Santi del 6 Novembre - Istituto Aveta

Vai ai contenuti

Menu principale:

Santi del 6 Novembre

Il mio Santo > I Santi di Novembre

*Beati 498 Martiri Spagnoli - Beatificati nel 2007 (6 novembre)
+ Spagna, 1934-1936-1938

La cerimonia di beatificazione officiata su mandato del Santo Padre Benedetto XVI dal Cardinale José Saraiva Martins, prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, il 28 ottobre 2007 a Roma, avente per oggetto ben 498 martiri spagnoli, comprende la più folta schiera di testimoni della fede mai elevata alla gloria degli altari nei tempi moderni dalla Chiesa Cattolica, se non consideriamo gli 800 Beati Martiri di Otranto, dei cui nomi però non vi è un elenco completo.
I novelli Beati caddero vittime in odio alla loro fede cristiana durante la feroce persecuzione religiosa che contraddistinse la Guerra Civile Spagnola negli anni ’30 del XX secolo.
In questa sanguinosa strage che attraversò la Spagna, il numero delle vittime superò il milione, colpendo persone di ogni età e classe sociale: vescovi, sacerdoti, religiosi e laici di ambo i sessi.
É stato ormai appurato da parte degli storici che, all’interno di questo terribile massacro, gli anarchici ed i social-comunisti perpetrarono una vera e propria persecuzione volta ad annientare la Chiesa Cattolica in Spagna.
Con questa ennesima beatificazione di martiri periti in tali circostanze, la Chiese venera ad oggi un totale di 10 Santi e 966 Beati.
Tanti solo coloro che a partire dal 1987 sono stati glorificati dalla Chiesa per non andasse perduto il ricordo della loro eroica testimonianza e potettero essere posti a modelli per i cristiani del III millennio.
Nel fornire di seguito l’elenco completo dei 498 martiri beatificati nel 2007, suddiviso in base alle cause istruite dalle diverse diocesi e congregazioni, rimandiamo talvolta quando possibile a schede più specifiche ove sarà possibile trovare maggiori informazioni ed immagini dei vari martiri.
Ecco i loro nomi:
LucasdeS.José, carmelitano,
Leonardo José, lasalliano, Apolonia
Lizarraga del Ss. Sacramento e 61 compagni Diocesi di Barcellona
Decreto sul martirio: 22 giugno 2004

Leonardo José (José María Aragonés Mateu), F.S.C.
Dionisio Luis (Mateo Molinos Coloma), F.S.C.
Jacob Samuel (José Enrique Chamayou Oulés), F.S.C.
Crisóstomo (José Llorach Bretó), F.S.C.
Cándido Alberto (José Ruiz de la Torre), F.S.C.
Leónides Francisco Colóm González), F.S.C.
Cirilo Pedro (Cecilio Manrique Arnáiz), F.S.C.
Indalecio María (Marcos Morón Casas), F.S.C.
Lorenzo Gabriel (José Figueras Rey), F.S.C.
Cayetano José (Ramón Palos Gascón), F.S.C.
Celestino Antonio (Ismael Barrio Marquilla), F.S.C.
Félix José (José Trilla Lastra), F.S.C.
Lamberto Carlos (Jaime Mases Boncompte), F.S.C.
Benito Clemente (Félix España Ortiz), F.S.C.
Adolfo Mariano (Mariano Anel Andreu), F.S.C.
Florencio Miguel (Ruperto García Arce), F.S.C.
Ildefonso Luis (José Llorach Bretó), F.S.C.
Agapio (José Luis Carrera Comas), F.S.C.
José Benito (José Mas Pujobrás), F.S.C.
Mariano León (Santos López Martínez), F.S.C.
Vicente Justino (Vicente Fernández Castrillo), F.S.C.
Arnoldo Julián (Jesús Juan Otero), F.S.C.
Benedicto José (José Bardalet Compte), F.S.C.
Esiquio José (Baldomero Margenat Puigmitjá), F.S.C.
Hilarión Eugenio (Eugenio Cuesta Padierna), F.S.C.
Francisco Alfredo (Francisco Mallo Sánchez), F.S.C.
Edmundo Ángel (Pedro Masó Llagostera), F.S.C.
Hugo Julián (Julián Delgado Díez), F.S.C.
Emerío José (José Plana Rebugent), F.S.C.
Eusebio Andrés (Eusebio Roldán Vielba), F.S.C.
Luis de Jesús (Joseph-Louis Marcou Pecalvel) , F.S.C.
Adolfo Jaime (Antonio Serra Hortal), F.S.C.
Miguel de Jesús (Jaime Puigferrer Mora), F.S.C.
Victorio (Martín Anglés Oliveras), F.S.C.
Jaime Bertino (Antonio Jaume Secases), F.S.C.
León Justino (Francisco del Valle Villar), F.S.C.
Honesto María (Francisco Pujol Espinalt), F.S.C.
Raimundo Eloy (Narciso Serra Rovira), F.S.C.
Francisco Magín (Antonio Tost Llavería), F.S.C.
Olegario Ángel (Eudaldo Rodas Mas), F.S.C.
Honorato Alfredo (Agustín Pedro Calvo), F.S.C.
Eliseo Vicente (Vicente Alberich Lluch), F.S.C.
Valeriano Luis (Nicolás Alberich Lluch), F.S.C.
Onofre (Salvio Tolosa Alsina), F.S.C.
Apolonia Lizarraga del Santísimo Sacramento, C.C.V.
Lucas de San José, O.C.D.
Jorge de San José, O.C.D.
Jaime de Santa Teresa, O.C.D.
Juan José de Jesús Crucificado, O.C.D.
Romualdo de Santa Catalina, O.C.D.
Pedro Tomás de la Virgen del Pilar, O.C.D.
Luis María de la Merced, O.C.D.
José Mariano de los Ángeles, O.C.D.
Marcelo de Santa Ana, O.C.D.
Antonio María de Jesús, O.C.D.
Alfonso del Sagrado Corazón de María, O.C.D.
Eduardo del Niño Jesús, O.C.D.
Gabriel de la Anunciación, O.C.D.
Joaquín de San José, O.C.D.
José Casas Ros, Seminarista
Esperanza de la Cruz, C.M.
María Refugio de San Ángelo, C.M.
Daniela de San Bernabé, C.M.
Gabriela de San Juan de la Cruz, C.M.
Antero Mateo García, laico, e 11 compagni domenicani
Diocesi di Barcellona
Decreto sul martirio: 19 dicembre 2005

Antero Mateo García, Laico
Miguel Peiró Victori, Laico
Josefina Sauleda Paulis, O.P.
María del Camen Zaragoza Zaragoza,
María Rosa Adrover Martí, O.P.
Ramona Fossas Románs, O.P.
Adelfa Soro Bo, O.P.
Teresa Prats Martí, O.P.
Otilia Alonso González, O.P.
Ramona Perramón Vila, O.P.
Reginalda Reginalda Picas Planas, O.P.
Rosa Jutglar Gallart, O.P.
Simò Reynés Solivellas, M.SS.CC. e 3 compagni; 2 F.H.M. e Prudencia Canyelles y Ginestá, laica
Diocesi di Barcellona - Decreto sul martirio: 26 giugno 2006

Simò Reynes Solivellas, M.SS.CC.
Miquel Pons Ramis, M.SS.CC.
Francésc Mayol Oliver, M.SS.CC.
Pau Noguera Trias, M.SS.CC.
Catalina Caldés Socias, O.F.M.
Miquela Rullan Ribot, O.F.M.
Prudencia Canyelles Ginesta, Laica
Ángel María Prat Hostench e 16 compagni, carmelitani dell’antica osservanza
Diocesi di Barcellona
Decreto sul martirio: 26 giugno 2006

Ángel María Prat Hostench
Eliseo María Maneus Besalduch
Anastasio María Dorca Coromina
Eduardo María Serrano Buj
Pedro Ferrer Marín
Andrés Corsino M. Solé Rovira
Miguel María Solér Sala
Juan María Puigmitjá Rubió
Pedro Tomás María Prat Coldecarrera
Eliseo M. Fontdecava Quiroga
José María Escoto Ruiz
Elías María Garre Egea
Ludovico María Ayet Canós
Ángel María Presta Batlle
Fernando M. Llovera Puigsech
Eufrosino María Raga Nadal
María Patrocinio de San José
Laurentino (Mariano Alonso Fuente),
Virgilio (Trifón Lacunza Unzu) e 44 compagni maristi
Diocesi di Barcellona
Decreto sul martirio: 16 dicembre 2006
Laurentino (Mariano Alonso Fuente)
Virgilio, (Trifón Lacunza Unzu)
Alberto (Nestor Vivar Valdivielso)
Ángel Andrés (Lucio Izquierdo López)
Anselmo (Aniceto Falgueras Casellas)
Antolín (Antonio Roig Alibau)
Baudillo (Pedro Ciordia Hernández)
Bernabé (Casimiro Riba Pi)
Carlos Rafael (Carlos Brengaret, Pujol)
Dionisio Martín (José Cesari Mercadal)
Epifanio, (Fernando Suñer Estrach)
Felipe José (Fermín Latienda Azpilicueta)
Félix León (Felíx Ayúcar Eraso)
Fortunato Andrés (Fortunto Ruíz Peña)
Frumencio (Julio García Galarza)
Gabriel Eduardo (Segismundo Hidalgo Martínez)
Gaudencio (Juan Tubau Perello)
Gil Felipe (Felipe Ruíz Peña)
Hermógenes (Antonio Badía Andalé)
Isaías María (Victoriano Martínez Martín)
Ismael (Nicolás Ran Goñi)
Jaime Ramón (Jaime Morella Bruguera)
José Carmelo (Gregorio Faci Molins)
José Federico (Nicolás Pereda Revuelta)
Juan Crisóstomo (Juan Pelfort Planell)
Juan de Mata (Jesús, Mechon Franco)
Laureano Carlos (Pedro Sitjes Puig)
Leónides (Jerónimo Messegue Ribera)
Leopoldo José (Florentino Redondo Insausti)
Lino Fernando (Victor Gutierrez Gómez)
Licarión (Ángel Roba Osorno)
Martiniano (Isidro Serrano Fabón)
Miguel Ireneo (Leocadio Rodríguez Nieto)
Porfirio (Leoncio Pérez Gómez)
Prisciliano (José Mir Pons)
Ramón Alberto (Feliciano Ayúcar Eraso)
Silvio (Victoriano Gómez Gutierrez)
Santiago (Serafín Zugaldía Lacruz)
Santiago María (Santiago Sáiz Martínez)
Santos (Santos Escudero Miguel)
Teódulo (Lucio Zudarie Aramendia)
Víctor Conrado (José Ambrós Dejuán)
Victorino José (José Blanch Roca)
Vito José (José Miguel Elola Arruti)
Vivencio (Juan Núñez Casado)
Vulfrano (Ramón Mill Arán)
Bernardo (Plácido Fábrega Juliá), Marista
Diocesi di Burgos
Decreto sul martirio: 22 giugno 2004

Bernardo (Plácido Fábrega Juliá)
Ovidio Bertrán (Esteban Anunciabay Letona) e 4 compagni lasalliani José María Cánovas Martínez, sac. dioc.
Diocesi di Cartegna

Decreto sul martirio: 16 dicembre 2006
Ovidio Beltrán (Esteban Anuncibay Letona), F.S.C.
Hermenegildo Lorenzo (Modesto Sáez Manzanares), F.S.C.
Luciano Pablo (Germán García García), F.S.C.
Estanislao Víctor (Augusto Cordero Fernández), F.S.C.
Lorenzo Santiago (Emilio Martínez de la Pera y Álava), F.S.C.
José María Cánovas Martínez, Sac. Dioc.
Narciso de Esténaga y Echevarría, vescovo
4 sac. dioc., 5 lasalliani e 1 laico
Diocesi di Ciudad Real
Decreto sul martirio: 28 aprile 2006
Narciso Estenaga Echevarría, Vescovo
Julio Melgar Salgado, Sac. Dioc.
Félix González Bustos, Sac. Dioc.
Pedro Buitrago Morales, Sac. Dioc.
Justo Arévalo y Mora, Sac. Dioc.
Agapito León (Remigio Olalla Aldea), F.S.C.
Josafat Roque (Urbano Corral González), F.S.C.
Julio Alfonso (Valeriano Ruíz Peral), F.S.C.
Dámaso Luis (Antolín Martínez Martínez), F.S.C.
Ladislao Luis (Isidro Muñoz Antolín), F.S.C.
Álvaro Santos Cejudo, Laico
Cruz Laplana y Laguna, Vescovo Fernando Español Berdié, Sac. Dioc.
Diocesi di Cuenca
Decreto sul martirio: 28 aprile 2006
Cruz Laplana y Laguna, Vescovo
Fernando Español, Sac. Dioc.
María del Carmen, María Rosa y Magdalena Fradera Ferragutcasas, C.M.F.
Diocesi di Gerona
Decreto sul martirio: 16 dicembre 2006

María del Carmen Fradera Ferragutcasas
María Rosa Fradera Ferragutcasas
Magdalena Fradera Ferragutcasas
Mariano de San José (Altolaguirre) e 9 compagni trinitari
Diocesi di Jaén e Cuenca
Decreto sul martirio: 26 giugno 2006

Mariano de San José (Santiago Altolaguirre Altolaguirre)
José de Jesús María (José Vicente Hormaechea y Apoitia)
Prudencio de la Cruz (Prudencio Gueréquiz y Guezuraga)
Segundo de Santa Teresa (Segundo García y Cabezas)
Juan de Jesús María (Juan Otazua y Madariaga)
Luis de San Miguel de los Santos (Luis de Erdoiza y Zamalloa)
Melchor del Espíritu Santo (Melchor Rodríguez Villastrigo)
Santiago de Jesús (Santiago Arriaga y Arrien)
Juan de la Virgen del Castellar (Juan Francisco Joya y Corralero)
Francisca de la Encarnación (María Francisca Espejo y Martos)
Manuela Arriola del Corazón de Jesús, A.A.S.C., e 22 compagne
Diocesi di Madrid
Decreto sul martirio: 1° giugno 2007

Manuela del Sagrado Corazón (Manuela Arriola Uranga)
Blasa de María (Juana Pérez de Labeaga García)
Lucila María de Jesús (Lucía González García)
Rosaura de María (Rosa López Brochier)
Casta de Jesús (Teresa Vives y Missé)
Borja de Jesús (Mª Zenona Aranzábal Barrutia)
Luisa de la Eucaristía (Luisa Pérez Andriá)
María de la Presentación (María García Ferreiro)
Sulpicia del Buen Pastor (Dionisia Rodríguez de Anta)
Belarmina de Jesús (Belarmina Pérez Martínez)
Mª Dolores de la Santísima Trinidad (Mª Dolores Hernández Santorcuato)
Mª Dolores de Jesús Crucificdo (Mª Dolores Monzón Rosales)
Máxima de San José (Emilia Echeverría Fernández)
Prima de Jesús ( Mª Prima Ipiña Malzárraga)
Sinforosa de la Sagrada Familia (Sinforosa Díaz Fernández)
Purificación de María (Purificación Martínez Vera)
Josefa de Jesús (Josefa Boix Riera)
Herlinda (Aúrea González Fernández)
Ángeles (Mercedes Tuní Ustech)
Ruperta (Concepción Vázquez Áreas)
Felipa (Felipa Gutiérrez Garay)
Cecilia (Concepción Iglesias del Campo)
Magdalena (Magdalena Pérez)
Avelino Rodríguez Alonso e 97 confratelli agostiniani, 5 sac. dioc. e 1 diacono
Diocesi di Madrid, Cuenca, Oviedo
Decreto sul martirio: 1° giugno 2007
Avelino Rodríguez Alonso, O.S.A.
Benito Alcalde González, O.S.A.
Bernardino Álvarez Melcón, O.S.A.
Manuel Álvarez Rego de Seves, O.S.A.
Juan Baldajos Pérez, O.S.A.
Senén García González, O.S.A.
Samuel Pajares García, O.S.A.
José Peque Iglesias, O.S.A.
Marcos Pérez Andrés, O.S.A.
Lucinio Ruiz Valtierra, O.S.A.
Balbino Villarroel Villarroel, O.S.A.
Sabino Rodrigo Fierro, O.S.A.
Antonio María Arriaga Anduiza, O.S.A.
Ramiro Alonso López, O.S.A.
Dámaso Arconada Merino, O.S.A.
Luis Abia Melendro, O.S.A.
Bernardino Calle Franco, O.S.A.
Pedro Carbajal Pereda, O.S.A.
Miguel Cerezal Calvo, O.S.A.
Víctor Cuesta Villalba, O.S.A.
José Dalmau Regas, O.S.A.
Nemesio Díez Fernández, O.S.A.
José Joaquín Esnaola Urteaga, O.S.A.
Matías Espeso Cuevas, O.S.A.
José Agustín Fariña Castro, O.S.A.
Francisco Fuente Puebla, O.S.A.
José Gando Uña, O.S.A.
Joaquín García Ferrero, O.S.A.
Arturo García de la Fuente, O.S.A.
Nemesio García Rubio, O.S.A.
Esteban García Suárez, O.S.A.
Benito Garnelo Álvarez, O.S.A.
Gerardo Gil Leal, O.S.A.
Marcos Guerrero Prieto, O.S.A.
Miguel Iturraran Laucirica, O.S.A.
Jesús Largo Manrique, O.S.A.
José López Piteira, O.S.A.
Constantino Malumbres Francés, O.S.A.
Francisco Marcos del Río, O.S.A.
Ricardo Marcos Reguero, O.S.A.
Julio Marcos Rodríguez, O.S.A.
Julio María Fincias, O.S.A.
Román Martín Mata, O.S.A.
Melchor Martínez Antuña, O.S.A.
Pedro Martínez Ramos, O.S.A.
Isidro Mediavilla Campos, O.S.A.
Heliodoro Merino Merino, O.S.A.
Juan Monedero Fernández, O.S.A.
José Noriega González, O.S.A.
Gerardo Pascual Mata, O.S.A.
José Antonio Pérez García, O.S.A.
Agustín Renedo Martínocia, O.S.A.
Mariano Revilla Rico, O.S.A.
Benito Rodríguez González, O.S.A.
Conrado Rodríguez Gutiérrez, O.S.A.
Macario Sánchez López, O.S.A.
Tomás Sánchez López, O.S.A.
Juan Sánchez Sánchez, O.S.A.
Pedro Simón Ferrero, O.S.A.
Luis Suárez Valdés, O.S.A.
Dionisio Terceño Vicente, O.S.A.
Máximo Valle García, O.S.A.
Pedro de la Varga Delgado, O.S.A.
Benito Velasco Velasco, O.S.A.
Julián Zarco Cuevas, O.S.A.
José Gutiérrez Arranz, O.S.A.
José Aurelio Calleja del Hierro, O.S.A.
Enrique Serra Chorro, O.S.A.
Antolín Astorga Díaz, O.S.A.
Jacinto Martínez Ayuela, O.S.A.
Nicolás de Mier Francisco, O.S.A.
Lorenzo Arribas Palacio, O.S.A.
Primitivo Sandín Miñambres, O.S.A.
Pedro Alonso Fernández, O.S.A.
Froilán Lanero Villadangos, O.S.A.
Vicente Toledano Valenciano, Sac. Dioc.
Severino Montes Fernández, O.S.A.
Florencio Alonso Ruiz, O.S.A.
Juan Pérez Rodríguez, O.S.A.
Vidal Ruiz Vallejo, O.S.A.
Claudio Julián García San Roma, O.S.A.
Leoncio Lope García, O.S.A.
Miguel Sanrromán Fernández, O.S.A.
Eugenio Cernuda Ferrero, O.S.A.
Epifanio Gómez Álvaro, O.S.A.
Manuel Formigo Giráldez, O.S.A.
Fortunato Merino Vegas, O.S.A.
Luis Gutiérrez Calvo, O.S.A.
Diego Hompanera París, O.S.A.
Enrique Vidaurreta Palma, Sac. Dioc.
Juan Duarte Martín, Diacono
Gabino Olaso Zabala, O.S.A.
Ángel Pérez Santos, O.S.A.
Víctor Gaitero González, O.S.A.
Anastasio Díez García, O.S.A.
Cipriano Polo García, O.S.A.
Emilio Camino Noval, O.S.A.
Felipe Barba Chamorro, O.S.A.
Luis Blanco Álvarez, O.S.A.
Luciano Ramos Villafruela, O.S.A.
Ubaldo Revilla Rodríguez, O.S.A.
Ribogerto A. de Anta y de Barrio, Sac. Dioc.
Fortunato Arias Sánchez, Sac. Dioc.
Miguel Díaz Sánchez, Sac. Dioc.
Enrique Saiz Aparicio, salesiano, e 62 Compagni
Diocesi di Madrid e Siviglia
Decreto sul martirio: 26 giugno 2006

Enrique Sáiz Aparicio, S.D.B.
Félix González Tejedor, S.D.B.
Germán Martín Martín, S.D.B.
José Villanova Tormo, S.D.B.
Pío Conde Conde, S.D.B.
Miguel Lasaga Carazo, S.D.B.
Andrés Jiménez Galera, S.D.B.
Luis Martínez Alvarellos, S.D.B.
Juan Larragueta Garay, S.D.B.
Pascual de Castro Herrera, S.D.B.
Virgilio Edreira Mosquera, S.D.B.
Francisco Edreira Mosquera, S.D.B.
Pedro Artolozaga Mellique, S.D.B.
Manuel Borrajo Míguez, S.D.B.
Justo Juanes Santos, S.D.B.
Heliodoro Ramos García, S.D.B.
Esteban Vázquez Alonso, S.D.B.
Pablo García Sánchez, S.D.B.
Valentín Gil Arribas, S.D.B.
Anastasio Garzón González, S.D.B.
Francisco José Martín López de Arroyave, S.D.B.
Ramón Eirín Mayo, S.D.B.
Juan de Mata Díez, Laico
Salvador Fernández Pérez, S.D.B.
Sabino Hernández Laso, S.D.B.
Andrés Gómez Sáez, S.D.B.
Carmelo Juan Pérez Rodríguez, S.D.B.
Esteban Cobo Sanz, S.D.B.
Manuel Martín Pérez, S.D.B.
Teódulo González Fernández, S.D.B.
Victoriano Fernández Reinoso, S.D.B.
Florencio Rodríguez Guemes, S.D.B.
Dionisio Ullívarri Barajuán, S.D.B.
Mateo Garolera Masferrer, S.D.B.
José María Celaya Badiola, S.D.B.
Nicolás de la Torre Merino, S.D.B.
Emilio Arce Díez, S.D.B.
Antonio Cid Rodríguez, S.D.B.
Juan Codera Marqués, S.D.B.
Tomás Gil de la Cal, S.D.B.
Higinio de Mata Díez, S.D.B.
Federico Cobo Sanz, S.D.B.
Antonio Torrero Luque, S.D.B.
Antonio Fernández Camacho, S.D.B.
Manuel Fernández Ferro, S.D.B.

Juan Luis Hernández Medina, S.D.B.
Antonio Rodríguez Blanco, Sac. Dioc.
Bartolomé Blanco Márquez, Laico
José Limón Limón, S.D.B.
Antonio Enrique Canut Isús, S.D.B.
Miguel Molina de la Torre, S.D.B.
Pablo Caballero López, S.D.B.
Antonio Mohedano Larriva, S.D.B.
Francisco Míguez Fernández, S.D.B.
Félix Paco Escartín, S.D.B.
Manuel Gómez Contioso, S.D.B.
Antonio Pancorbo López, S.D.B.
Honorio Hernández Martín, S.D.B.
Tomás Alonso Sanjuán, S.D.B.
Esteban García García, S.D.B.
Rafale Rodríguez Mesa, S.D.B.
José Blanco Delgado, S.D.B.
Teresa Cejudo Redondo, Laica
Buenaventura García Paredes, domenicano, Miguel Léibar Garay, marianista, e 40 compagni
Diocesi di Madrid
Decreto sul martirio: 26 giugno 2006

Buenaventura García Paredes, O.P.
Alfredo Fanjul Acebal, O.P.
Félix Alonso Muñiz, O.P.
Juan Mendibelzúa Ocerin, O.P.
José Gafo Muñiz, O.P.
José López Tascón, O.P.
Reginaldo Hernández Ramírez, O.P.
Vicente Álvarez Cienfuegos, O.P.
Vicente Peña Ruiz, O.P.
Vicente Rodríguez Fernández, O.P.
Vidal Luis Gómara, O.P.
Antonio Varona Ortega, O.P.
Amado Cubeñas Diego-Madrazo, O.P.
Cipriano Alguacil Torredenaida, O.P.
Eduardo González Santo Domingo, O.P.
Manuel Moreno Martínez, O.P.
Higinio Roldán Iriberri, O.P.
Inocencio García Díez, O.P.
Juan Crespo Calleja, O.P.
Juan Herrero Arroyo, O.P.
José Luis Palacio Muñiz, O.P.
José Santonja Pinsach, O.P.
Leoncio Arce Urrutia, O.P.
Maximino Fernández Marínas, O.P.
Teófilo Montes Calvo, O.P.
Víctor García Ceballos, O.P.
Jesús Villaverde Andrés, O.P.
Isabelino Carmona Fernández, O.P.

Jacinto García Riesco, O.P.
Luis Furones Furones (Arenas), O.P.
Manuel Álvarez Álvarez, O.P.
José María López Carrillo, O.P.
Nicasio Romo Rubio, O.P.
Pedro Ibañez Alonso, O.P.
Manuel Santiago Santiago, O.P.
José Delgado Pérez, O.P.
Francisco Fernández Escosura, O.P.
José Prieto Fuentes, O.P.
Miguel Léibar Garay, S.M.
Joaquín Ochoa Salazar, S.M.
Sabino Ayastuy Errasti, S.M.
Florencio Arnaiz Cejudo, S.M.
Félix Echevarría Gorostiaga e 6 compagni, Frati Minori
Diocesi di Mérida e Badajoz
Decreto sul martirio: 28 aprile 2006

Félix Echevarría Gorostiaga
José María Azurmendi Mugarza
Francisco Carlés González
Luis Echevarría Gorostiaga
Simón Miguel Rodríguez
Miguel Zarragúa Iturriaga
Antonio Sáez de Ibarra López
Celestino José Alonso Villar e 9 compagni domenicani
Diocesi di Oviedo
Decreto sul martirio: 26 giugno 2006
Celestino José Alonso Villar
Santiago Franco Mayo
Gregorio Díez Pérez
Abilio Sáiz López
Miguel Menéndez García
José María Palacio Montes
Isidro Ordoñez Díez
Cristóbal Iturriaga-Echevarría
Pedro Vega Ponce
José María Laguía Puerto
Eufrasio del Niño Jesús (Barredo Fernández)
Diocesi di Oviedo
Decreto sul martirio: 16 dicembre 2006

Eufrasio del Niño Jesús (Barredo Fernández), O.C.D.
Enrique Izquierdo Palacios e 13 compagni domenicani
Diocesi di Santander
Decreto sul martirio: 16 dicembre 2006

Enrique Izquierdo Palacios
Enrique Canal Gómez
Manuel Gutiérrez Ceballos
Eliseo Miguel Largo
Miguel Rodríguez González
Bernardino Irurzun Otermín
Eleuterio Marne Mansilla
Pedro Luis Luis
José María García Tabar
Estanislao García Obeso
Germán Caballero Atienza
José Menéndez García
Victoriano Ibáñez Alonso
Eugenio Andrés Amo
Víctor Chumillas Fernández e 21 compagni, Frati Minori
Diocesi di Toledo
Decreto sul martirio: 19 dicembre 2005

Víctor Chumillas Fernández
Ángel Hernández-Ranera de Diego
Domingo Alonso de Frutos
Martín Lozano TelloJulián Navío Colado
Benigno Prieto del Pozo
Marcelino Ovejero Gómez
José de Vega Pedraza
José Álvarez Rodríguez
Santiago Mate Calzada
Andrés Majadas Málaga
Alonso Sánchez Hernández-Raner
Anastasio González Rodríguez
Félix Maroto Moreno
Federico Herrera Bermejo
Antonio Rodrigo Anton
Saturnino Río Rojo
Ramón Tejado Librado
Vicente Majadas Málaga

Valentín Díez Serna
Félix Gómez-Pinto Piñero
Perfecto Carrascosa Santos
Liberio González Nombela, Sac. Dioc., e 12 compagni
Diocesi di Toledo
Decreto sul martirio: 28 aprile 2006

Liberio González Nombela, Sac. Dioc.
Francisco López-Gasco Fernández- Largo, Sac. Dioc.
Miguel Beato Sánchez, Sac. Dioc.
Bartolomé Rodríguez Soria, Sac. Dioc.
Mamerto Carchano Carchano, Sac. Dioc.
Agrícola Rodríguez G. de los Huertos Sac. Dioc.
Saturnino Ortega Montealegre, Sac. Dioc.
Domingo Sánchez Lázaro, Sac. Dioc.
Joaquín de la Madrid Arespacochaga, Sac. Dioc.
Justino Alarcón Vera, Sac. Dioc.
José Polo Benito, Sac. Dioc.
Francisco Maqueda López, Suddiacono
Ricardo Pla Espí, Sac. Dioc.
Teodosio Rafael (Diodoro López), F.S.C., e 3 compagni
Diocesi di Toledo
Decreto sul martirio: 28 aprile 2006
Teodosio Rafael (Diodoro López Hernando)
Eustaquio (Luis Villanueva Montoya)
Carlos Jorge (Dalmacio Bellota Pérez)
Felipe José (Pedro Juan Álvarez Pérez)  ù
Eusebio del Niño Jesús (Ovidio Fernández Arenillas) e 15 compagni, carmelitani scalzi
Diocesi di Toledo
Decreto sul martirio: 28 aprile 2006

Eusebio del Niño Jesús (Ovidio Fernández Arenillas)
Nazario del Sagrado Corazón (Nazario del Valle González)
Pedro José de los Sagrados Corazones (Pedro Jiménez Vallejo)
Ramón de la Virgen del Carmen (José Grijalvo Medel)
Tirso de Jesús María (Gregorio Sánchez Sancho)
José Agustín del Santísimo Sacramento (Tomás Mateos Sánchez)
Hermilo de San Eliseo (Pedro Ramón Rodríguez Calle)
Eliseo de Jesús Crucificado (Esteban Cuevas Casquero)
Perfecto de la Virgen del Carmen (Perfecto Domínguez Monge)
Melchor del Niño Jesús (Melchor Martín Monge)
Constancio de S. José (José Mata Luis)
Félix de la Virgen del Carmen (Luis Gómez de Pablo)
Plácido del Niño Jesús (José Luis Collado Oliver)
José María de la Dolorosa (Vicente Álamo Jiménez)
Daniel de la Sagrada Pasión (Daniel Mora Nine)
Clemente de los Sagrados Corazones (Clemente López Yagüe)
(Autore: Fabio Arduino - Fonte: Enciclopedia dei Santi)
Giaculatoria - Beati 498 Martiri Spagnoli, pregate per noi.


*Santa Beatrice di Olive - Monaca Cistercense (6 novembre)  

Olive (Belgio), sec. XIII-XIV
Il “Menologium cistertiense” di Anversa del 1630, riporta questa Santa leggendaria al 6 novembre.
Beatrice monaca cistercense di Olive (Morlanwelz, Belgio), prima molto devota alla Vergine, avrebbe tradito la sua vocazione religiosa, abbandonando il suo monastero.
Dopo un lungo peregrinare di quindici anni, ormai pentita, ritornò ad Olive, dove apprese in una visione miracolosa, che la stessa Madonna, l’aveva sostituita durante la lunga assenza, sostenendo in sua vece l’intera Comunità.
Di lei non si sa altro, né il periodo in cui visse; il monastero cistercense di Olive fu fondato nel 1233 mentre alcuni documenti storici come il “Menologium” di Henriquez, attestano l’esistenza di un culto per Santa Beatrice di Olive nel secolo XVII; con queste due date si può supporre che sia vissuta fra il XIII e XIV secolo.
Ancora oggi si venerano le sue reliquie nella chiesa parrocchiale di Morlanwelz in Belgio.
(Autore: Antonio Borrelli - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Santa Beatrice di Olive, pregate per noi.


*Beato Bernardo de Apiano - Mercedario (6 novembre)

Il Beato Bernardo de Apiano, visse nel convento della Mercede di San Martino in Perpignano (Francia).
Famoso per la santità della vita, l'osservanza della regola, lo studio e le virtù raggiunse santamente in Cristo la patria celeste.
L'Ordine lo festeggia il 6 novembre.
(Fonte:
Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Beato Bernardo de Apiano, pregate per noi.


*Santi Callinico e Compagni - Martiri (6 novembre)  

Martirologio Romano:
A Gerusalemme, Santi Calliníco, Imerio, Teodoro, Stefano, Pietro, Paolo, un altro Teodoro, Giovanni, un altro Giovanni e un altro ancora di cui resta sconosciuto il nome, martiri, che, soldati, durante l’occupazione di Gaza da parte dei Saraceni, furono arrestati dai nemici, ma incitati dal vescovo San Sofronio, confessarono la propria fede in Cristo e subirono per questo il martirio per decapitazione.
(Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Santi Callinico e Compagni, pregate per noi.


*Beata Cristina di Stommeln - Mistica (6 novembre)

Stommeln (Colonia), 1242 - † 6 novembre 1312
Dopo aver avuto nel 1247 - a 5 anni - una visione di Gesù Bambino, la Beata Cristina di Stommeln, vicino a Colonia, sfuggì dodicenne a un matrimonio combinato ed entrò in un convento di Beghine. Quindicenne ricevette le stimmate a mani e piedi e i segni della corona di spine sul capo.
Fu tentata più volte dal demonio, fin sull'orlo del suicidio. I segni esteriori di tali esperienze fecero credere alle Beghine che fosse pazza, perciò la allontanarono.
Ebbe poi come guida spirituale Pietro di Dacia, un Domenicano allievo di Alberto Magno (anche un fratello di Cristina entrò nell'ordine).
Nell'anno della morte di Pietro gli assalti del demonio cessarono e Cristina visse in pace fino al 1312, sempre indossando l'abito delle Beghine. (Avvenire)
Martirologio Romano: Vicino a Colonia in Lotaringia, nell’odierna Germania, Beata Cristina di Stommeln, vergine, che, in piena comunione con la passione di Cristo, vinse mirabilmente ogni tentazione del mondo.
La Beata Cristina nacque nel 1242 a Stommeln (Colonia), a tredici anni volendo partecipare ad una vita più religiosa, entrò nel beghinaggio di Colonia.
Il beghinaggio era una Comunità di beghine o l’insieme degli edifici (piccole casette) dove alloggiavano le beghine; l’Istituto beghinale ebbe origine intorno al 1170 in Belgio, le aderenti fanno voto di povertà, castità e obbedienza, ma solo temporaneamente, alcune di esse lasciano la
comunità per sposarsi; trascorrono il tempo in preghiera, visitando i malati e facendo lavori di cucito e ricamo.
Numerosissimi nel XIII secolo nei Paesi Bassi e in Germania, esistono tuttora in Belgio e Olanda. Ma Cristina, qualche anno dopo dovette lasciare la comunità, che tanto la soddisfaceva, per una malattia che l’aveva colpita.
Il 20 dicembre 1267 conobbe un giovane frate domenicano svedese, studente a Colonia, Pietro di Dacia († 1289) con il quale entrò in sintonia spirituale con una prevalenza epistolare; lo stesso domenicano scrisse la “Vita” della beata fino al 1286.
La grande mistica ebbe estasi ed apparizioni e nel 1269 ricevé le stimmate, che divenivano visibili in certi periodi dell’anno, sulle mani e sui piedi; provata per tutta la vita da molte sofferenze, sopportate guardando sempre al valore della Croce, poté godere di relativa tranquillità dal 1289 alla morte, avvenuta il 6 novembre 1312, a Stommeln, dove era nata.
Nel 1342 le sue reliquie furono trasferite a Nideggen; dal 1568 riposano nella chiesa di Jülich.
Il suo culto fu approvato da Papa San Pio X, il 22 agosto 1908, la sua festa si celebra il 6 novembre.
(Autore: Antonio Borrelli – Fonte: Enciclopedia dei Santi)
Giaculatoria - Beata Cristina di Stommeln, pregate per noi.


*San Demetrio - Vescovo (6 novembre)  

Sec. X
Emblema: Bastone pastorale
San Severo, venerato in Spagna, a Barcellona, dove il suo culto è stato rintracciato, dagli storici, fino al Mille. Pare che fosse Vescovo e che sia morto Martire. Ma non sappiamo in quale epoca, né per mano di quali persecutori. Sappiamo soltanto che con lui suggellò la propria fede con il sangue un contadino di nome Emeterio.
Un po' meglio delineata è la figura di San Demetrio, oggi commemorato, e venerato soprattutto nell'isola di Cipro, dove fu Vescovo. Demetrio è nome greco di chiara origine pagana. Ripete infatti il nome di Demetra, la "madre terra" dei Greci. Ma anche questo nome venne battezzato con il sangue di molti Martiri, sparsi qua e là nei vari calendari.
San Demetrio era nato nell'isola di Cipro, mitica patria di Venere, che infatti veniva detta anche Ciprigna.
I genitori del futuro Santo, buoni cristiani ma preoccupati della sua umana felicità, lo fecero sposare a soli 15 anni, con una dolce bambina che morì poco dopo il matrimonio.
Allora Demetrio, ancora giovanissimo, si ritirò in un monastero. Con il passare degli anni, inasprì sempre di più la sua vita di quotidiana penitenza, facendosi eremita.
Aveva quarant'anni, e intorno a lui si era creata la fama di prodigioso guaritore di anime e di corpi, quando il Vescovo lo volle suo coadiutore, consacrandolo sacerdote.
Alla morte del Vescovo, Demetrio tornò al monastero, dove venne scelto per abate. Poi, alla morte del nuovo Vescovo, la cattedra di Cipro venne offerta a lui.
Si nascose in una grotta, nota soltanto a un amico. Bisognò frustare quell'amico, per sapere dove Demetrio si fosse celato.
Portato quasi a forza sulla cattedra episcopale, resse per 25 anni il pastorale, con straordinaria pietà e grande saggezza. Morì ottantenne, nel 915. E per quanto, come abbiamo detto, la sua figura non abbia mai raggiunto larga fama ed estesa venerazione, la sua memoria non venne meno nell'isola di Cipro, dove ben quattro località ripetono il nome dell'antico Vescovo Santo.
(Fonte Archivio della Parrocchia)

Giaculatoria - San Demetrio, pregate per noi.


*Beato Emanuele della Sacra Famiglia (Manuel Sanz Domìnguez) - Monaco e Martire (6 novembre)  
Schede dei Gruppi a cui appartiene:
"Beati 522 Martiri Spagnoli Beatificati nel 2013" Senza data (Celebrazioni singole)
"Santi, Beati e Servi di Dio" - Martiri nella Guerra di Spagna - Vittime della persecuzione religiosa -Senza Data (Celebrazioni singole)

Sotodosos, Spagna, 1887 - Paracuellos de Jarama, Spagna, 6/8 novembre 1936

Monaco professo e Riformatore dell'Ordine di San Girolamo; nato a Sotodosos (Spagna) nel 1887 e ucciso, in odio alla Fede, a Paracuellos de Jarama (Spagna) tra il 6 e l'8 novembre 1936.
Papa Benedetto XVI ha riconosciuto il suo martirio in data 20 dicembre 2012.
E' stato beatificato sotto il pontificato di Papa Francesco in data 13 ottobre 2013.

Giaculatoria - Beato Emanuele della Sacra Famiglia, pregate per noi.


*Sant'Emiliano - Vescovo (6 novembre)

Irlanda ? – Faenza, 780 ca.
Vescovo irlandese, pellegrino a Roma, morì in fama di santità, nel viaggio di ritorno, nei pressi di Faenza. Al ritrovamento del suo sepolcro, si narrano numerosi prodigi. Il suo corpo è custodito in Cattedrale a Faenza.
Patronato: Faenza
Per Sant'Emiliano, come per tanti altri santi, le testimonianze di un culto sono anteriori alle testimonianze sulla vita. A Faenza esisteva una ecclesia S. Emiliani già nel XII secolo.
Un sinodo del 1321 ordina che in tutta la città e nei borghi se ne celebri la festa. Un calendario faentino della prima metà del XV secolo ci attesta che la sua festa era celebrata il 6 novembre e dal 1512 questo giorno diventa di precetto per tutta la città.
Con la soppressione Napoleonica la chiesa fu chiusa al culto e le reliquie traslate in Cattedrale.
Tutte le fonti a nostra disposizione (cf. Bibliothca Sanctorum IV, cc.1184-1185) si soffermano soprattutto sul racconto del miracoloso rinvenimento del sepolcro del santo e dei diversi prodigi che sono avvenuti nel corso degli anni.
Della sua vita si sa ben poco: Emiliano era un santo vescovo irlandese, il quale venne a Roma per venerarvi le tombe degli Apostoli, ammalandosi nel viaggio di ritorno e morendo a Faenza.
Unico elemento cronologico è quello della sua morte avvenuta prima della conquista di Faenza da parte dei longobardi di Liutprando (740), giacchè furono appunto le rovine causate dalla guerra che fecero perdere la memoria del sepolcro.
Il Lucchesi sostiene che nella zona del ravvenate la presenza di monaci irlandesi venuti per condurvi vita eremitica o per predicare il Vangelo ai popoli germanici o per semplice pellegrinaggio, è cosa nota.
Unici elementi certi sulla vita di Emiliano sono la traslazione delle reliquie di un Santo dall'esterno della città alla chiesa di San Clemente, ed una seconda a quella di Santa Maia del Conte, che da allora cominciò a chiamarsi anche Sant'Emiliano. questa seconda traslazione avvenne prima del 1139.
Circa i miracoli narrati nelle fonti, molti autori sono concordi nel ritenere che vi è un ripetersi di luoghi comuni (cf. Bibliotheca Sanctorum, ivi.)
La sua memoria si celebra il 6 novembre, ed è obbligatoria per la città di Faenza.
(Autore: Don Tiziano Zoli – Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Sant'Emiliano, pregate per noi.


*San Felice di Genova - Vescovo (6 novembre)  

Secc. IV-V
Etimologia: Felice = contento, dal latino
Emblema: Bastone pastorale, Mitra
La Chiesa genovese nutre una particolare venerazione per alcuni Santi che sono stati suoi pastori nella fede: il più celebre è sicuramente il terzo vescovo, San Siro, con il cui nome è universalmente nota la cattedra episcopale della città, poiché il cui culto per motivi a noi ignoti si espanse oltre i confini liguri in altre zone dell’Italia settentrionale.
Oggi si festeggia invece il suo predecessore, San Felice, sulla cui vita sono state tramandate ben poche notizie certe dal punto di vista storico.
Visse a cavallo tra il IV ed il V secolo ed fu ricordato in particolare per essere stato padre e maestro di San Siro.
Il suo culto è sempre stato riservato ad un ambito ristrettamente locale, tanto da non essere mai stato citato dal Martyrologium Romanum.
L’Arcidiocesi di Genova ha inserito nel calendario liturgico la sua commemorazione in data 6 novembre, unitamente ai santi Valentino e Romolo, che furono rispettivamente il primo ed il quarto vescovo della città.
Le spoglie mortali dei tre Santi pastori ricevettero sepoltura nella basilica genovese dei dodici Apostoli, dedicata in seguito a San Siro, ma alcune loro insigni reliquie sono custodite ancora oggi anche nella cattedrale cittadina.
(Autore: Fabio Arduino – Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - San Felice di Genova, pregate per noi.


*San Felice di Toniza - Martire (6 novembre)   

III sec.
Martirologio Romano: A La Calle in Numidia, nell’odierna Tunisia, san Felice, martire, del quale sembra parlare Sant’Agostino quando dice al popolo: «Veramente felice fu nel nome e nella corona portati: professò, infatti, la fede in Cristo e fu destinato alla tortura, ma all’indomani il suo corpo fu trovato in carcere esanime».
Il Martirologio Geronimiano lo ricorda il 6 novembre, ma di lui non si conoscono altre notizie. Floro lo volle identificare con il martire menzionato in un sermone di Sant'Agostino (PL, XXXVI, col. 1680) del quale si dice che, dopo essere stato sottoposto ai tormenti, fu rinchiuso in un carcere ed ivi morì.
Poiché la città di Toniza (oggi La Calle) era molto vicina ad Ippona, l'ipotesi di Floro non ha niente di inverosimile; il Delehaye però non accetta una tale identificazione.
(Autore: Gian Domenico Gordini - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - San Felice di Toziza, pregate per noi.


*Beato Garcia Darlet - Mercedario (6 novembre)  

Grande penitente spagnolo dell'Ordine Mercedario, il Beato Garcia Darlet, offrì se stesso in sacrificio a Dio.
Per tutta la sua vita diede testimonianza di un'ardente fede, finché, nel convento di Sant'Eulalia in Pamplona (Spagna), ornato di divine virtù lasciò questo mondo per gioire eternamente nella gloria del Signore.
L'Ordine lo festeggia il 6 novembre.
(Fonte:
Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Beato Garcia Darlet, pregate per noi.


*Sant'Iltuto (Iltud Farchog) - Abate e Fondatore (6 novembre)

Bretagna, 480 – Llantwitt, Galles, † 540 ca.
Illtud Farchog nasce nel 480, è figlio di un principe bretone, Bican. In gioventù i genitori lo mandano a studiare presso uno zio, San Garmon, che più tardi sarà vescovo di Manaw.
Anche se si dimostra un ottimo studente, soprattutto nel campo della letteratura, Illtud preferisce alla strada religiosa la carriera militare. Dopo aver appreso le arti cavalleresche si mette al servizio del cugino, re Arthur.
Riceve però l'offerta di un posto nella guardia reale del re Pawl di Penychen, nel Gallles, e si trasferisce a Nant Pawl. Dopo un incontro quanto mai fortunoso con san Cadog Illtud decide di diventare monaco a Hodnant Valley.
È qui che, con l'aiuto dell'arcivescovo san Dyfrig, costruisce il monastero di Llanilltud Fawr. In questo luogo raccoglie attorno a sé diversi monaci.
Da qui usciranno molti dei santi gallesi. Secondo Alcuni Illtud muore in Britannia, ma le sue reliquie sembra siano custodite nella chiesa di Llanilltud Fawr. (Avvenire)
Martirologio Romano: Nel monastero di Llanilltud Fawr in Galles, sant’Iltuto, abate, fondatore di questo cenobio, nel quale la fama della sua santità e della sua insigne dottrina raccolse molti discepoli.
Non è facile districarsi fra i tanti nomi, difficili a pronunziarsi, che riguardano persone e luoghi, bretoni e gallesi, che s’incontrano nel racconto della vita di s. Iltuto abate.
D’altra parte bisogna dire, nonostante che Sant'Iltuto goda di grande fama fra i santi del Galles, di lui non si sa quasi niente di certo; non esistono ‘Vitae’ proprie, che ne parlino e le fonti più antiche non hanno valore storico.
È menzionato per la prima volta, nell’antichissima ‘Vita’ di San Sansone di Dol, scritta nel 610 ca., dove si legge che Sansone (Samson), prima di partire per Ynys Pir, nell’isola di Caldey, era stato discepolo dell’illustre ‘maestro dei Britanni’ Iltuto, nella sua abbazia di Llantwitt.
Iltud Farchog, nacque nel 480 in Bretagna, figlio del principe bretone Bican; come era consuetudine, i genitori si preoccuparono di dargli educazione e formazione adeguata e lo mandarono a studiare presso uno zio, San Garmon, che in seguito sarà vescovo di Manaw.
Una successiva ‘Vita’ di Sant'Iltud, scritta nel XII secolo da un religioso dei Chierici Regolari, fornisce notizie prive di valore certo, ma che furono purtroppo credute e così vennero tramandate, certamente questa ‘Vita’ è una raccolta di prodigi leggendari, che videro protagonista il santo abate.
Nel testo, sant’Iltud Farchog è descritto come un ottimo studente, eccellente nel campo della letteratura, ma poi preferì la carriera militare invece che la strada religiosa; prosegue il testo,
che dopo aver appreso le arti dei cavalieri, il giovane si mise al servizio del cugino, re Arthur, ricevé poi l’offerta di un posto nella guardia reale del re Pawl di Penychen, nel Galles e si trasferì quindi a Nant Pawl.
Ma il Signore decise diversamente, Iltud dopo un incontro provvidenziale con l’abate gallese san Cadog, cambiò vita e volle diventare monaco a Hodnant Valley.
La suddetta ‘Vita’, cita anche che Iltud si era sposato, per lasciare poi la moglie in un modo da biasimare per farsi monaco; ma l’esistenza della moglie è poco probabile e comunque non provata.
Divenuto monaco, Iltud, con l’aiuto dell’arcivescovo san Dyfrig, costruì il monastero di Llatwitt Fawr, nel Glamorganshire; monastero che poi prenderà nel tempo il suo nome, Llaniltud Fawr.
Come molte altre abbazie del tempo, divenne un centro di spiritualità molto famoso, i suoi monaci provenivano dalle regioni dell’odierna Gran Bretagna, ma anche dalla Bretagna francese, dove poi ritornavano dopo un certo numero di anni, diffondendo la spiritualità, il sapere e la civiltà in tutta Europa, spesso fondando a loro volta nuove abbazie; fu il tipico affermarsi del monachesimo, nel periodo oscuro del Medioevo, che fra l’altro ebbe il merito di salvare, conservare e riprodurre, il patrimonio scritto, della civiltà classica e romana.
Fra i discepoli dell’abate Iltud, il più celebre fu san Sansone di Dol (485 - †565) che era stato monaco a Llantwitt e qui ordinato sacerdote, prima di lasciare l’amico-maestro per l’isola di Caldey; fra i vari santi gallesi provenienti da Llantwitt, ci fu anche s. Paolo di Leon, compagno di Sansone
Sant’Iltuto fu senz’altro uomo di grande dottrina e doni spirituali, infatti nella ‘Vita’ di s. Sansone, si narra che chiamò i due abati Isanus e Atochius, e conscio della loro prossima fine, predisse ad Atochius subito dopo la morte il paradiso e all’altro le sofferenze del purgatorio, a causa della sua avarizia.
Rimproverò più volte Sansone per gli eccessivi digiuni che faceva; la stretta amicizia con il discepolo Sansone, suscitò la gelosia di due nipoti del santo abate, anch’essi monaci, che tentarono senza successo di avvelenarlo.
Sulla morte del santo vi sono discordanze, la ‘vita’ di s. Sansone riporta che Iltud morì nel monastero di Llantwitt nel 540 ca. e lì sepolto; successivi racconti affermano invece, che egli era bretone d’origine e quindi ritornò in Bretagna per morirvi; la chiesa bretone di Landelbearon afferma di possedere la reliquia del suo teschio; il culto è diffuso sia nel Galles, dove chiese e pozzi portano il suo nome, sia in Bretagna dove probabilmente trascorse del tempo con Sansone, divenuto vescovo di Dol, appunto nella Bretagna francese.
La festa liturgica del santo abate fondatore Iltuto, si celebra il 6 novembre.
(Autore: Antonio Borrelli - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Sant'Iltuto, pregate per noi.


*San Leonardo di Limoges - Eremita (6 novembre)  

Gallia, inizio VI sec. – Limoges, 6 novembre 545 ca.
Leonardo nacque in Gallia al tempo dell’imperatore Anastasio da nobili franchi, amici del re Clodoveo che volle fargli da padrino al battesimo.
In gioventù rifiutò di arruolarsi nell’esercito e si
mise al seguito di San Remigio, arcivescovo di Reims.
Avendo questi ottenuto dal re di poter chiedere la liberazione dei prigionieri che avesse incontrato, anche Leonardo, acceso di carità, chiese e ottenne lo stesso favore e liberò, di fatto, un gran numero di questi infelici. Diffondendosi la fama della sua santità, egli rifiutata la dignità vescovile offertagli da Clodoveo si diresse a Limoges; attraversando la foresta di Pavum soccorse la Regina sorpresa dalle doglie del parto.
La preghiera del santo le concesse di superare i dolori e di dare alla luce un bel bambino. Clodoveo riconoscente gli concesse una parte del bosco per edificarvi un monastero.
Il Santo costruì un oratorio in onore della Madonna e dedicò in altare in onore di San Remigio; scavò poi un pozzo che si riempì miracolosamente d’acqua e al luogo diede il nome di nobiliacum in ricordo della donazione di Clodoveo. Il Santo sarebbe morto il 6 novembre di un anno imprecisato, nella metà del VI secolo.
Patronato: Prigionieri, Puerpere, Campobasso, Conegliano (TV)
Etimologia: Leonardo = forte come leone, dal latino e dal tedesco
Martirologio Romano: Nella cittadina vicino a Limoges in Francia in seguito insignita del suo nome, San Leonardo, eremita.
La prima cosa certa che riguarda s. Leonardo di Noblac o di Noblat o di Nobilicum o di Limoges, è che le prime notizie sulla sua esistenza risalgono al secolo XI, nelle “Historiae” di Ademaro di Chabannes scritte verso il 1028; dove si racconta che nel 1017, venne scoperto un supposto capo di s. Giovanni Battista a Saint-Jean-d’Angély e i fedeli dei dintorni accorsero portando le reliquie dei loro santi fra le quali quelle di s. Leonardo confessore nel Limusino.
Qualche anno dopo il 1030, fu messa in circolazione un’anonima “Vita sancti Leonardi” con l’aggiunta della descrizione di nove miracoli a lui attribuiti.
Secondo gli studiosi agiografi successivi, questa “Vita” è molto favolosa, ma rimane comunque il più antico racconto e ad esso ci rifacciamo.
Leonardo nacque in Gallia al tempo dell’imperatore Anastasio I (491-518), i suoi genitori erano nobili franchi amici di re Clodoveo (481-511), il quale volle fargli da padrino nel battesimo.
Da giovane rifiutò di arruolarsi nell’esercito, come era uso per i nobili franchi e si pose come discepolo di s. Remigio, arcivescovo di Reims (438-530), il grande evangelizzatore dei Franchi che aveva convertito e battezzato lo stesso re Clodoveo.
Il santo vescovo aveva ottenuto dal re convertito, di poter chiedere la liberazione dei prigionieri che avesse incontrato e anche Leonardo, preso da grande fervore di carità, chiese ed ottenne lo
stesso favore, liberando così un gran numero di infelici prigionieri, vittime delle guerre barbare di quei tempi.
La sua santità andava molto diffondendosi e Clodoveo I gli offerse la dignità vescovile, che Leonardo rifiutò, ritirandosi come eremita prima presso San Massimino a Micy, poi si diresse a Limoges.
Si racconta che attraversando la foresta di Pavum nei pressi di Limoges, dove si era stabilito, si trovò a soccorrere la regina Clotilde, che era al seguito del re Clodoveo per la caccia e che era stata sorpresa dalle doglie del parto; Leonardo con le sue preghiere, le concesse di superare i dolori e quindi di dare alla luce un bel bambino.
Clodoveo per riconoscenza, gli concesse parte del bosco per edificarvi un monastero, che lo stesso Leonardo delimitò montato su un asino.
Il santo eremita edificò un oratorio in onore della Madonna, dedicando anche un altare al suo maestro, San Remigio, da tempo defunto in fama di santità.
Un pozzo da lui scavato si riempì miracolosamente di acqua e chiamò quel luogo “Nobiliacum” in ricordo della donazione di Clodoveo, re nobilissimo.
Le regioni già cristiane di Germania, Aquitania, Inghilterra, furono pervase dalla fama che circondava il santo eremita; sia a Micy presso Orléans, che a Nobilac accorrevano malati di ogni genere, che solo a vederlo, ritornavano guariti; ma soprattutto il santo liberava i carcerati, che erano essenzialmente prigionieri di guerra (si ricorda che la pena in quei secoli era corporale o pecuniaria per le punizioni, la detenzione serviva per riscuotere i riscatti).
I prigionieri dovunque lo invocassero, vedevano le catene spezzarsi, i lucchetti si aprivano, i carcerieri si distraevano, le porte si spalancavano; questi infelici riacquistata la libertà, accorrevano da Leonardo per ringraziarlo e molti rimanevano con lui.
Parecchi familiari del santo eremita si stabilirono nei dintorni del monastero con le loro famiglie, dando così origine ad un villaggio, che poi prenderà il suo nome. S. Leonardo morì il 6 novembre di un anno verso la metà del VI secolo, certamente dopo il 530, anno in cui era morto il suo maestro, a cui aveva dedicato un altare.
Dall’XI secolo, il suo culto prese ad espandersi in tutta l’Europa Centrale, ed altre ‘Vite’ successive, con racconti di strepitosi miracoli a lui attribuiti, ne aumentarono la conoscenza e la
devozione; furono erette in suo onore varie centinaia di chiese e di cappelle, il suo nome fu inserito nei toponomastici e nel folklore popolare.
Fu particolarmente venerato all’epoca della crociata e tra i suoi devoti si annovera il principe Boemondo d’Antiochia (Boemondo d’Altavilla, 1050-1111, figlio di Roberto il Guiscardo) che preso prigioniero dagli infedeli nel 1100 durante la I crociata, venne liberato nel 1103, attribuendo la sua liberazione al santo che aveva invocato; quando tornò in Europa donò come voto al santuario di Saint-Léonard-de-Noblat, delle catene d’argento, simili a quelle che lo tenevano legato.
Il ‘Martirologio Romano’ lo celebra il 6 novembre; San Leonardo è molto raffigurato nell’arte, quasi sempre con le catene, simbolo della sua particolare protezione per i carcerati ingiustamente; per questo è patrono anche dei fabbricanti di catene, di fermagli, fibbie, ecc., inoltre viene invocato per i parti difficili, mali di testa e malattie dei bambini; contro la grandine ed i banditi; a lui si rivolgono anche gli obesi.
In Belgio è patrono dei minatori del bacino minerario di Liegi; introdotto dai Normanni, il suo culto si diffuse anche in Sicilia, testimoniato dalle tante opere d’arte che lo raffigurano, come del resto in tutta Europa.

(Autore: Antonio Borrelli - Fonte: Enciclopedia dei Santi)
Giaculatoria - San Leonardo di Limoges, pregate per noi.


*Beati Martiri Spagnoli Vincenziani - Beatificati nel 2013 (6 novembre)  

Schede dei Gruppi a cui appartiene:
"Beati 522 Martiri Spagnoli" Beatificati nel 2013 - Senza data (Celebrazioni singole)
"Santi, Beati e Servi di Dio Martiri nella Guerra di Spagna" Vittime della persecuzione religiosa - Senza Data (Celebrazioni singole)

Papa Francesco ha riconosciuto il loro martirio il 5 luglio 2013. Fortunato Velasco Tobar e 13 compagni sono stati beatificati il 13 ottobre 2013.
P. Fortunato Velasco Tobar, era nato a Tardajos (Burgos) il 1 giugno 1906. Entrò nella Congregazione della Missione il 18 settembre 1923, pronunciando i voti propri dell'Istituto il 19 settembre 1925. Come tanti altri martiri della Congregazione della Missione ricevette gli ordini sacri dalle mani da un altro insigne martire della stessa persecuzione: Cruz Laplana y Laguna, Vescovo di Cuenca. Nella sua prima messa celebrata nella Basílica de la Milagrosa lo assistettero tre suoi fratelli: i PP. Esteban, Luis eMaximino Velasco Tobar, C. M. Fatti gli studi superiori a Londres, fu destinato al collegio apostolico di Teruel, capitale, e poi spostato a Alcorisa (Teruel) nel 1935. Del Servo di Dio è stato detto che nel suo aspetto esteriore appariva un riflesso della felicità che sentiva nel cuore, così come il fervore della sua carità e la delicatezza di coscienza, perchè viveva pienamente la sua vita di sacerdote e missionario.
P. Leoncio Pérez Nebreda, era nato il 18 marzo 1895 a Villarmentero (Burgos). Entrò nella Congregazione della Missione il 19 agosto 1911 , pronunciando i voti propri dell'Istituto il 1 gennaio 1914. Fu ordinato sacerdote il 10 agosto 1921. Come P. Velasco fu sempre professore del Collegio apostolico della Congregazione, prima a Teruel e poi, dal 1935, ad Alcorisa. Aveva una spiccata intelligenza, ma mai si vantò delle sue buone qualità umane: al contrario, seguendo la teologia cristocentrica del Santo Fondatore, seppe vedere Cristo nella persona di ogni uomo, guadagnandosi così la fama di sacerdote fervoroso e retto.
Fr. Luis Aguirre Bilbao, nacque a Munguía (Vizcaya) il 19 agosto 1914. Orfano da bambino, presto sentì la vocazione religiosa. A 17 anni lasciò Guernica (Vizcaya) dove lavorava come meccanico per entrare nel noviziato il 29 giugno 1931, emettendo i voti il 30giugno 1933.Fu destinato al collegio di Alcorisa. Tre anni dopo si meritò la grazia del martirio, congiungendo la fama di santità a quella di innocenza. Qualche mese prima aveva manifestato per iscritto la sua conformità alla volontà di Dio e la sua ferma volontà di dimostrare la fede fino alla offerta della vita.Negli ultimi giorni il Servo di Dio ed il fr. Felipe Barbero, suo compagno di comunità, si scambiarono reciprocamente la raccomandazione delle loro anime.
Fu il prino a donare la vita per Cristo. Il 29 luglio 1936, alle 7 di sera, si riunì la comunità nel Coro per prepararsi a morire. P. Emilio Conde confessò i tre Servi di Dio. Uscirono tutti cercando rifugio, tranne P. Fortunato, che era l'economo, e P. Luis, che rimasero in Casa pensando che potevano essere utili al bene spirituale del popolo. Lo stesso giorno i marxisti assaltarono la Casa, e la presero senza violenza. Presero i due, li separarono e proprio sulla porta si consumò il martirio di Aguirre, che morì gridando: "Viva Cristo Re". Stava per compiere 22 anni.
Intanto P. Fortunato fu portato in carcere con due sacerdoti e altri strappati alle loro comunità religiose. In quella prima notte di prigionia si confessarono tutti e si prepararono alla morte imminente. Li lasciarono invece liberi, ma il Servo di Dio fu arrestato di nuovo il 22 agosto: fu fucilato il 24 agosto 1936. Morì perdonando quelli che lo uccidevano.
P. Leoncio si era diretto verso Saragoza, cercando rifugio. Passò di villaggio in villaggio, ormai stremato. In un villaggio potè dir messa e tornare a ricevere l'assoluzione sacramentale: a Oliete (Teruel) lo riconobbero come religioso e un contandino, fingendo di aiutarlo, lo fece salire su un carretto e lo condusse in cima ad un burrone, a tre chilometri da Oliete, e lì lo uccise a colpi di uno strumento di lavoro dei campi, gettando il corpo dal precipizio. Era il 2 agosto 1936: il giorno seguente l'assassino cominciò a vantarsi raccontando pubblicamente il fatto brutale, con tutti i particolari. Si vantava dicendo che aveva abbattuto un grosso uccello.
P. Antonio Carmaniu Mercader, nacque e Rialp (Lérida) il 17 Aprile 1860. Nel 1872 entrò nel seminario diocesano di Seo de Urgel (Lérida) dove fece gli studi ecclesiastici fino al Febbraio 1879 quando passò al Noviziato della Congregazione della Missione, emettendo i voti propri dell'Istituto il 23 Febbraio 1881. Ordinato sacerdote nel 1881 fu destinato a Palma de Mallorca, rivelandosi un grande predicatore nelle Missioni popolari. Ebbe varie destinazioni a Figueras (Gerona), Bellpuig (Lérida) e Barcelona e Rialp, suo paese natale. Eretta la Provincia Canonica a Barcellona, il Servo di Dio vi fu incorporato. Nel 1936 faceva parte della Comunità della Casa Provinciale di Barcellona C/ Provenza 212. Come tutta la Comunità, fu costretto a fuggire di nascosto il 19 luglio 1936, rifugiandosi in varie case di conoscenti. Sentendosi più sicuro nel suo paese, passò a Rialp, col permesso del Superiore P. Ramis. Tuttavia fu perseguitato anche lì, per cui partì per la Francia, pensando di trovare rifugio in qualche Casa della Congregazione: ma fu scoperto e, sopo un periodo di carcerazione, fu martirizzato a causa della sua condizione di sacerdote e missionario il 17 agosto 1937, nel territorio municipale di Llavorsi, diocesi di Urgel, gridando "Viva Cristo Re !". Il Suo cadavere era perforato da 16 colpi di proiettile.
Sei sacerdoti e due fratelli coadiutori formavano la Comunità di Guadalajara. Nella primavera del 1936, furono trasferiti a Murguía (Álava), per metterli in salvo, gli aspiranti e parte dei professori: rimasero nella Casa solo i PP. Ireneo Rodríguez González, Gregorio Cermeño Barceló, Vicente Vilumbrales Fuente e Fr.Narciso Pascual Pascual. I quattro subirono il martirio il 6 dicembre 1936.
P. Ireneo Rodrìguez Gonzàlez nacque a Los Balbases (Burgos) il 10 febbraio 1879. Il 2 giugno 1895 fu ammesso nella Congregazione della Missione, ed emise i voti propri dell'Istituto il 3 giugno 1897. Fu ordinato sacerdote il 1 novembre 1903 e immediatamente destinato nelle Filippine, dove eserciterà il suoi ministeri sacerdotali e missionari fino al 1923. Dal 1923 al 1927 ebbe la sua destinazione nella Casa Provinciale di Madrid e dal 1927 al 1931 a Cuba. Nel dicembre 1931 fu destinato al Collegio apostolico di Sigüenza (Guadalajara) dove troverà il martirio. Il tratto saliente della sua personalità era il suo spirito di fede e una simpatia ben orientata nei suoi ministeri. Amabile e condiscendente con tutti, la sua conversazione era sempre amena e gradevole. Buono di carattere, non ebbe mai risentimento con alcuno, ma anzi era sempre disponibile al servizio e per questo era da tutti benvoluto.
P. Gregorio Cermèno Barcelò, nacque a Saragoza il 9 maggio 1874. Entrò nella Congregazione della Missione il 27 aprile 1892, ed emise i voti propri dell'Istituto il 28 aprile 1894. Ordinato sacerdote l'8 settembre 1899 passò due anni, da professore, nel seminario di Porto-Alegre in Brasile ed ebbe diverse destinazioni in Spagna: l'ultima fu al Collegio apostolico di Guadalajara, nel 1929.
P. Vicente Vilumbrales Fuente, nacque a Reinoso de Bureba (Burgos) il 5 aprile 1909. Entrò nella Congregazione della Missione il 14 settembre 1926 ed emise i voti propri dell'Istituto il 27 settembre 1928. Fu ordinato sacerdote il 9 settembre 1934. Dopo un periodo per completare gli studi a Londres e una breve permanenza nella casa Provinciale di Madrid, fu inviato provvisoriamente al Collegio Apostolico di Guadalajara nel febbraio 1936. Lì lo colse la gloriosa morte coi suoi compagni di comunità.
Fr. Narciso Pascual Pascual navque a Sarreaus (Orense) l'11 agosto 1917. Entrò nella Congregazione il 26 novembre 1933 e emise i voti propri dell'Istituto, come fratello coadiutore, il 27 novembre 1935 e fu destinato al Seminario di San Pablo de Cuenca. La persecuzione religiosa si manifestò con crudezza a Cuenca il 1 maggio 1936. Espulsa da Cuenca la Comunità dei Vincenziani per ordine governativoe con grandi minacce, il Fr. Pascual si rifugiò per un po' di tempo nel Palazzo Vescovile, per poi andare nella Casa Centrale di Madrid. Fu inviato dai superiori al Collegio apostolico intanto fondato a Guadalajara, dove morì per mano dei nemici della fede, insieme con tre compagni di Comunità, all'età di 19 anni.
Dal rifugio del palazzo Vescovile di Cuenca scrisse ai genitori una lunga e profonda lettera, dove tra l'altro dice: "Io non ho paura di niente di quello che si dice. Sono disposto a tutto, perchè se moriamo, moriamo per la fede in Cristo e professando Cristo, e per la nostra Patria, in difesa del suo santo ideale, e così ci salveremo".
La domenica 26 luglio 1936 i PP. Ireneo Rodríguez González, Gregorio Cermeño Barceló, Vicente Vilumbrales Fuente e Fr. Narciso Pascual Pascual furono incarcerati nella Prigione Centrale di
Guadalajara. Tennero un comportamento esemplare tra le più grandi privazioni e vessazioni, insieme con altri sacerdoti e religiosi. Li uccisero tutti nello stesso carcere, nel modo più crudele, nella notte tra il 6 e il 7 dicembre 1936.
Come in molte altre diocesi, il Vescovo di Oviedo aveva affidato alla Congregazione della Missione l'organizzazione e la direzione spirituale del Seminario. Per questo si costituì all'inizio del sec. XX una comunità stabile che nel 1934 risultava composta da 5 sacerdoti ed un fratello codiutore. Tutti furono arrestati durante la persecuzione religiosa che nelle Asturie ebbe la sua massima intensità nell'ottobre 1934: diedero la loro vita per la fede i
PP. Tomàs Pallarès Ibànez e Vicente Pastor Vicente e FR. Salustiano Gonzàlez Crespo, oltre due professori, sacerdoti secolari e sei seminaristi.
P. Tomàs Pallarès Ibànez, nacque a Iglesuela del Cid (Teruel) il 6 marzo 1890, entrò in Congregazione l'8 settembre 1906, pronunciò i voti 9 settembre 1908 e fu ordinato sacerdote a Madrid il 29 agosto 1915. Già nella sua prima destinazione, nelle Canarie, si distinse per per il suo talento, il suo preciso linguaggio dottrinale, la sua grande mortificazione e umiltà. Destinato alla Casa Provinciale, dal 1927 al 1930 visse un intenso tempo di apostolato. Stava per compiere i 40 anni, quando cominciò ad esercitare il suo ministero nel Seminario Diocesano di Oviedo. All'inzio ebbe l'incarico di mayordomo (amministratore) del Seminario e successivamente di direttore spirituale. Nell'ottobre del 1934 era Vice-Rettore, ed era considerato dai sacerdoti che lì si formarono come un vero padre.
Fr. Salustiano Gonzàlez Crespo nacque il 1 maggio1871 a Tapia de la Ribera (León), entrò in Congregazione il 28 ottobre 1894, pronunciò i voti il 29 ottobre 1896. Dal 1900 al 1928 fu destinato alle Canarie. Dopo un periodo nella Casa-Teologado di Cuenxa, in 1930 fu destinato al Seminario Diocesano di Oviedo, disimpegnando i compiti di cuoco e portiere, modello ed esempio di vita soprannaturale, semplicità e abnegazione per tutti i seminaristi che lo conobbero.
Gli altri quattro Servi di Dio della diocesi di Oviedo furono martirizzati nel 1936 e appartenevano alla comunità di Gijón (Asturias). Questi sono i loro nomi:
P. Pelayo-Elayo-Josè Granado Prieto, P. Andrès Avelino Gutièrrez Moral, P. Ricardo Atanes Castro e P. Amado Garcìa Sànchez.
P. Pelayo-Josè Granado Prieto,
nacque a Santa María de los Llanos (Cuenca) il 30 luglio 1895, entrò in Congregazione l'8 settembre 1914, pronunciò i voti il 9 settembre 1916 e fu ordinato sacerdote il 25 maggio 1923. Il suo principale ministero fu la predicazione nelle missioni al popolo, che, nei suoi appunti personali, definì come " un'ambasciata che Dio invia attraverso i suoi ministri per trattare dell'unico affare che è la salvezza dell'anima". Fu destinato in diverse zone dell'Andalusia e a Badajoz fino al 1935, quando fu destinato alla casa di Gijón (Asturias) dove incontrerà il martirio il 27 agosto 1936.
Il martirio di P. Granado è marcato dall'obbedienza. Pauroso di natura, anche perchè aveva il ricordo incancellabile della precedente rivoluzione asturiana (1934) che lo aveva molto impressionato, P. Granado ripeteva spesso: "Ho paura di Gijón". Ciò nonostante non si rifiutò all'obbedienza e accettò la destinazione in Asturias. Uno dei suoi ministeri importanti era la predicazione, tanto nelle missioni popolari che nelle feste liturgiche straordinarie. La Comunità si era impegnata con il Parroco di un paese vicino chiamato La Corrada a predicare il sermone della festa della Vergine del Carmelo, che si celebrava la domenica successiva al 14 luglio, vale a dire il 19 luglio del 1936. Di fronte agli avvenimenti della vigilia, P. Pelayo non nasconde il suo timore, ma ritenendo di dover adempiere al dovere di La Corrada, celebra il sermone e assiste alla processione con una grande folla devota, ma anche con i persecutori della chiesa che minacciano: "Quello che si va a cercare, quello si trova..". Dopo essersi rifugiato per un certo tempo con sacerdoti della zona, senza tralasciare di amministrare i sacramenti a quelli nascosti, fu scoperto e, dopo vari giorni di sofferenze fisiche e morali, lo uccisero nel villaggio vicino, Soto del Barco, buttando il suo corpo a pezzi nel fiume Nalón.
P. Andrès Avelino Gutièrrez Moral, nacque a Salazar de Amaya (Burgos) il 12 novembre 1886, entrò in Congregazione il 3 luglio 1903, pronunciò i voti il 4 luglio 1905 e fu ordinato sacerdote a Limpias nell'ottobre del 1911.
Sia a Limpias che a Tardajos, a Orense e a Gijón, si distinse per la sua predicazione zelante e ardente nelle missioni popolari, la sua resistenza alle avversità e alle difficoltà del periodo, la sua solida dottrina e la sua grande simpatia verso bambini e anziani. Stava a Gijón dal 1933: aveva dunque vissuto la persecuzione del 1934.
Andarono a prendere P. Avelino nella sua residenza il 25 luglio 1936: egli non nascose il suo nome, nè la sua condizione di sacerdote vincenziano,
Il 3 agosto fu portato con un camion a un villaggio chiamato Sariego, presso Villaviciosa, e da lì lo fecero salire, attraverso cespugli e già molto affaticato, sopra un monte, dove gli spararono varie volte, lasciandolo mezzo morto. Accorsero alcune paesani ad aiutarlo, ma spirò verso le 5 del pomeriggio, dopo un'estenuante agonia. Il parroco del villaggio raccolse per quanto fu possibile le testimonianze dei paesani e così si è potuto documentare perfettamente questi fatti.
P. Ricardo Atanes Castro, nacque a Cualedro (Orense) il5 maggio 1875, entrò in Congregazione l' 11 maggio 1891, pronunciò i voti il 3 agosto 1893 e fu ordinato sacerdote il 27 maggio 1899.
La sua prima destinazione fu il Messico, dove passò 14 anni alternando l'insegnamento nel Seminario diocesano alla predicazione del vangelo agli indios mayas.
Nel 1914 fu destinato agli Stati Uniti, ritornò in Spagna nel 1924 destinato a Orense e nel 1935 fu inviato alla casa di Gijón (Asturias), da dove andrà incontro al martirio il 14 agosto 1936. Si conserva un suo scritto giovanile a un formatore del seminario, dove racconta il suo lavoro missionario nel Messico e gli parla con allegria della possibilità di morire martire. Si capisce che il formatore gli aveva parlato della relazione tra martirio e attività missionaria, ed il discepolo ora gli raccontava la sua esperienza.
P. Atanes fu portato prigioniero nel carcere improvvisato per religiosi nel Collegio dei Gesuiti di Gijón. Lo inserirono nell'assassinio di massa del 14 agosto, insieme a sette sacerdoti secolari, quattro cappuccini (tre dei quali sacerdoti) e tre gesuiti. La cosa fu preparata come una specie di spettacolo pubblico: furono condotti in pieno giorno su un camion scoperto per le strade di Gijón, esposti alle grida della folla contro i sacerdoti e contro la Chiesa. Li uccisero nello stesso cimitero.
P. Amado Garcìa Sànchez, nacque a Moscardón (Teruel) il 29 aprile 1903, entrò in Congregazione il 10 settembre 1917, pronunciò i voti il 30 aprile 1921, avendo compiuto i 18 anni, e fu ordinato sacerdote il 2 maggio 1926, avendone compiuti 23.
Sue prime destinazioni furono Ávila e Granada, sempre impegnato nel ministero delle missioni popolari, particolarmente nei paesi poveri. Nel febbraio del 1929 fu inviato a fondare la casa di Gijón (Asturias) e nel 1935 ne fu nominato Superiore. A Gijón, oltre che delle missioni, si occupava della cappellania delle Figlie della Carità e della direzione spirituale dei vari gruppi delle Figlie di Maria. Queste giovani del Patronato furono quelle che visitarono P. Amado in prigione e ne riconobbero poi il cadavere all'obitorio.
Dopo che fu preso P. Avelino Gutiérrez, si ritrovarono soli nella casa il Superiore, P. Amado García Sánchez, e il Fr. Paulino Jiménez, che era molto anziano. Il 15 agosto P. Amado andò a celebrare la
messa in un collegio delle Figlie della Carità di Gijón: qualcuno lo vide e lo denunciò, ma riuscì a salvarsi dalla registrazione.
Le Figlie di Maria gli misero a disposizione le loro case, e restò nascosto qualche giorno. Aveva però lasciato solo nella residenza Fr. Paulino Jiménez e, come Superiore, volle riunirsi a lui. Li presero nei giorni 18 e 19 ottobre, portandoli prigionieri alla Chiesa dei Gesuiti, insieme a molti sacerdoti e religiosi. Nei pochi giorni di prigionia confessò molti e confortò coloro che andavano al martirio. Il 24 ottobre, vigilia di Cristo Re, di pomeriggio, venne il turno di P. Amado García: diede l'arrivederci in cielo a Fr. Paulino, che non fu ucciso perchè anziano, e andò in gruppo ad essere fucilato nel cimitero di Ceares de Gijón.
Delle giovani Figlie di Maria trovarono il cadavere di P. Amado e riuscirono a portar via un asciugamano che aveva al collo, impregnato del suo sangue.Questo asciugamano si conserva nel museo dei martiri di Madrid, anche se ne mancano alcuni pezzi che quelle ragazze si divisero, come preziose reliquie.
Tornata la pace, si è potuto riconoscere il cadavere e seppellirlo con la dovuta dignità in una nicchia dei PP. Vincenziani di Gijón.
(Autore: Suor Josefina Salvo FdC - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Beati Martiri Spagnoli Vincenziani, pregate per noi.


*Beati Martiri Spagnoli Vincenziani (Giuseppe Maria Fernàndez Sànchez e 38 Compagni - Beatificati nel 2017 (6 novembre)  
Scheda del Gruppo a cui appartengono:
"Santi, Beati e Servi di Dio Martiri nella Guerra di Spagna" Vittime della persecuzione religiosa" Senza Data (Celebrazioni singole)

Padre José María Fernández Sánchez e 32 tra sacerdoti e fratelli coadiutori della Congregazione della Missione, insieme a 6 laici dell’Associazione della Medaglia Miracolosa, sono stati uccisi in odio alla fede nel 1936, durante la persecuzione religiosa della guerra civile spagnola.
La loro beatificazione è stata celebrata l'11 novembre 2017 a Madrid, insieme a quella di un altro gruppo di 21 martiri della Famiglia Vincenziana. La loro memoria liturgica, per la Famiglia Vincenziana, cade il 6 novembre, unitamente a quella di altri 42 martiri uccisi durante la guerra civile e beatificati nel 2013.
I Vincenziani nella diocesi di Madrid
All’epoca della guerra civile spagnola, la presenza della Congregazione della Missione, comunemente detta dei padri e fratelli Vincenziani, contava cinque comunità. I suoi membri erano dediti ai compiti specifici per cui erano stati voluti dal loro fondatore, san Vincenzo De’ Paoli: missioni al popolo, culto pubblico, celebrazione dei Sacramenti, organizzazione degli aiuti di carità anche mediante associazioni di laici e, infine, cura pastorale per le Figlie della Carità, ramo femminile della Famiglia Vincenziana.
Nella persecuzione della guerra civile
La Casa provincializia di calle Garcia de Paredes contava 45 membri: 37 sacerdoti e 19 fratelli coadiutori. La notte del 24 luglio 1936 fu attaccata a sorpresa da un gruppo di miliziani, che bloccarono contemporaneamente tutte e tre le porte dell’edificio. Inizialmente pensarono di uccidere tutti insieme i confratelli, ma decisero di rimandare a causa del loro gran numero.
Il giorno successivo, alcuni di essi scapparono e si rifugiarono presso parenti e amici. Altri, invece, furono fatti prigionieri.
La comunità di calle Lope de Vega 38, annessa al Noviziato delle Figlie della Carità e per questo detta “Casa dei Cappellani”, fu letteralmente decimata: sopravvissero quattro sacerdoti, unicamente perché si trovavano fuori Madrid.
Una terza casa, nella vicina cittadina di Hortaleza, era composta da 6 sacerdoti, 17 fratelli codiutori e 36 novizi. Questi ultimi, insieme ai loro formatori, erano stati inviati per sicurezza a Tardajos presso Burgos. I 16 rimasti furono fatti tutti prigionieri il 21 luglio.
La quarta casa, presso Valdemoro, contava 5 sacerdoti e 4 fratelli coadiutori. Anche loro furono arrestati insieme il 25 luglio e imprigionati prima a Getafe, poi a Ventas.
Infine, la piccola comunità di calle Fernández de la Hoz 21, composta da 5 Padri appartenenti alla Provincia di Aquitania.
I martiri di questo elenco appartengono a ciascuna di queste case: 13 a quella della Casa provincializia; 10 a quella di calle Lope de Vega; 6 a quella di Hortaleza; 3 (due sacerdoti e un fratello coadiutore) a quella di Valdemoro; uno di quella di calle Fernández de la Hoz. Il capogruppo designato è stato padre José María Fernández Sánchez
I laici dell’Associazione della Medaglia Miracolosa
Ai sacerdoti e ai fratelli Vincenziani sono stati associati sei laici, membri dell’Associazione della Medaglia Miracolosa di Madrid. Non sono gli unici laici ad essere stati uccisi nel corso della persecuzione, ma sono coloro dei quali si sa con certezza, in base a un elenco stilato nel 1939, che furono imprigionati e uccisi: erano membri del Direttivo di quell’Associazione.
La causa di beatificazione
L’elenco, quindi, contava 39 potenziali martiri in tutto. Il nulla osta per l’avvio della loro causa di beatificazione, volta ad accertare la loro uccisione in odio alla fede cattolica, è giunto il 25 giugno 2004.
Cinque giorni dopo, nella diocesi di Madrid, è stata avviata l’inchiesta diocesana, conclusa nel 2005. Il decreto con cui gli atti dell’inchiesta sono stati approvati porta invece la data del 6 giugno 2008.
In seguito alla consegna della “Positio super martyrio” presso la Congregazione delle Cause dei Santi e al suo esame da parte dei Consultori teologi e dei Cardinali e Vescovi membri della stessa Congregazione, il 23 marzo 2017 papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto con cui padre José María Fernández Sánchez e i suoi 38 compagni sono stati dichiarati ufficialmente martiri.
La loro beatificazione si è svolta a Madrid l’11 novembre 2017, celebrata dal cardinal Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, come inviato del Santo Padre. Insieme a loro, sono stati beatificati altri 21 tra sacerdoti, fratelli coadiutori, laici vincenziani e Figlie della Carità, capeggiati da padre Vicente Queralt Lloret.
I 60 Beati vanno quindi ad aggiungersi ai 42 altri martiri vincenziani spagnoli, 14 Preti della Missione e 28 Figlie della Carità, beatificati nel 2013 a Tarragona. La loro memoria liturgica cade, insieme a quella degli altri 42, il 6 novembre.
L’elenco dei martiri
Vicente Cecilia Gallardo, novizio della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Hortaleza, 19 luglio 1936

Manuel Trachiner Montaña, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Hortaleza, 20 luglio 1936
Roque Catalán Domingo, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Hortaleza, 22 luglio 1936José Ibañez Mayandia, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 27 luglio 1936
Estanislao Páramo Marcos, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 28 luglio 1936
Perfecto Del Río Páramo, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 12 agosto 1936
Agustín Fernández Vázquez, laico coniugato della diocesi di Madrid, membro dell’Associazione dei Cavalieri della Medaglia Miracolosa
† Paracuellos de Jarama, 17 agosto 1936
Hilario Barriocanal Quintana, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Boadilla del Monte, 20 agosto 1936
José Garvi Calvente, padre di famiglia della diocesi di Madrid, membro dell’Associazione dei Cavalieri della Medaglia Miracolosa
† Aravaca, 21 agosto 1936
Eduardo Campos Vasallo, padre di famiglia della diocesi di Madrid, membro dell’Associazione dei Cavalieri della Medaglia Miracolosa
† Paracuellos de Jarama, 27 novembre 1936
Justo Ramón Piedrafita, padre di famiglia della diocesi di Madrid, membro dell’Associazione dei Cavalieri della Medaglia Miracolosa
† Madrid, 23 agosto 1936
Manuel Requejo Pérez, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 30 agosto 1936
José Santos Ortega, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 23 settembre 1936
Saturnino Tobar González, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Vallecas, 28 settembre 1936
Eleuterio Castillo Gómez, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 3 ottobre 1936
Benjamin Ortega Aranguren, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 19 ottobre 1936
Teodoro Gómez Cervero, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 22 ottobre 1936
José María Fernández Sánchez, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Roque Guillén Garcés, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Juan Nuñez Orcajo, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Agustín Nogal Tobar, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
César Elexgaray Otazua, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Cristóbal González Carcedo, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Vallecas, 23 ottobre 1936
Felipe Basauri Altube, laico coniugato della diocesi di Madrid, membro dell’Associazione dei Cavalieri della Medaglia Miracolosa
† Madrid, 23 ottobre 1936
Maurilio Tobar González, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Ponciano Nieto Asensio, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Benito Paradela Novoa, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 29 ottobre 1936
Victoriano Reguero Velasco, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Gil Belascoain Ilagorri, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Paracuellos de Jarama, 7 novembre 1936
Laureano Pérez Carrascal, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Paracuellos de Jarama, 8 novembre 1936
Bartolomé Gelabert Pericás, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Pedro Armendáriz Zabaleta, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Canillas, 27 novembre 1936
Miguel Aguado Camarillo, laico coniugato della diocesi di Madrid,
membro dell’Associazione dei Cavalieri della Medaglia Miracolosa
† Paracuellos de Jarama, 27 novembre 1936
José García Pérez, novizio della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Paracuellos de Jarama, 28 novembre 1936
Francisco Morquillas Fernández, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Pedro Pascual García Martín, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
Joaquín Zubillaga Echarri, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Paracuellos de Jarama, 30 novembre 1936
Benito Quintano Díaz, sacerdote della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 12 dicembre 1936
Isidro Alonso Peña, fratello coadiutore della Congregazione della Missione (Vincenziani)
† Madrid, 14 dicembre 1936
(Autore: Emilia Flocchini - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Beati Martiri Spagnoli Vincenziani beatificati nel 2017, pregate per noi.


*Beati Martiri Spagnoli Vincenziani (Giuseppe Queralt Lloret e 20 Compagni - Beatificati nel 2017 (6 novembre)  
Scheda del Gruppo a cui appartengono:
"Santi, Beati e Servi di Dio Martiri nella Guerra di Spagna" Vittime della persecuzione religiosa" Senza Data (Celebrazioni singole)

21 tra sacerdoti, religiosi e laici, quasi tutti della Famiglia Vincenziana, furono uccisi tra il luglio 1936 e il maggio 1937, nel corso della persecuzione religiosa che accompagnò la guerra civile spagnola. Del gruppo, capeggiato da padre Vicente Queralt Lloret, della Congregazione della Missione (ossia i Padri Vincenziani), fanno parte anche sei sacerdoti della sua stessa Congregazione, due suore Figlie della Carità, sette laici appartenenti all’associazione dei Figli di Maria della Medaglia Miracolosa e cinque sacerdoti della diocesi di Cartagena, assistenti spirituali di quell’associazione.
La causa del gruppo si è svolta nella diocesi di Valencia, dopo aver ottenuto la competenza del tribunale ecclesiastico per quelli che sono morti nelle diocesi di Barcellona e Cartagena, dal 4
marzo 2004 al 6 giugno 2008. Il 1° dicembre 2016 papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto che li dichiarava ufficialmente martiri.
La loro beatificazione, insieme a quella di altri 39 tra sacerdoti, fratelli coadiutori e laici vincenziani, è stata celebrata l’11 novembre 2017 a Madrid. La loro memoria liturgica, per la Famiglia Vincenziana, cade il 6 novembre, unitamente a quella di altri 42 martiri uccisi durante la guerra civile e beatificati nel 2013.
Dei quasi seimila martiri assassinati durante la guerra civile spagnola fanno parte anche molti appartenenti alla Famiglia Vincenziana. 21 di essi, in particolare, furono uccisi tra il luglio 1936 e il maggio 1937.
A capeggiarli è padre Vicente Queralt Lloret, della Congregazione della Missione (ossia i Padri Vincenziani). Del gruppo fanno parte altri sei sacerdoti della sua stessa Congregazione: i padri Manuel Binimelis Cabré, Luis Berenguer Moratonas, Juan Puig Serra, Agapito Alcalde Garrido, Rafael Vinagre Torres-Muñoz e José Acosta Alemán.
Sono compresi anche cinque sacerdoti diocesani: Juan José Martínez Romero, Pedro José Rodríguez Cabrera, Pedro Gambín Pérez, Cayetano García Martínez e José Sánchez Medina, direttori spirituali dell’associazione dei Figli di Maria della Medaglia Miracolosa.
L’elenco conta anche due suore Figlie della Carità, Toribia Marticorena Sola e Dorinda Sotelo Rodríguez, e sette laici appartenenti all’associazione dei Figli di Maria, che nella Medaglia Miracolosa avevano il loro emblema: Rafael Lluch Garín, Francisco García Balanza, Modesto Allepuz Vera, Enrique-Pedro Gonzálvez Andreu, José Ardil Lázaro, Isidro Juan Martínez e Francisco Roselló Hernández.
Il nulla osta per l’avvio della causa unitaria porta la data del 27 novembre 2003. L’inchiesta diocesana si è quindi svolta dal 4 marzo 2004 al 6 giugno 2008 nella diocesi di Valencia. Questo
perché fu necessario, il 3 dicembre 2003, il trasferimento della competenza del tribunale ecclesiastico dalle diocesi di Barcellona e Cartagena, per i candidati morti nel loro territorio.
Il 1° dicembre 2016 papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto che dichiarava ufficialmente martiri padre Vicente Queralt Lloret e i suoi 20 compagni, aprendo la via alla loro beatificazione.
Insieme a loro, sono stati beatificati altri 39 tra sacerdoti, fratelli coadiutori e laici vincenziani, capeggiati da padre José María Fernández Sánchez. Il rito è stato celebrato l'11 novembre 2017 dal cardinal Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, come inviato del Santo Padre. I 60 Beati vanno quindi ad aggiungersi ai 42 altri martiri vincenziani spagnoli, 14 Preti della Missione e 28 Figlie della Carità, beatificati nel 2013 a Tarragona.
Nell’elenco che segue, i nomi propri di ciascun martire sono riportati secondo la dicitura castigliana, anche nel caso di personaggi di origine catalana.
Agapito Alcalde Garrido, sacerdote della Congregazione della Missione (Padri Vincenziani)
† Valencia, 31 luglio 1936
Pedro Gambín Pérez, sacerdote della diocesi di Cartagena
† Cartagena, 15 agosto 1936
Cayetano García Martínez, sacerdote della diocesi di Cartagena
† Jumilla, 15 agosto 1936
Francisco García Balanza, laico della diocesi di Cartagena, membro dei Figli di Maria della Medaglia Miracolosa
† Cartagena, 25 agosto 1936
Rafael Vinagre Torres Muñoz, sacerdote della Congregazione della Missione (Padri Vincenziani)
† Valencia, 11 settembre 1936
Manuel Binimelis Cabré, sacerdote della Congregazione della Missione (Padri Vincenziani)
† Barcellona, 12 settembre 1936
Modesto Allepuz Vera, padre di famiglia della diocesi di Cartagena, membro dei Figli di Maria della Medaglia Miracolosa
Enrique Pedro Gonzálbez Andreu, laico della diocesi di Cartagena, membro dei Figli di Maria della Medaglia Miracolosa
José Ardil Lázaro, giovane laico della diocesi di Cartagena, membro dei Figli di Maria della Medaglia Miracolosa
† Cartagena, 22 settembre 1936
Rafael Lluch Garín, giovane laico della diocesi di Valencia, membro dei Figli di Maria della Medaglia Miracolosa
† Silla, 12 ottobre 1936
Juan Puig Serra, sacerdote della Congregazione della Missione (Padri Vincenziani)
† Figuera, 13 ottobre 1936
José Sánchez Medina, sacerdote della diocesi di Cartagena
† Archena, 17 ottobre 1936
Francisco Roselló Hernández, laico della diocesi di Valencia, membro dei Figli di Maria della Medaglia Miracolosa
Isidro Juan Martínez, padre di famiglia della diocesi di Valencia, membro dei Figli di Maria della Medaglia Miracolosa
† Cartagena, 18 ottobre 1936
Toribia Marticorena Sola, Figlia della Carità di San Vincenzo De’ Paoli
Dorinda Sotelo Rodríguez, Figlia della Carità di San Vincenzo De’ Paoli
† Barcellona, 23 ottobre 1936
Vicente Queralt Lloret, sacerdote della Congregazione della Missione (Padri Vincenziani)
† Barcellona, 30 novembre 1936
José Acosta Alemán, sacerdote della Congregazione della Missione (Padri Vincenziani)
Juan José Martínez Romero, sacerdote della diocesi di Cartagena
Pedro José Rodríguez Cabrera, sacerdote della diocesi di Cartagena
† Totana, 31 gennaio 1937
Luis Berenguer Moratona, sacerdote della Congregazione della Missione (Padri Vincenziani)
† Barcellona, 28 maggio 1937
(Autore: Emilia Flocchini - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Beati Martiri Spagnoli Vincenziani beatificati nel 2017, pregate per noi.


*San Melanio (6 novembre)

† 530 circa
Martirologio Romano:

A Rennes nella Bretagna in Francia, San Melanio, vescovo, che passò al Signore nel luogo chiamato Plaz lungo il fiume Vilaine, dove aveva costruito con le sue stesse mani una chiesa e radunato dei monaci per servire Dio.
San Melanio nacque a Placet, nella parrocchia bretone di Brai, nella seconda metà del V secolo.
Le tre Vite tramandate sul suo conto sono però decisamente posteriori e risalgono a non prima del
IX secolo.
Tattavia San Gregorio di Tours testimonia come il Santo godesse di una vasta popolarità subito dopo la morte.
Melanio, monaco già da qualche anno, fu persuaso dal clero e dai fedeli della diocesi di Rennes ad accettare tale sede episcopale alla morte del vescovo Sant’Amando.
Nel suovo incarico, il Santo ricoprì un ruolo importante nella stesura dei canoni del
concilio di Orléans nel 511 ed alcuni anni dopo indirizzo una lettera a due sacerdoti bretoni onde riprenderli per il loro comportamento scandaloso.
Egli si contraddistinse invece per la sua condotta irreprensibile, la sua umiltà genuina e la preghiera incessante, divenendo inoltre celebre per i molti miracoli compiuti.
Pare che Clodoveo, primo sovrano franco convertitosi al cristianesimo, lo stimasse molto.
Melanio morì infine nel monastero da lui fatto edificare a Palcet, ma le sue spoglie trovarono comunque sepoltura a Rennes, ove ancora oggi si celebra la sua festa.

Presso Mullion in Cornovaglia San Melanio fu eletto nuovo patrono al posto di un certo San Mollien o Moellien.
Il Santo oggi festeggiato non deve essere inoltre confuso con San Mellone, venerato in Normandia, del quale porta il nome la città gallese di St. Mellons.
San Melanio è invocato in tempo di siccità, ma anche contro i danni delle piogge torrenziali.
(Autore: Fabio Arduino - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - San Melanio, pregate per noi.


*San Paolo - Patriarca di Costantinopoli (6 novembre)  

San Paolo, vescovo di Costantinopoli e martire, fu spesso esiliato dagli ariani a motivo della sua difesa della fede nicena e più volte reintegrato nella sua sede, venne infine rinchiuso dall’imperatore Costanzo a Cucusum, cittadella in Cappadocia, dove cadde vittima dell’insidia degli ariani e venne da questi strangolato.
Martirologio Romano: Commemorazione di San Paolo, vescovo di Costantinopoli: ripetutamente scacciato dagli ariani per la sua fede nicena e più volte restituito alla sua dignità, fu infine relegato dall’imperatore Costanzo a Göksun, piccola cittadina della Cappadocia, dove sarebbe stato crudelmente strangolato in un agguato tesogli dagli stessi ariani.
(Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - San Paolo, Patriarca di Costantinopoli, pregate per noi.


*Beato Pietro Amelio - Mercedario (6 novembre)  

Religioso del convento di Santa Maria in Narbona (Francia), il Beato Pietro Amelio, fu valoroso soldato di Cristo.
Combatté ovunque per la propagazione della fede cattolica e per allontanare i nemici del Signore finché celebre per la santità e la dottrina si addormentò in pace.
L'Ordine lo festeggia il 6 novembre.
(Fonte:
Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Beato Pietro Amelio, pregate per noi.


*San Protasio di Losanna - Vescovo e Martire (6 novembre)  

640 – 699 circa
Etimologia:
Protasio = preferito, dal latino
Martirologio Romano: In Burgundia nel territorio dell’odierna Svizzera, san Protasio, venerato come vescovo di Losanna.
San Protasio, festeggiato in data odierna dal Martyrologium Romanum, non è assolutamente da confondere con l’omonimo martire milanese fratello di Gervasio, in quanto fu invece vescovo della città di Lausanne (Losanna), oggi capoluogo del cantone svizzero del Vaud, sulla sponda settentrionale del lago di Ginevra.
Non si conoscono però le esatte origini di Protasio: un antico cartulario lo vuole nativo di Vénitie, nome difficilmente interpretabile, forse come Vevey o Venezia.
Divenne sacerdote in giovane età ed intraprese faticose opere ascetiche e caritatevoli: dormiva su superfici dure, prolungava le sue veglie, castigava la sua carne, aiutava le vedove e gli orfani e
promuoveva la costruzione di case per i più bisognosi.
Presso Losanna fece ampliare la vecchia cappella di Saint-Thyrse, trasformandola nella nuova cappella Saint-Maure.
Acconsentì inoltre all’edificazione del monastero e della chiesa di Baulmes in onore della Vergine Maria, grazie all’appoggio dei duchi della Borgogna transgiurana, Felice ed Ermentrude.
Per la ricostruzione della chiesa madre di Losanna, danneggiata dalle invasioni barbariche, Protasio ottenne il permesso di sfruttare la foresta di Mont Tendre.
Recatosi ad aiutare i boscaioli, secondo la leggenda fu colpito mortalmente da un albero mal diretto nella sua caduta.
Il suo corpo fu trasportato su una lettiga fatta di fronde sino in un posto ove fu possibile somministrargli una birra, luogo che ancora oggi porta il nome di Bière.
Fu poi trasferito a Basuges, odierna Saint-Prex (forse deformazione di Protasio), ed infine a Losanna ove fu sepolto.
Sette secoli più tardi le sue spoglie vennero traslate nella cattedrale cittadina, atto a quel tempo corrispontende ad una formale canonizzazione.
(Autore: Fabio Arduino - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - San Protasio, pregate per noi.


*San Severo di Barcellona - Martire (6 novembre)  

Martirologio Romano: A Barcellona in Spagna, San Severo, vescovo, che, come si tramanda, ricevette la corona del martirio.

San Severo vescovo di Barcellona, menzionato nel 633.

In alcuni casi viene considerato l’undicesimo vescovo della Diocesi, anche se sulla sua esistenza, quale vescovo e martire, ci sono molti dubbi.
Su di lui è rimasta una moderna “Passio” databile intorno al XIII-XIV secolo.
In questo testo di dubbia veridicità si dice che San Severo fu martirizzato durante la persecuzione di Diocleziano e Massimiano.
L’epoca di questa persecuzione però, non corrisponde affatto al periodo in cui San Severo fu il vescovo di Barcellona.
Comunque nel racconto si afferma che San Severo, invitato ad adorare gli idoli, riuscì a fuggire.
Alla cattura di un cristiano di nome Emeterio, che era accusato di coprire la sua fuga, San Severo si presentò spontaneamente da Castro Ottaviano. Imprigionato, venne torturato insieme ai quattro chierici che lo accompagnavano.
Tutti e sei ricevettero la corona del martirio e la gente del luogo decise di seppellirli nella chiesa del paese.
E’ evidente quanto possa essere immaginario questo racconto.
Sappiamo solo che un San Severo è menzionato quale vescovo di Barcellona intorno al 633.
Nei martirologi antichi non figurò mai il suo nome.
La sua prima menzione avviene nel Seicento e successivamente nel Martirologio Romano. La sua festa era celebrata il 9 agosto, data della traslazione delle sue reliquie nel 1405.
Oggi la festa è fissata al 6 novembre.
(Autore: Mauro Bonato - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - San Severo di Barcellona, pregate per noi.


*Santo Stefano d'Apt - Vescovo (6 novembre)  

Agde, Francia, II metà del X secolo - Apt, Francia, 1046
Emblema: Bastone pastorale, Mitra
Martirologio Romano: Ad Apt nella Provenza, sempre in Francia, Santo Stefano, vescovo, insigne per la sua mansuetudine, che fu per due volte pellegrino a Gerusalemme e si dedicò alla ricostruzione della cattedrale.
Nativo della città francese di Agde il Santo Stefano oggi commemorato dal Martyrologium Romanum fu vescovo dell’antica diocesi di Apt, nella Francia meridionale.
Nell’esercizio del suo ministero pastorale rifulse per la sua mansuetudine, bontà e dolcezza. Si ammalò durante un pellegrinaggio in Terra Santa e fece voto, se fosse guarito, di ricostruie la sua cattedrale ridotta in rovine dagli invasori mussulmani.
Mantenne fedelmente tale promessa al suo ritorno alla sede episcopale. Fu inoltre particolarmente attivo durante lo svolgimento dei lavori dell’ottavo concilio regionale di Narbonne. Morì infine nell’anno 1046 nella città di cui era stato santo pastore.
(Autore: Fabio Arduino - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - Santo Stefano d'Apt, pregate per noi.


*San Teobaldo di Dorat - Sacerdote (6 novembre)  
Religioso dei Canonici Regolari di Sant'Agostino, a Dorat, Francia. Esercitando la funzione di guardiano, non usciva mai dalla chiesa se non per prestare assistenza agli infermi.

Martirologio Romano: A Dorat nel territorio di Limoges ancora in Francia, San Teobaldo, sacerdote, che, canonico regolare preposto all’ufficio di custode, non uscì mai dalle mura della chiesa, se non per assistere gli infermi e provvedere alle loro necessità.
Santi Israele e Teobaldo
L'antica abbazia benedettina di Le Dorat (H.teVienne), distrutta nell' 866 dai Normanni, fu riedificata nel 944 da Bosone il Vecchio, conte della Marca, il quale in un primo tempo si attribuì il titolo di abate, ma poi, nel 987, l'affidò ai Canonici Regolari di s. Agostino sotto la direzione dell'abate Folicaldo.
Tra le persone insigni per santità che vi fiorirono nel sec. XI sono i due santi: Israele (m. 22 o 31 dic. 1014) e Teobaldo (m. 6 nov. 1070).
Il primo, autore di poesie religiose che erano lette ancora nel sec. XVII, venne invitato da Ilduino vescovo di Limoges, ad insegnare nella scuola episcopale di questa città e vi divenne prete e vicario generale, pur rimanendo maestro di canto a Le Dorat.
Viva fu la sua carità nell'assistere gli ammalati di epidemie scoppiate negli anni 989 e 990 e saggia la sua influenza anche alla corte di re Roberto il Pio: l'arcivescovo di Reims, Gerberto, ne aveva grande stima e divenuto Papa Silvestro II (999-1103) lo creò prevosto di Saint-Junien. Tornò a Le Dorat prima come insegnante nel 1006, poi definitivamente nel 1013 quando un furioso incendio aveva devastata l'abbazia. Vi morì alla fine dell' anno seguente.
Più ritirata è la vita di San Teobaldo, trascorsa in umile nascondimento. Nato nella provincia di Limoges (a Chaix, se vogliamo credere ad una tradizione locale), si recò a studiare a Périgueux, poi tornò in patria ed entrò tra i Canonici di Le Dorat, dove fu discepolo di Israele, almeno secondo una tradizione raccolta dalle lezione del suo Ufficio, composto nel sec. XVII.
Per desiderio dei confratelli che lo volevano sacerdote, fu iniziato agli ordini sacri, ma pare che non raggiungesse il sacerdozio.
Passava tutta la sua giornata in chiesa e non ne usciva che per visitare gli infermi, cosicché venne eletto custode e sacrista della chiesa stessa, ed a queste cure si dedicò con ogni impegno. Non si accontentava della comune recita del notturno sub gallicinii tempore, ma passava quasi tutta la notte in preghiera e penitenza.  Morì santamente il 6 nov. 1070.
Sepolti ambedue nel cimitero comune, in seguito ai miracoli che cominciarono a verificarsi sulle loro tombe, furono traslati nella cripta della chiesa di San Pietro il 27 genn. 1130, poi nella chiesa superiore il 13 sett. 1659. Da questa data ogni sette anni se ne fa la solenne ostensione delle reliquie, con grande concorso di popolo.
Le Vitae dei due santi hanno un certo valore: furono scritte nell'ambiente di Le Dorat poco dopo la loro morte.
Però solo dal sec. XVII abbiamo notizia di feste liturgiche in loro onore, nella diocesi di Limoges: dal 1659, al 27 gennaio (prima traslazione) e dal 1872, al 13 sett. (seconda traslazione).
(Fonte: Enciclopedia dei Santi)
Giaculatoria - San Teobaldo di Dorat, pregate per noi.


*Beato Tommaso Jihyoe di Sant’Agostino - Sacerdote Agostiniano, Martire (6 novembre)
Scheda del gruppo a cui appartiene:
“Beati Martiri Giapponesi” Beatificati nel 1867-1989-2008

Nagasaki, Giappone, 1600 circa - 6 novembre 1637
Tommaso Jihyoe, agostiniano giapponese, durante la persecuzione anticristiana del XVII secolo,  per 5 anni con il nome di battaglia “Kintsuba” tenne in scacco i soldati dell’imperatore che cercavano di catturarlo, perché sacerdote cattolico.
Nato a Omura, presso Nagasaki, intorno al 1600, i suoi genitori erano catechisti e morirono ambedue martiri per la fede.
Da bambino egli frequentò la scuola dei Gesuiti ad Arima, ma chiusa poi la scuola a motivo della persecuzione passò a Macao per terminare i suoi studi.
Su consiglio di un missionario agostiniano, dal 1622 si trasferì a Manila nelle Filippine ed emise la
professione religiosa nel convento di Sant’Agostino Intramuros nel 1624, per recarsi quindi a Cebú ad intraprendere gli studi teologici.
Al termine della formazione ricevette l’ordinazione presbiterale.
Nel frattempo in Giappone infieriva la persecuzione ed i missionari cadevano uno ad uno sotto i colpi implacabili dei persecutori, lasciando abbandonate le comunità cattoliche.
Tommaso avvertì che il suo posto era nel suo paese e, dopo diversi tentativi seguiti da altrettanti naufragi, nel 1631 riuscì a rientrare a Nagasaki.
In quanto giapponese, gli fu semplice mascherare la sua condizione di sacerdote cattolico.
Coraggioso ed animato da grande spirito di fede, si fece assumere al servizio del governatore di Nagasaki, col nome di “Kintsuba”, cioè “elsa d’oro”.
In questa veste poté assistere in carcere Padre Bartolomeo Gutiérrez sino al suo martirio e prendere in seguito il suo posto nell’assistenza ai cristiani prigionieri.
Il ritrovato coraggio di questi ultimi fece intuire al governatore la presenza segreta di un sacerdote.
Tommaso fu dunque scoperto, ma scappò e si ritirò presso una grotta vicino la città.
Si aprì così la famosa caccia alla sua persona ancora oggi viva nella memoria popolare.
Era solito uscire di notte per incontrare i cristiani ed amministrare i sacramenti, mimetizzandosi e cambiando continuamente abitudini ed aspetto fisico.

Un giorno, però, nel 1637 venne infine acciuffato per puro caso e fu lui stesso a rivelare la sua identità ai catturatori che credevano fosse un semplice cristiano fuggiasco.
Per vari mesi fu dunque inutilmente sottoposto ad ogni sorta di tormenti nella speranza che apostatasse.
Il 6 novembre 1637 venne condotto al luogo del supplizio, la celebre “Collina dei martiri” di Nagasaki, e sottoposto alla classica condanna della fossa, sospeso per i piedi con la testa dentro una buca scavata per terra, finché non spirò. É stato beatificato il 24 novembre 2008 insieme ad altre 187 vittime della medesima persecuzione.
(Autore: Fabio Arduino – Fonte: Enciclopedia dei Santi)
Giaculatoria - Beato Tommaso Jihyoe di Sant’Agostino, pregate per noi.


*San Valentino di Genova - Vescovo (6 novembre)  

V secolo
Valentino, il primo vescovo noto di Genova, svolse il suo ufficio pastorale con rara prudenza e grande carità a favore degli orfani e delle vedove.
Etimologia: Valentino = che sta bene, sano, forte, robusto, dal latino
Emblema: Bastone pastorale, Mitra
La sede episcopale di Genova è universalmente nota come “Cattedra di San Siro”, dal nome del terzo vescovo del capoluogo ligure, il cui culto ha superato per motivi a noi ignoti quello di altri pastori di tale città, espandendosi anche in altre zone dell’Italia settentrinale.
Il protovescovo di Genova fu invece un certo San Valentino, da non confondere assolutamente con l’omonimo patrono degli innamorati festeggiato al 14 febbraio, o comunque egli è il primo di cui sia stato tramandato il nome.
Assai poche sono le notizie certe sul suo conto dal punto di vista storico. Visse nel IV secolo e svolse il suo ufficio pastorale con rara prudenza e grande carità, specialmente in favore degli orfani e delle vedove.
Il suo culto è sempre stato riservato ad un ambito ristrettamente locale, tanto da non essere mai stato citato dal Martyrologium Romanum.
L’Arcidiocesi di Genova ha inserito nel calendario liturgico la sua commemorazione in data 6 novembre, unitamente ai Santi Felice e Romolo, che furono rispettivamente il secondo ed il quarto vescovo della città.
Le spoglie mortali dei tre santi pastori ricevettero sepoltura nella basilica genovese dei dodici Apostoli, dedicata in seguito a San Siro, ma alcune loro insigni reliquie sono custodite ancora oggi anche nella cattedrale cittadina.
(Autore: Fabio Arduino - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - San Valentino di Genova, pregate per noi.


*San Vinnoco - Abate (6 novembre)  

† 6 novembre 716
Martirologio Romano: Nel territorio di Thérouanne in Austrasia, nell’odierna Francia, san Vinnoco, abate, che, di origine bretone, fu accolto da San Bertino tra i monaci di Sithieu e fondò poi, con il lavoro delle sue stesse mani il cenobio di Wormhoudt, che resse santamente.
Originario della Bretagna, sarebbe nato nel 640, fu accolto intorno al 690 a Sithiu, ottenendo il permesso di costruire una cella a Wormhoudt, dove fu priore e non abate, lì morì il 6 Novembre del 716.
Dopo la sua morte si verificarono sulla tomba molti miracoli. Le sue reliquie furono oggetto di numerose traslazioni, alcune reliquie si venerano a Bergues, Wormhoudt e Plouhinec.
Le stole del Santo, oggetto di particolare venerazione da parte delle donne incinte erano venerate a Bergues.
(Autore: Antonino Cottone - Fonte: Enciclopedia dei Santi)

Giaculatoria - San Vinnoco, pregate per noi.


*Altri Santi del 6 novembre
*Beata Josefa Naval - Carmelitana
Giaculatoria - Santi tutti, pregate per noi.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu