Pensiero Settimanale - Istituto Aveta

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pensiero Settimanale

Con Gesù

"Un solo amore"
Quando i farisei, volendo mettere Gesù alla prova, lo interrogarono sul quale fosse per lui il più grande comandamento della legge, egli rispose: "Amerai il Signore Dio con tutto il tuo cuore…, e il prossimo tuo come te stesso" (Mt 22, 37-39)
L’Amore che porti a Dio è più che naturale perché è la risposta all’amore che lui porta a te. Gesù dice: "Il Padre stesso vi ama" (Gv 16, 27). Non siamo creature senza speranza. Siamo creati per
amore e il suo amore sostiene ogni momento della nostra vita. Siamo i prediletti di Dio.
Sapendo che ricevi da lui l’esistenza e la dignità umana, che cosa aspetti per amarlo a tua volta? È tuo privilegio e tuo diritto corrispondere all’amore che ti ha creato. Dato che da Dio hai ricevuto proprio tutto non puoi che amarlo con tutta "la tua anima e con tutta la tua mente", come dice il Vangelo.
Ma Gesù ti chiede di amare anche il prossimo come te stesso. Per amare gli altri devi, quindi, cominciare con l’amare te stesso, con l’amare il meglio di te, il buono di te, dove lui dimora. Dio ama "l’uomo nuovo" in te; con il suo aiuto prova anche tu ad amare l’uomo nuovo nel tuo prossimo. In ambo i casi si tratta di un solo amore, che ha inizio e fine in Dio e si espande su tutto l’universo.
(Wilfrid Stinissen)

 
Torna ai contenuti | Torna al menu