2018 Lagos Nigeria - Istituto Aveta

Vai ai contenuti

Menu principale:

2018 Lagos Nigeria

Chi siamo > Case all'Estero

*2018 Lagos -  Nigeria (Africa)
(Dominican Sisters - 2018 - Lekkiphase 2, Okun-Ajax along Coaster Road Lagos - Nigeria - tel. 234-8106963106

Fondazione della Casa di Lagos
x


*Responsabile della Comunità di Lagos
Madre X
Comunità di Lagos
Attualmente le Suore appartenenti alla comunità sono:

Suor Maria x


*Informazioni generali sulla Nigeria

Motto: Pace e Unità, Forza e Forma di governo: repubblica federale (Federal Republic of Nigeria) dell'Africa centro-occidentale. Superficie: 923.768 km2 Popolazione: 88.514.000 Densità: 96 ab./km2 Capitale: Abuja Altre città: Umuahia, Yola, Uyo, Awka, Bauchi, Yenagoa, Makurdi, Maiduguri, Calabar, Asaba, Abakaliki, Benin City, Ado-Ekiti, Enugu, Gombe, Owerri, Dutse, Kaduna, Kano, Katsina, Lafia, Minna, Birnin-Kebbi, Lokoja, Ilorin, Ikeja, Abeokuta, Jos, Akure, Oshogbo, Ibadan, Damaturu, Port Harcourt, Sokoto, Jalingo, Gusau
Confini: a Nord con Niger e Ciad, a Ovest con il Benin, col Camerun a Est, a Sud si affaccia sul  File:Ni-map.pngGolfo di Guinea Moneta: naira   Lingua: inglese (ufficiale), dialetti sudanesi Gruppi etnici: hausa 21%, yoruba 21%, ibo 18%, fulani 11%, ibibio, anuri, edo Religione: musulmani 50%, cristiani 40%, animisti 10%
Temp. media annua: 30°C Giorni di pioggia:  137
La Geografia della Nigeria
Il paesaggio nigeriano è molto vario: le splendide spiagge del Golfo di Guinea lasciano il passo alle foreste tropicali del Nord. La savana segue il corso dei fiumi Niger e Benue.
Nei pressi di Jos un altopiano di circa 1.200 metri sul livello del mare si allunga verso la parte settentrionale del paese. Là, la savana si trasforma in deserto.
La parte Est della Nigeria è invece montagnosa con temperature moderatamente basse e cime che raggiungono i 2.000 metri d'altitudine.
La Storia
Sono noti già dal quindicesimo secolo i primi contatti fra l'odierna Nigeria e l'Europa. Il  Portogallo, all'epoca una delle maggiori potenze europee, giunse alle coste nigeriane già nel 1472. Durante  il diciassettesimo secolo l'influenza portoghese è stata sostituita in primo luogo dai Paesi Bassi, in seguito dalla Francia e infine dal Regno Unito. Il Regno Unito diventò la potenza principale nell'ovest dell'Africa monopolizzando il commercio di schiavi, pepe, avorio e perle. Nel 1902 la Gran Bretagna assunse definitivamente il potere in Nigeria, affidandolo a re e capi locali che manteneva però sotto il proprio controllo.
Finito il periodo coloniale, la Nigeria ottenne l'indipendenza nel 1960 dopo grandi lotte. Le risorse petrolifere del Paese furono anche causa di frequenti conflitti per il potere.
Shehu Shagari fu nominato presidente nel 1979 e cercò di instaurare un governo democratico, ma il tentativo ebbe fine dopo appena quattro anni.  
I governi successivi, dal 1983 in poi, sono stati caratterizzati da gravi carestie, disoccupazione e corruzione.
L'attuale governo militare retto da Abdulsalam Abubakar sta lentamente riportando il paese alla democrazia anche se esiste sempre la possibilità di un conflitto tra i vari gruppi etnici della
Nigeria, la maggioranza Hausa e le minoranze Ibo e Yoruba.
Il Turismo in Nigeria
Il richiamo turistico della Nigeria è legato alle sue straordinarie bellezze naturali: colline, cascate, caverne, laghi e montagne che attraversano l'intero paese.  
La Nigeria è luogo ideale per chi cerca l'avventura o per chi è stanco della solita vacanza.
Gli amanti della natura si innamoreranno dei parchi del sud e dal delta del Niger.  I ben otto parchi sono: Yankari - Gashaka Gumit - Cross River - Old Oyo - Kainji Lake - Chad Basin - Okomu - Kamuku.
Sono ecosistemi naturali speciali con caratteristiche uniche, ricchi di piante esotiche e animali come leopardi, scimpazee, gorilla, elefanti, ippopotami, antilopi e leoni.
Gli apFile:Yankari Elephants.jpgpassionati di antropologia sceglieranno invece di visitare il museo etnografico di Jos.


Grazie all'aiuto dei benefattori, in questi ultimi anni, la Fondazione "Elena Sapio" ha portato avanti progetti di cooperazione allo sviluppo: nelle Filippine, in India, in Indonesia e in Nigeria, costruendo scuole, orfanotrofi e dispensari.
Le Suore del S. Rosario di Pompei nelle missioni oltre oceano sono attente alle necessità primarie e spirituali dei poveri e, sulle orme del loro Fondatore, svolgono un lavoro intenso di promozione umana integrale e di istruzione, con la testimonianza, il primo annuncio, il dialogo, la gioia e tanto calore umano. Pur non possedendo un carisma esclusivamente missionario interpretano la missione come dimensione evangelica primaria.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu