c’è mio fratello morto ucciso, e ora anche un cugino e ti prego di difendere l’altro fratello da questa violenza di morte. Facci vivere in pace, con la salute dell’anima e del corpo. Guarda soprattutto i miei figli e i miei nipoti tutti. Mamma perdonami: una figlia tutto chiede alla propria Mamma celeste.
12. Sono una devota della Madonna e del beato Bartolo Longo e sono stata sempre esaudita tutte le volte che a Lei sono ricorsa. Da molti anni vengo a fare la veglia. La mia presenza qui è un atto di riconoscenza per tutte le grazie da lei ricevute. Invito tutti i presenti a recitare un’Ave Maria perché la Madonna esaudisca la mia preghiera e nella mia famiglia ci sia qualcuno disposto a servire il Signore e susciti nel cuore do molti giovani sante vocazioni. Invito a recitare la preghiera di S. Teresa del Bambino Gesù: Signore donaci dei sacerdoti che siano angeli per purezza, eroi di sacrificio e apostoli della tua gloria. Ne abbiamo tanto bisogno. (Autore: Pietro Caggiano)


"Ottobre 1990" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Ecc.za Mons. Giuseppe Costanzo - Vescovo di Nola
"Ottobre 1990" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Ecc.za Mons. Giuseppe Costanzo

(Vescovo di Nola)
Si è svolta in uno splendido clima festoso, la recita della Supplica della prima domenica di ottobre. Come è ormai consuetudine, migliaia e migliaia di pellegrini di ogni regione d’Italia sono convenuti a Pompei, già dalla sera precedente, per vegliare in preghiera nell’attesa, trepida e gioiosa, dell’ora solenne della domenica.
Molti sono giunti a piedi, dai paesi vicini, per esprimere alla "Sovrana del cielo e della terra", alla "Regina delle vittorie", la loro devozione di credenti e la confidenza di figli.
È senz’altro diverso il clima di festa che si crea a Pompei in questa circostanza. Esso ha un che di particolare, esprime qualcosa di profondo. Lo ebbe già a notare il Beato Bartolo Longo nella sua "Storia del Santuario", quando annotava che "le feste nella Valle di Pompei sono sempre nuove: sono le feste dell’uomo che cerca Dio".
La solenne concelebrazione che precede, alla domenica, la recita della Supplica, è stata presieduta, quest’anno, da Mons. Giuseppe Costanzo, Vescovo di Nola, quasi a ricordare il legame storico che unisce la
Chiesa di Pompei a quella Nolana. Concelebrano Mons. Baldassarre Cuomo, Vicario Generale della Prelatura, e Mons. Pietro Caggiano, Amministratore del Santuario. Inoltre, sono presenti il Prelato di Pompei, Mons. Domenico Vacchiano, Mons. Aurelio Sorrentino, Arcivescovo di Reggio Calabria e le autorità civili e militari.
All’omelia, Mons. Costanzo ha invitato i fedeli a riflettere sulla figura di Maria ponendo questa domanda: "Ma chi è Costei che tutti cercano con istinto immediato e tutti contemplano con cuore ammirato?". Ha dato, poi, risposta a questo interrogativo indicando ciò che Maria è, "Maria - ha proseguito il Vescovo – è la donna nuova, la nuova Eva, la vera figlia di Sion. È Colei che ha creduto alla Parola di Dio, che si è fidata del suo amore. È la piena di grazia, totalmente trasformata e ricolmata dalla Grazia di Dio. È la benedetta fra tutte le donne, perché è la Vergine del S^: il sì dell’Incarnazione, il sì della Redenzione, il sì della vita nascosta".
Con la sapiente sensibilità che gli è propria, Mons. Costanzo ha portato il contenuto della sua riflessione mariana sulla vita quotidiana invitando i fedeli a guardare Maria come maestra di vita.
Tutt’altro che passiva e remissiva, ha detto il Vescovo, "è donna attiva e responsabile, forte e fedele. Con la sua vita e le sue scelte Ella contesta all’uomo d’oggi il tradimento consumato nel rovesciamento dei primati: il primato delle cose sulla persona, dell’avere sull’essere, dei consumi sui valori, del profitto sulla vita, della tecnica sull’etica, della parte sul tutto.
Maria ci ricorda che la corretta gerarchia dei valori esige il ribaltamento dei primati sopra citati".
Facendo, poi, riferimento al contesto campano, il Vescovo ha, così, proseguito: "A Lei, maestra di vita e modello di santità, noi, oggi, affidiamo questa nostra terra così tormentata e generosa, la nostra gente, così provata e paziente. A Lei consegniamo i giovani che cercano un senso per la loro vita e pienezza per la loro esistenza. A Lei affidiamo gli adulti, perché si impegnino ad essere validi educatori in questo tempo di paurosa deresponsabilizzazione e testimoni credibili in mezzo alla generale disaffezione e sfiducia".
La fede e la vita, la fede e la testimonianza è il messaggio che continuamente parte da Pompei e sollecita tutti coloro che venerano la Regina del Rosario.
(Autore: Gioacchino Cozzolino)


"Maggio 1991" L'Ora del Mondo

Presiede S. Ecc. Mons. Francesco Saverio Toppi
(Le celebrazioni della Supplica di questo maggio 1991 hanno, tra l’altro, ricordato il centesimo anniversario della consacrazione del Santuario)
La dolce violenza di Maria alle nozze di Galilea
Diamo il testo dell’omelia pronunciata dall’Arcivescovo di Pompei durante la funzione della Supplica. Sull’esempio della Madre di Dio, ognuno deve venire incontro alle necessità dei fratelli, anche se non richiesto, per realizzare la "civiltà dell’amore".
Siamo a Pompei, dinanzi al Santuario dove è presente ed opera in modo particolare la Vergine Madre Maria. E dove è Maria viene Gesù, Come allo sposalizio di Cana, di cui parla il Vangelo (Gv 2, 1-12).
C’è Gesù, e Maria ci sta proprio per questo: per far venire Gesù! Maria esiste in funzione di Gesù; Maria è vissuta, ha operato e continua a vivere e ad operare per dare Gesù al mondo, per farlo conoscere e amare.
È Gesù è in mezzo a noi! L’opera di Maria: porre Gesù in mezzo agli uomini si realizza in pieno
adesso, qui. Ella ci ha riuniti nel Nome del Signore e il Signore – secondo la sua promessa – è in mezzo a noi.
Ravviviamo la fede, stringiamoci insieme nel Nome di Gesù, sotto lo sguardo di Maria e confermiamoci nella certezza che Gesù, il Signore, è qui, adesso, in mezzo a noi. E riviviamo l’evento salvifico narrato e ora proclamato dal Vangelo di Giovanni.
Ecco Maria che si fa avanti e dice a Gesù: "Non hanno più vino". Si sta a tavola, si mangia e si beve allegramente, è un banchetto nuziale; ad un certo punto viene a mancare il vino. Maria non è la padrona di casa, è una semplice invitata, non ha alcuna responsabilità, non avrebbe alcun titolo per intervenire; nessuno la sollecita perché lo faccia, eppure interviene.
È Maria, è la Mamma tutta occhi per vedere se manca qualcosa; si accorge che viene a mancare il vino: un’ombra sulla festa, una brutta figura per famiglie degli sposi, una privazione penosa per i commensali. Maria non può starsene passiva, ella interviene e chiede al suo Figlio di provvedere, certa della sua potenza e della sua bontà.
Ditemi, fratelli, dinanzi a questo fatto così eloquente riportato dal Vangelo, possiamo ancora dubitare della sollecitudine materna di Maria?
Dinanzi a questa prova così bella della sua volontà di venirci incontro, prevenendo persino le nostre stesse domande, possiamo esitare a chiederLe tutto quanto ci occorre per la nostra salvezza, per la nostra gioia?
La Supplica, che reciteremo insieme, sia l’esposizione della nostra fiducia incrollabile dinanzi alla tenerezza di Maria, documentata nel Vangelo, cantata per mille e mille prodigi dal genio del Beato Bartolo Longo, gridata dalle pietre di questa Basilica, dagli ex-voto del Santuario.
"Non hanno più vino!" osserva Maria con uno squisito atto d’amore per evitare una pena, per procurare una gioia nell’umile contesto di uno sposalizio in un povero paese di periferia. Quale insegnamento per noi! Moltiplichiamo oggi le analisi della situazione preoccupante della nostra società, abbiamo sulla bocca, e declamiamo coi mezzi di comunicazione sociale, parole grosse per stigmatizzare i mali, i delitti che imperversano dovunque e gridiamo che bisogna correre con urgenza ai ripari…
Se vogliamo sul serio fare qualcosa, imitiamo l’esempio di Maria: lì dove siamo e operiamo, in concreto esercitiamo la carità evangelica, veniamo incontro ai fratelli, comprendiamoli, amiamoli, aiutiamoli come meglio possiamo. Non pretendiamo dagli altri, cominciamo da noi, coi fatti e nelle circostanze ordinarie amiamo il prossimo, cioè colui che ci sta accanto. Il Concilio raccomanda di esercitare la carità non solo nelle grandi occasioni, ma anche in quelle umili di ogni giorno (Cfr
GS 38); il Concilio dichiara che oggi soprattutto urge l’obbligo di essere prossimi a chiunque ci sta d’accanto e rendergli servizio coi fatti (Cfr GS 27).
Maria, la Madre di Gesù, la Madre della Chiesa, anzi la Madre dell’umanità, ci spinga efficacemente su questa strada che porta a realizzare la "civiltà dell’amore"!
"Che ho da fare con te, o donna? Non è ancora giunta la mia ora".
È la risposta scomoda, sconcertante di Gesù a Maria. Versetto tormentato dagli esegeti, che qualcuno ha cercato anche di ammorbidire fondandosi su una lettura non del tutto improbabile del testo. Noi preferiamo lasciarlo come suona, come la tradizione ermeneutica l’ha preso quasi unanimemente. Sì, il Signore prende le distanze da Maria, vuol provarne la fede e la fiducia, afferma con chiarezza inequivocabile che non è ancora venuta l’ora di fare miracoli, di far conoscere cioè la sua identità, come vorrebbe Maria.
Qual è la reazione di Maria a quest’urto formidabile, a questo rifiuto netto del Figlio? Si rivolge agli incaricati delle mense e dice loro: "Fate quello che (Gesù) vi dirà".
E costringe così il Signore a fare il miracolo, il primo miracolo, ad anticipare l’ora dei miracoli, ad affrettare il tempo della rivelazione della sua gloria.
Vorrei avere qui la capacità di esplicitare, di esaltare, di cantare l’eroismo della fede di Maria, l’efficacia determinante della sua opera nella storia della salvezza, l’onnipotenza della sua mediazione. Sono felice di dichiarare la mia incapacità dinanzi alla sublimità della virtù di Maria, all’unicità assoluta della sua influenza nel progetto salvifico di Dio; sono felice di sottoscrivere le pagine stupende scritte dal B. Bartolo Longo in merito, e fra poco, di cantare con voi tutti, con tutti i devoti della Madonna di Pompei sparsi nel mondo intero, l’inno trionfale della Supplica.
"Fate quello che Gesù vi dirà".
È la consegna, il testamento di Maria a noi. Come il Padre sul Tabor proclamando Gesù suo Figlio prediletto ci dice di ascoltarlo, così Maria alle nozze di Cana, spingendo il Figlio a manifestare la sua gloria, ci suggerisce di fare quello che lui dice. E Gesù ci dice innanzi tutto di convertirci e di credere al Vangelo (Cfr. Mc 1, 15). La conversione è la parola-chiave della vita cristiana; il
Santo Padre in una recente intervista a proposito del centenario della "Rerum Novarum" sottolineava l’importanza della conversione per la soluzione dei problemi sociali che affliggono il nostro tempo. La conversione è l’istanza primaria che attraversa da capo a fondo la Supplica.
Non si può recitare la Supplica senza avere un senso profondo, un vivo dolore dei peccati, un proposito fermo di eliminarli dalla nostra esistenza. "Con i peccati torniamo a crocifiggere nuovamente in cuor nostro Gesù e trafiggiamo nuovamente il tuo Cuore, o Maria". La Supplica trasuda lacrime di pentimento e non si può recitarla senza condividerle guardando a Gesù Crocifisso e a Maria Desolata; non si può recitare con frutto e con sincerità la Supplica senza prendere l’impegno deciso di smetterla di peccare, di cambiare modo di pensare e di agire, di conformarci al Vangelo.
"Fate quello che Gesù vi dirà".
È l’ultima parola di Maria registrata nel Vangelo; è l’ultima parola di Gesù riguardante il nostro rapporto con Maria è "Donna, ecco il tuo Figlio… Ecco la Madre tua" (Gv 19, 26-27). La Supplica è tutta permeata dalla consapevolezza che Maria è Madre nostra e noi siamo suoi figli: "Ricordati – diciamo a Maria – che sul Golgota, raccogliesti col Sangue divino il testamento del Redentore moribondo che ti dichiarava Madre nostra…
Noi confidiamo pienamente in Te, ci abbandoniamo come deboli figli tra le braccia della più tenera fra le Madri".
Sì, Maria! Noi confidiamo pienamente in te. Ascolta la nostra supplica e presentala al Padre per Gesù nello Spirito Santo. In nome della Chiesa, dell’umanità intera che tu rappresenti e chiudi nel Cuore, implora la pace, ottieni per tutti i tuoi figli misericordia, conversione sincera e continua, per il mondo sconvolto da tanti mali la vittoria del bene sul male, il trionfo dell’amore sull’odio, l’avvio deciso a costruire in Gesù risorto la "civiltà dell’amore".

Ŧ Francesco Saverio Toppi
(Da: Il Rosario e la Nuova Pompei – Anno 107 – Luglio-Agosto 1991)


"Ottobre 1991" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza il Signor Cardinale Virgilio Noè

Le Feste Pompeiane di Ottobre
"Effondiamo gli affetti del nostro cuore alla gloriosa Regina del Rosario" (Bartolo Longo)
Come Lei disponiamoci ad ascoltare la Parola del Signore e a viverla con entusiasmo nella vita di ogni giorno.

Programma
Venerdì 4 ottobre:
Ore 18.00 Discesa del Quadro e S. Rosario
Ore 19.00 Processione cittadina in onore del Beato Bartolo Longo
Sabato 5 ottobre:  
Festa del Beato Bartolo Longo
Ore 20.00 Inizio della Veglia Mariana. Recita del S. Rosario guidata dal Santo Padre in diretta dalla Radio Vaticana.
Ore 24.00 Santa Messa presieduta dall’Arcivescovo di Pompei.
Domenica 6 ottobre:
Ore 11.00 Santa Messa
Ore 12.00 Solenne recita della Supplica. Presiede Sua Eminenza il Signor Cardinale Virgilio Noè
N.B. La celebrazione sarà trasmessa da Canale 21.
Lunedì 7 ottobre:
Solennità liturgica della B.V. Maria del Rosario
Ore 19.15 Concerto d’organo del Maestro Franco Di Lernia

Il grande giorno della Supplica di ottobre 1991

Dal 2 al 4 ottobre Pompei ha vissuto sette giorni di fede, di preghiera e di cultura religiosa, di testimonianza alla marianità del Santuario ed alla memoria del suo Fondatore Beato Bartolo Longo. Il calendario delle iniziative era legato alle "due grandi date", che si rincorrono a Pompei all’inizio del mese di ottobre: la festa del Beato, che cade il giorno 5 e la Supplica alla B. Vergine del Rosario nella prima domenica del mese. Quest’anno, poi, si aggiungevano il centesimo anniversario della consacrazione della Basilica e il novantesimo della facciata dedicata alla Pace. Esplicito e stimolante lo stesso avviso sacro, con il quale il Prelato, Arcivescovo Francesco Saverio Toppi, ha invitato la cittadinanza ed i fedeli del Rosario all’appuntamento: "La presenza della Madre divina del Santo Rosario e del Fondatore di questa città, ci interpella fortemente. Auguro a tutti la gioia di un generoso "sì" alla voce che ci invita". E la voce, come vedremo, rivolta "ai carissimi pompeiani e pellegrini" è stata accolta, con un consenso fervido, corale, generoso, come nell’auspicio.
Le due ricorrenze, infatti, sono state annunciate con un triduo di preghiera dal 2 al 4 ottobre. Il 3 ottobre, poi, nella sala consiliare del Comune, il prof. Domenico Rinaldi, l’avvocato Francesco Sicignano, il vice Sindaco di Pompei e lo stesso arcivescovo Toppi, hanno trattato il tema "Discorriamo sul fondatore di Pompei, avv. B. Longo". Significativa, ci è sembrata, la scelta della sede della conferenza: non dimentichiamo, infatti, che il palazzo municipale apparteneva alla Contessa De Fusco, consorte e collaboratrice di don Bartolo.
Il 4 ottobre, alle ore 18, il Quadro della Vergine del Rosario è disceso dalla sua sede abituale,
sopra l’altare maggiore. Alle ore 19 si è mossa la processione solenne con la statua del Beato Bartolo Longo, lungo la Via Sacra, con sosta nel cortile dell’Istituto Bartolo Longo: una sosta significativa. "Caro Don Bartolo – ha detto un alunno nel suo intervento – noi siamo ad accoglierti, a testimoniare in nome di coloro che ci hanno qui preceduto e che tu avvicinavi quotidianamente in questo stesso luogo, cercando di lenire con la tua parola e con le tue battute scherzose la loro tristezza di orfani". Anche l’Arcivescovo Toppi ha preso la parola, facendo un caloroso e veemente parallelo fra S. Francesco d’Assisi e B. Longo, ambedue accomunati sul tema della fiducia, da accordare a tutte le creature in nome del Signore, che le ha create, dando loro pari dignità.
Il 5 ottobre è stata celebrata la festa del Fondatore: gli alunni di tutte le scuole cittadine hanno assistito alla liturgia eucaristica, offrendo poi al monumento del Beato il loro omaggio floreale, mentre la Banda dell’Istituto B. Longo. Dopo aver suonato l’inno nazionale e quello pontificio, ha voluto, con una fantasia musicale, ripetere idealmente la serenata a B. Longo, come avveniva nelle feste, quando egli abitava nel villino di Via Colle S. Bartolomeo.
Giungiamo così alla domenica, giorno della Supplica, vissuto nel continuo affluire di pellegrinaggi organizzati; ed ancora assistiamo allo spettacolo di una città intera, che si mobilita per accogliere i pellegrini, provenienti da ogni parte della penisola ed anche dalla Sicilia e con essi partecipa alla Supplica; preghiera che nel tempo continua ad esercitare un’attrazione spirituale straordinaria, eccezionale. L’atmosfera nella Piazza e nelle strade, movimentata fin dalle
primissime ore del mattino, si fa progressivamente più silenziosa ed attenta durante la celebrazione eucaristica, presieduta dal Cardinale Virgilio Noè, assistito dal Prelato Arcivescovo di Pompei Francesco Saverio Toppi e dall’emerito Arcivescovo Mons. Domenico Vacchiano, presenti autorità civili e religiose ed i Cavalieri e le Dame del S. Sepolcro. Nel raccoglimento tutti i fedeli diventano testimoni, pregano per unirsi al Padre; dall’omelia del Cardinale apprenderanno meglio il significato della presenza della Madre divina nel progetto ecclesiale e l’universalità assunta dal Rosario nella storia dei popoli, nel cuore di ogni cristiano. L’omelia può essere definita come un avvincente, profondo omaggio alla madonna, nel complesso itinerario da lei percorso, che riconosce Beata, Regina delle Vittorie, Trono di clemenza e Madre di misericordia. Questa visione del ruolo mariano si arricchisce a Pompei di "una umile corona di cinquanta grani, legati insieme da un filo di ferro, che si appunta in un Crocifisso: si tratta del Rosario, chi lo recita deve ripetere per cinquanta volte l’Ave Maria". Questo ripetuto saluto alla Vergine assume un significato particolare, compendia aspetti diversi dell’umano sentire il colloquio con Dio attraverso la Madre: mentre mi ripeto, infatti, rifletto, prendo coscienza dei miei limiti e dei miei errori, delle mie possibilità, chiedo protezione per il presente, per il futuro ed oltre. E lo stesso accade quando ascolto e ripeto coralmente la Supplica alla vergine del Rosario: quelle invocazioni riassumono le esigenze umane di sempre, ti coinvolgono interamente, si rivolgono alla umanità intera, sono attuali in ogni loro accento.

(Autore: Luigi Leone)
Prima foto: In Piazza per la Supplica di Ottobre 1991

Seconda foto: Pompei. La folla dei devoti della Madonna gremisce la piazza antistante il Santuario alla Supplica di Ottobre
Terza foto: Il Card. Virgilio Noè ha presieduto la solenne eucarestia e la recita della Supplica. Alla sua destra l’Arcivescovo di Pompei, Mons. Toppi e alla sinistra, Mons. Domenico Vacchiano, Arcivescovo emerito di Pompei.


"Maggio 1992" L'Ora del Mondo

Presiede l’Arcivescovo di Napoli, Card. Michele Giordano
Una Supplica che rientra nel consueto appuntamento dell’8 maggio, a ricordo della posa della prima pietra del Santuario; ma anche e soprattutto una Supplica straordinaria, eccezionale, coraggiosa nella omelia dell’Arcivescovo di Napoli, Card. Michele Giordano, il quale nel celebrare un meraviglioso inno alla Madonna ed alla sua missione, ha trasformato poi il momento della preghiera in accorato, severo richiamo a quella "ora difficile della storia" che stiamo vivendo, ora nella quale si evidenzia maggiormente la necessità di confidare nella Madonna e di operare "scelte coerenti con la fede che professiamo in cuore".
Al venerdì 8 maggio, Pompei è giunta con fervore dei preparativi della vigilia: il programma aveva scandito le sue tappe affrontandole nei minimi particolari, da quelli logistici a quelli più propriamente liturgici e comunitari. Fra quelli logistici figura anche la distribuzione di una specie di vademecum per i fedeli, per i pellegrini, per la folla: ricordare che la Chiesa è casa di Dio, non occupare le sedie, non prestare ascolto ad eventuali voci allarmistiche, utilizzare le parti laterali per l’uscita, quelle centrali per l’entrata, custodire le proprie cose con attenzione ed altre raccomandazioni.
Il giorno 6 la discesa del Quadro della Madonna: è questa l’occasione in cui ai fedeli sembra di potersi esprimere in forma più immediata, diciamo, a vista, quando possono soffermarsi più agevolmente e trarre dal colloquio che si apre in quel momento di incontro una fiducia più consistente. È come osservare l’immagine di una persona cara, tenendo la cornice che la espone fra le nostra mani.
I fedeli sentano che l’ascolto spirituale trae vantaggio dalla vicinanza stessa della raffigurazione e giungono numerosi, ininterrottamente a genuflettersi, a pregare, lasciano persino i loro messaggi scritti.
Giovedì alle 19, ha inizio la Veglia: la Basilica si affolla ed al suo interno agli spazi si sostituisce un tappeto di sedie, che accomuna gli uni vicino agli altri, giovani e meno giovani, uomini e donne di ogni ceto sociale. Qui la maggioranza delle persone rimangono ascoltando la Messa di mezzanotte, attendendo l’alba, dividendo il tempo nella preghiera, nell’ascolto dei canti liturgici. Siamo dinanzi all’aspetto corale dell’incontro con la Madonna, che diverrà sempre più ampio e
consistente con l’avanzare delle ore. I pellegrini sono giunti anche a piedi, seguendo un’usanza che spesso è legata all’esigenza del sacrificio, che vede nello stesso impegno fisico un modo per manifestare l’amore, o per avere maggiori possibilità di essere esauditi, o che dà al percorso a piedi un significato penitenziale, per divenire meritevoli del perdono, della riconciliazione. Ha officiato la Messa di mezzanotte il Prelato Francesco Saverio Toppi e con lui era la grande famiglia del clero, delle opere sociali.
Alle ore 10.30 del mattino i mezzi audiovisivi (Radio Maria e Canale 21) aprono i contatti con la piazza Bartolo Longo; lo speaker segue momento per momento il susseguirsi della celebrazione eucaristica, inquadrando lo spettacolo di 35 mila persone che si uniscono in contemporanea e che condividono gesti, parole, suoni, voci, colori, immagini, che possono puntare lo sguardo sull’effige della Vergine, sul volto di B. Longo, nel monumento a lui innalzato dai pompeiani, 30 anni orsono.
A presiedere la celebrazione eucaristica è stato chiamato l’Arcivescovo di Napoli, Card. Michele Giordano, e con lui hanno concelebrato il Prelato Mons. Francesco emerito Saverio Toppi e l’Arcivescovo Mons. Domenico Vacchiano.
I momenti liturgici sono stati intercalati dai canti eseguiti dal "Coro pompeiano", dalle novizie, dagli stessi giovani delle opere sociali, che sorgono intorno al Santuario. Sono giovani che appartengono a quella fascia di gioventù colpita e diseredata dagli affetti familiari primari, alla quale B. Longo ha lasciato l’eredità concreta degli Istituti di educazione e di formazione ed ha affidato, come testamento spirituale, la costanza della recita del S. Rosario: un connubio singolare che vede la preghiera trasformarsi in solidarietà e la solidarietà ritrovarsi nella preghiera.
La nostra carrellata giunge così all’omelia e possiamo confermare, come abbiamo detto in apertura, che si è trattato di un momento molto intenso, contrassegnato da una profondità ecclesiale e sociale di particolare rilevanza, che la gente ha avvertito nell’intimità del momento individuale, ma che ha lasciato il suo segno per ulteriori riflessioni e confronti.
"La Madonna di Pompei, da questa Valle appare a chi arriva a chi parte come un segno luminoso di protezione e di speranza, come uno stimolo a ben vivere e a ben operare nella fede in Dio; nella giustizia verso i fratelli, nella libertà del popolo e delle sue civili istituzioni".
Con queste precise indicazioni, il Cardinale Giordano ha già segnato la traiettoria del suo intervento: "Maria come luce che sostiene l’uomo verso Dio, Maria come stimolo perché l’uomo viva ed operi tenendo conto della fede, del rispetto reciproco, della libertà del popolo e delle sue produzioni sociali". Siamo dinanzi ad un disegno che nella fase conclusiva dell’omelia evidenzia l’impegnativo intento del discorso stesso.
Maria accetta, si dichiara "Serva del Signore" e vive il suo servizio nell’annullamento dell’amore, non nella soggezione. Nella sua scelta si compendierà il dolore, la sofferenza, ma anche la gioia
della mediazione e del sostegno del prossimo.
Il suo itinerario si connota al magnificare il Signore, nell’agevolare la salvezza, nel realizzare la fine delle ingiustizie, nelle prepotenze, delle oppressioni.
"È un compito qualificante", dirà il Cardinale, e lo diventa ancora di più se lo si colloca là dove i figli chiedono, là dove i figli soffrono, o dove i figli sbagliano. "A me pare che andiamo verso giorni esigenti… e la nostra è certamente un’ora difficile della storia…". Di qui le sollecitazioni dell’omelia: "i contemporanei vivono nello scetticismo, nell’orgoglio, nell’avidità, nel disamore, si lasciano inquinare dalla sete del denaro, di godimento; coloro che ne sono investiti, non sempre amministrano speditamente e rigorosamente la giustizia; la gente comune è presa dallo sconcerto, dalla irritazione, dallo sconforto; lo Stato appare impotente, nonostante l’impegno delle forze dell’Ordine e della Magistratura; l’organizzazione criminale prevale e diventa sempre più spavalda. Sono i mali di questa nostra "ora difficile", sono quei mali che nelle parole della Supplica possono connotarsi "negli affanni e nei travagli che amareggiano la nostra vita", "nei pericoli nell’anima e nel corpo", "nelle calamità e nelle afflizioni che ci costringono".
Da uno stato di fatto così amaro e così tragico il ricorso a Maria "come modello di ogni giustizia" diventa indifferibile, necessario perché in questa nostra storia sociale si apra un tempo nuovo, che come quello inaugurato dal Magnificat, risolva il dolore, la fame, le guerre, le ingiustizie.
(Autore: Luigi Leone)
Prima e Seconda foto: La solenne celebrazione eucaristica, che ha preceduto la recita della Supplica, è stata presieduta dal Cardinale di Napoli Michele Giordano. Con lui hanno concelebrato Mons. Domenico Vacchiano, Vescovo emerito di Pompei, e il nostro attuale Arcivescovo Mons. Francesco Saverio Toppi.
Terza foto: La recita della Supplica ha visto, come è ormai tradizione, la partecipazione di migliaia di devoti. Moltissimi l’hanno seguita attraverso Canale 21 e, per la prima volta, su scala nazionale, da "Radio Maria".


"Ottobre 1992" L'Ora del Mondo
Due Santi della Carità

Quest’anno la "Supplica" di ottobre coincide con la festa liturgica del patrono d’Italia San Francesco d’Assisi.
Coincise anche nel 1891, l’anno in cui era stata avviata la straordinaria e originale opera sociale per i figli dei carcerati e si preparava in Basilica l’altare di San Francesco insieme a quello di San Domenico.
Sarà quanto mai edificante e piacevole rileggere una pagina bellissima, scritta dal Beato Bartolo Longo per tale occasione. "Per il giorno 4 del mese di Ottobre prossimo tutto il popolo cristiano
festeggerà la Madre di Dio sotto il titolo più augusto di Regina delle Vittorie e sotto il simbolo più caro di Regina del SS. Rosario.
Ma codesta data del 4 Ottobre è pur cara e solenne ad un’altra gran parte del popolo eletto, alla immensa famiglia Francescana sparsa nel mondo, che in quel medesimo giorno festeggia il gran Padre dei Frati Minori, il Serafico di Carità, il quale ha acceso il mondo del fuoco di Gesù Cristo, il Poverello di Assisi, che domina i cuori dell’universo e li ha aggiogati a sé, a cominciare dal Pontefice Leone e dalle più venerande potestà, alle cime degli ingegni più alti, e discendere a tutte le gradazioni sociali.
La solennità della Regina delle Vittorie adunque e l’anniversario del transito di S. Francesco d’Assisi s’incontrano quest’anno nel medesimo giorno, e raccolgono insieme la venerazione e l’affetto di quante anime sono devote del Rosario e riconoscono nel Poverello d’Assisi l’immagine più somigliante di Gesù Crocifisso.
Questo riscontro si è rivelato alla nostra fantasia come principio fecondo di una novella propaganda religiosa e civile incentrata in questo Santuario.
Nella data che unisce le due feste, istituite per celebrare le vittorie della Chiesa durante la sua faticosa traversata dei secoli, noi abbiamo intuito la luce di una nuova gloria per la Chiesa di Pompei, il mezzo di altre meraviglie soprannaturali, un cominciamento ai nuovi soccorsi alla Fede e alla carità cristiana, un sublime ampliamento dell’azione religiosa di questo Santuario sui popoli.
E nel religioso commovimento del nostro spirito, rapiti alla sovrana bellezza della nuova idea, abbiamo salutato con profonda gioia il novello campo aperto alla nostra attività.
Fratelli e Sorelle sparsi per tutto l’orbe, nel Maggio del prossimo anno 1892 noi glorificheremo S. Francesco d’Assisi nel Santuario di Pompei.
Innalzeremo al Santo della Povertà e della Carità un Altare in questo Santuario della regina delle Vittorie.
Il suo posto è già ordinato: sarà di riscontro all’altare del Cuore di Gesù; significante che il gran Poverello di Assisi è la prima emanazione della vita del Cuore di Gesù in mezzo ai popoli dell’universo" (Il Rosario e la Nuova Pompei, VIII, 1891, pp. 417-418).
Era nel settembre 1891 quando scriveva così il nostro Beato. Gli era profondamente congeniale l’abbinamento dell’opera per i figli dei carcerati con l’erezione dell’altare di san Francesco come messaggio d’amore, inizio di un apostolato sociale che partiva dal Santuario della Madonna del Rosario per il mondo intero.
Bartolo Longo additava in Francesco d’Assisi la figura emblematica della Carità, della fratellanza universale e della pace.
Quanto si proponeva con le Opere caritative, era un ideale che gli veniva ispirato in modo particolare dalla spiritualità francescana.
Questa si armonizzava in lui a meraviglia con la spiritualità domenicana in una sintesi perfetta e operosa.
Basta leggere a tal proposito le pagine che seguono a quella riportata sopra e che tratteggiano l’itinerario spirituale e sociale da lui scelto e percorso (Il Rosario e La Nuova Pompei, VIII, 1891, pp. 418-425). B. Longo aveva avuto la grazia di assorbire lo spirito di San Francesco da un suo figlio autentico, meraviglioso: il Venerabile Padre Ludovico da Casoria, che chiamava suo maestro.
Uno studio approfondito di questo rapporto porterà a scoprire e a collocare nel giusto contesto storico-ambientale aspetti inediti e scelte originali del nostro Fondatore; porterà soprattutto ad evidenziare – e contribuirà ad attualizzare – il carisma supremo della Carità, che egli amò contemplare emblematizzato nel Poverello Serafico e che seppe esprimere nel suo atteggiamento di fondo e nelle Opere sociali.
S. Francesco d’Assisi e il Beato Bartolo Longo, tanto simili nello spirito ed ora avvicinati anche dalle loro feste liturgiche, ci richiamano con la forza travolgente della loro carità a contribuire tutti per realizzare al più presto, e dovunque siamo, "la Civiltà dell’Amore".

Nel nome della carità e della fratellanza universale
La Supplica di ottobre ricordando S. Francesco e il Beato Bartolo Longo

"Il Rosario e la Nuova Pompei" è dono del Beato Bartolo Longo ai devoti della Madonna del Rosario di Pompei, agli amici e sostenitori delle sue Opere.
Questa è la scritta in copertina: i destinatari rimangono idealmente gli stessi per i quali l’Avv.
Bartolo Longo, propagatore del Rosario, diede vita a questo periodico, né mutate sono le finalità della pubblicazione rispetto al tempo. B. Longo, mentre diffonde il Rosario e crea una Chiesa, si affida anche all’informazione.
"Il Rosario e la Nuova Pompei", giunto, oggi, al suo 108° anno, aveva il compito preciso di raccontare la vita del Santuario e delle Opere nel loro procedere, nella loro esistenza quotidiana ordinaria e straordinaria, nelle ricorrenze, negli eventi, secondo una visione che riassumesse aspetti religiosi, civili, culturali: una via divenuta sempre più intensa, una vita "del Santuario e delle Opere" che si ripete rinnovandosi e che si rinnova ripetendosi, attraverso una passerella di fatti costanti e di avvenimenti contingenti.
Il momento della recita della Supplica della prima domenica di ottobre è, come quello dell’8 maggio, uno di quei momenti per molti aspetti noto e scontato; eppure ogni anno c’è in queste ricorrenze una ricchezza nuova, un attributo da aggiungere, una considerazione in più da fare perché la vita del Santuario, pur avendo le sue regole, è la vita degli uomini, è trasformazione delle cose, è vita della carità nelle sue diverse forme, è vita delle sofferenze interne ed esterne, delle difficoltà e delle conquiste; della gioventù che si trasforma, è vita della stessa Chiesa che si riesamina, che si confronta ad ogni Natale, ad ogni Pasqua, ad ogni passaggio epocale. Lo stesso accade per la vita del Santuario: la Supplica della prima domenica di ottobre di quest’anno rappresenta un esempio, perché essa ha coinciso con la festa liturgica del Patrono d’Italia, San Francesco d’Assisi: una coincidenza che si verificò nel 1891.
"Nella data che unisce le due feste… - scriveva Bartolo Longo – noi abbiamo intuito la luce di una nuova gloria per la Chiesa di Pompei, il mezzo di altre meraviglie soprannaturali, il cominciamento di nuovi soccorsi alla Fede e alla Carità cristiana, un sublime ampliamento dell’azione religiosa di questo Santuario sui popoli". Quella intuizione può dirsi certo realizzata a un secolo di distanza.
Il Fondatore della Nuova Pompei intendeva richiamarsi all’Opera dei figli dei carcerati e all’altare di S. Francesco, espressioni significative ed esaltanti della carità, intesa come S. Paolo la spiega nelle sue Lettere: carità come amore, amore-servizio, amore-ascolto, amore-disponibilità, come perdono, come sacrificio di sé, come momento di attesa e di rinuncia.
È questo il messaggio implicito ed esplicito della Supplica, dove si celebra l’amore della Madre verso il Figlio e la sua azione mediatrice fra l’uomo ed il Cristo figlio del Padre.
Per la famiglia pompeiana e per i rosarianti, che hanno recitato la Supplica si è trattato di riflettere sul duplice aspetto della carità; quello dell’ascesi del Cantico delle Creature rivolto
all’intera creazione e quello dello spirito di carità longhiana che, protendendo le braccia verso gli esseri più emarginati, offre loro la possibilità di esistere, di credere, di operare.
Nel ripetere all’unisono i passi della Supplica i pellegrini, che come sempre sono accorsi a migliaia fin dalla vigilia per la veglia di mezzanotte, hanno vissuto un’atmosfera di religiosità molto intensa sollecitata dalle riflessioni che lo stesso Arcivescovo-Prelato ha puntualizzato nell’omelia. Il passo del vangelo era quello dell’Annunciazione del Signore: "Siamo alla sintesi degli aspetti costitutivi, più esaltanti della figura di Maria, immersa nel Mistero di Cristo e della Chiesa e, quindi, della Vita Trinitaria, come ha scelto di presentarla il Concilio, Maria è Colei che è nella Trinità Divina: è la Figlia e l’Ancella del Padre, è la Madre del Figlio, è la Sposa dello Spirito Santo".
Il Prelato, nella sua puntuale ed ardente carrellata di questa privilegiata sintesi mariana, ha coniugato la vita e le opere dei due interpreti di turno: San Francesco e Bartolo Longo nel loro rapporto con Maria.
Ambedue, nonostante i secoli che li dividono cantano con comuni intenti lo spirito della marianità: ad essi non sfugge come l’umanità possa identificarsi nella esistenza, nell’amore e nelle sofferenze di Maria Madre, e possa poi attingere dal suo esempio i mezzi per vedere nel Cristo la luce che redime e che riscatta, che ci conduce a conoscere le verità. "Vieni, Vergine Maria, Sposa dello Spirito Santo, affrettati, corri a visitarci, portaci lo Spirito di verità"; "Vieni, affrettati, corri a visitarci, portaci l’amore, portaci la pace. Questo tuo Santuario di Pompei, Madonna del Rosario, è un voto perenne alla Pace…, un voto espresso e realizzato da tutte le categorie sociali, da tutti i popoli. Fu il genio e il carisma del tuo apostolo meraviglioso, il beato B. Longo, a idearlo, a volerlo. In questo giorno della "Supplica", festivo di san Francesco d’Assisi, araldo della fraternità universale, alla vigilia della festa del Beato B. Longo, eccoci qua; Mamma, noi tutti figli tuoi ti preghiamo, ti supplichiamo…".
Le parole del vescovo francescano sono accese, pronunciate con accento ispirato, che si libra nella Piazza al di sopra dei presenti: la voce è vibrante, ferma, sembra quasi impossibile che essa possa giungere con tanta costante fermezza di toni. La voce ed i termini usati sembrano vedere i pericoli del momento presente. Le invocazioni sono sconvolgenti: quel "vieni", quell’ "affrettati", quel "corri a visitarci" rivolti alla Vergine sembrano scaturire da una visione che va al di là della realtà: la gente ha pianto, ha avvertito un fluido di commozione, mista ad ansia.
L’omelia, ci ha detto il prof. Michele Manzi che era lì tra gli altri, è stata molto seguita: le persone hanno espresso una partecipazione sofferta, nel tremore dei lineamenti, nell’espressione dei volti, nelle tentazioni spesso avvertite e frenate di applaudire. La gente sta
soffrendo tutti i malesseri di questo secolo che si conclude, si accorge del proprio limite, cerca nella religiosità e nella aggregazione un punto di riferimento e di sostegno. In un momento di profonde contraddizioni e di violenza, di incertezze divenute pressanti, l’invito lanciato dal Santuario di Pompei di realizzare "al più presto e dovunque siamo la Civiltà dell’Amore", l’invito ad essere "operatori di pace perché siamo figli di Dio": perché lo Spirito d’Amore, lo Spirito di Unità e di Pace "rinnovi la faccia della terra".
In quest’ottica è stata proposta la Supplica. Con questi sentimenti il Quadro della Vergine doveva essere avvicinato, con una intensità che è antica, che può essere consueta, ma che deve essere nuova nelle richieste e nuova nelle risposte: non chiedere per sé soltanto, ma chiedere per tutti, non fermarsi al proprio spazio territoriale, ma raggiungere altri confini nel mondo, con spirito di fratellanza francescana e longhiana.
Prima foto: Nonostante le non favorevoli condizioni metereologiche, l’affluenza dei pellegrini è stata, come sempre, notevole e composta.
Seconda foto: La Piazza del Santuario durante la celebrazione eucaristica che precede la recita della Supplica.
Terza foto: Il Fondatore del Santuario di Pompei definì la Supplica "l’Ora del mondo", indicandone così la forte dimensione comunitaria. Anche oggi, in sintonia con i pellegrini di Pompei, i devoti sparsi in tutto il mondo recitano privatamente o in gruppo la preghiera scritta dal Beato Bartolo Longo.

Con Maria per costruire la civiltà dell’Amore
L’Omelia dell’Arcivescovo di Pompei alla Supplica di Ottobre

Abbiamo ascoltato il vangelo dell’Annunciazione


"Maggio 1993" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1993" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1994" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1994" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1995" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Ecc. il Card. Carlo Maria Martini - Arcivescovo di Milano
Con la Vergine verso il 2000

Il Cardinale di Milano, Carlo Maria Martini, a Pompei per la Supplica, ha dato una particolare intonazione all’incontro mariano. La Supplica, ha detto, si inserisce nel cammino di preparazione al Giubileo del Duemila. Durante l’omelia ha sottolineato come il grande fallimento di questo secolo, secolo di guerre, rende necessaria in ogni uomo l’apertura della mente e del cuore alla Sapienza di Dio. “Come Maria accogliamo nel nostro cuore, il disegno di Dio sul mondo. È l’unica strada per la pace dell’umanità, per la pace delle “nazioni”.
Nel momento in cui affrontiamo l’impegno di far conoscere e di fissare nel tempo l’appuntamento di Pompei e dei fedeli alla devozione del S. Rosario con la Supplica dell’8 maggio di quest’anno, avvertiamo qualcosa di più e di diverso rispetto alla tradizionale importanza dell’evento.
Questa diversità si ricollega alla presenza di un “orante” di eccezione nella persona del Cardinale Carlo Maria Martini, Arcivescovo di Milano, alle profonde esigenze spirituali e sociali del mondo e
della nazione, incisivamente richiamate nell’omelia dallo stesso Cardinale; ai particolari collegamenti che si possono fare sul piano storico, fra la Pompei mariana e la Chiesa ambrosiana ai tempi di Bartolo Longo.
A questi aspetti occorre aggiungere il significato forte del messaggio, che il Cardinale ha trasmesso perché gli uomini tutti chiudano quest’ultimo scorcio di secolo in uno spirito di ecumenica speranza.
Diciamo intanto che la tradizione si è riconfermata sia per la presenza del Sindaco rieletto nella prima mattinata del giorno della Supplica, prof. Sandro Staiano, dei Cavalieri e delle Dame del S. Sepolcro di Napoli, di Caserta, di Pompei, di Bari e di Matera, della grande famiglia degli orfani della natura e della legge sia per l’afflusso dei pellegrini da ogni parte della penisola in forme organizzate ed a gruppi ristretti.
Aumentati in forma evidente e fedeli – moltissimi giovani – che hanno raggiunto la piazza a piedi per la veglia della vigilia e che hanno atteso fino alla recita della Supplica.
Generale la mobilitazione dei pompeiani per accogliere questo massiccio arrivo: lungo la via Lepanto ci è stato chi ha preparato dei contenitori di acqua fresca, che veniva offerta a coloro che giungevano a piedi, in cerca di una prima forma di ristoro.
Quale prodigioso crescendo: l’8 maggio del 1876 fu posta la prima pietra del Santuario, anche in quell’anno cadeva di lunedì.
Bartolo Longo scrive:
CONTINUA………………….


"Ottobre 1995" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1996" L'Ora del Mondo

Presiede Sua Eccellenza Mons. Giovanni Battista Re
(Sostituto alla Segreteria di Stato del Vaticano)
Continua...


"Ottobre 1996" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1997" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Ecc. il Card. Virgilio Noè - Vicario del Papa per il Vaticano

Maria, la strada per Gesù
Un clima di commossa e intensa spiritualità, ha caratterizzato l'incontro di migliaia di devoti accorsi a Pompei per recitare la preghiera alla Vergine del Rosario. La celebrazione è stata presieduta dal Cardinale Virgilio Noè.
Vivere la Supplica in preparazione del Grande Giubileo del 2000. Quest'anno
Continua...


"Ottobre 1997" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1998" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1998" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Maggio 1999" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


"Ottobre 1999" L'Ora del Mondo
Presiede Sua Eminenza xxx

(x)
x
Sua


 
Torna ai contenuti | Torna al menu