Case di Accoglienza - Istituto Aveta

Vai ai contenuti

Menu principale:

Case di Accoglienza

Chi siamo

*Centro per il bambino e la famiglia "Giovanni Paolo II" (Pompei - NA)
Tra i nuovi servizi di carità del Santuario di Pompei una casa di accoglienza per gestanti, madri e bambini
Il 12 marzo 2002, si presentava da noi Maria Rosaria, una ragazza minorenne, incinta e orfana di entrambi i genitori. L’accompagnavano la sorella, in qualità di tutrice, e il cognato. Ci chiesero di ospitarla per un po’ di tempo perché non erano in condizioni di poterla sostenere.
Cosa fare? Eravamo abituate ad accogliere bambini orfani, figli di detenuti o con un forte disagio familiare, ma non ragazze madri. Attimi di incertezza sulla risposta da dare, ma subito il pensiero è andato al nostro Fondatore, il Beato Bartolo Longo. Cosa avrebbe fatto lui di fronte a questa situazione?
E allora ricordandoci della sua audacia e del suo coraggio, senza nessuna esitazione, l’abbiamo accolta con la convinzione che la Provvidenza c’indicava un nuovo cammino e ci chiedeva di volgere il nostro servizio di carità anche ad altre necessità ed emergenze.
Ora Maria Rosaria è madre di un bellissimo bimbo e spesso viene a trovarci insieme al papà. È stata poi la volta di Simona, Mirella, Annamaria, Romina e Amelia: ognuna di loro con una storia di disagio, di dolore e di sfruttamento alle spalle.
Il nostro nuovo impegno inizia ufficialmente il 7 ottobre 2003, in occasione del pellegrinaggio a Pompei di Giovanni Paolo II. In quella circostanza fu intitolato al Santo Padre il "Centro per il
Bambino e la Famiglia". Qualche ora dopo la sua partenza, accogliamo un neonato e la sua mamma Anna. Il bimbo, Emanuele, era nato il 5 ottobre, festa liturgica del Beato Bartolo Longo.
Quante coincidenze! Quanti segni!
Una nostra Suore, Sr. Maria Teresita, accogliendo tra le braccia il piccolo Emanuele commentò compiaciuta: - La nostra Casa di accoglienza per gestanti, madri e bambini si chiamerà "Casa Emanuel" – "Dio con noi".
Da quel giorno sono continuate le richieste di accoglienza: Elena e la piccola Federica di appena 18 mesi; Clotilde insieme ai suoi bambini: Pasquale di quattro anni e Anna Pia di tre anni; Marta e Aneta, due giovani madri polacche, e Cira con il piccolo Giuseppe di appena 12 giorno ed in questo momento registriamo la testimonianza di Aneta, al nono mese di gravidanza e, ormai, prossima al parto, che ci racconta la sua storia.
"Sono venuta in Italia per lavorare.
In un giornale polacco ho letto che in Italia c’era molto lavoro per gli stranieri, ma purtroppo non ho avuto fortuna. In Polonia ho conosciuto già una persona cui ho dovuto dare duecento euro con la promessa di mettermi in contatto con un’altra persona in Italia che mi avrebbe fatto lavorare. Giunta in Italia, il 13 luglio, ho dovuto pagare altri duecento euro più le spese per il viaggio, restando così senza soldi.
Mi hanno offerto di lavorare, dapprima, in un ristorante, ma non era ciò che mi aspettavo e, poi, perché mi avanzavano delle richieste che non potevo accettare.
Ho cambiato lavoro, ma la situazione non è cambiata. Non sapevo cosa fare. Ero sola e senza soldi. Un giorno ho accettato la proposta di un’amica ucraina che mi invitava ad accompagnarla per una vacanza di tre giorni in montagna. Lì ho conosciuto un uomo che mi ha subito affascinato con le sue parole. Voleva una famiglia e, finalmente, aveva trovato in me la donna dei suoi sogni. Ho creduto alle sue parole perché ero sola e stanca di andare di qua e di là… ed è lui il padre del bambino che aspetto. Purtroppo quando gli ho detto che ero incinta è cambiato subito. Voleva che abortissi perché la sua intenzione era quella che io lavorassi per lui.
Ero disperata, lontano da tutte le cose che volevo. Ho chiamato subito in Polonia alla mia famiglia chiedendo aiuto ma loro mi hanno risposto che il problema era solo mio. Con me avevo Bartolomeo, il mio primo figlio di dieci anni. Aveva ascoltato la mia telefonata e la risposta che mi avevano data, quella cioè di abortire perché non potevo tornare in Polonia, incinta e senza soldi. Mi ha chiesto: "mamma che significa aborto"? Non appena gli ho spiegato di che cosa si trattasse, con le lacrime agli occhi, mi ha detto: "mamma, non fare questo al mio fratellino". Ogni giorno quando andava a scuola mi baciava la pancia dicendomi di stare attenta perché il suo fratellino era piccolo. Ciò mi ha dato la forza per andare avanti, ma non avevamo soldi. Quell’uomo non ci dava niente ed io ero preoccupata soprattutto per mio figlio. Per questo telefonai a un’amica in Polonia per chiederle aiuto. Mi offrì la sua disponibilità ad accogliere Bartolomeo, che subito è partito.
Intanto la sorella di quell’uomo mi aveva trovato un lavoro di assistenza ad una donna anziana e malata. Lavoravo notte e giorno, ma era troppo pesante tanto che il dottore mi ha consigliato di lasciare questa occupazione perché avrei potuto perdere il bambino.
Presa dallo sconforto ho chiamato il "numero verde" del servizio contro la tratta degli immigrati, che mi aveva dato una signora polacca. Ho raccontato. Ho raccontato che volevo lasciare il mio bambino in ospedale, non appena fosse nato, perché non potevo farcela da sola. Ero senza casa e senza soldi e lontana dall’altro mio figlio che voleva il fratellino. Gli operatori del servizio mi hanno subito trovato una sistemazione la "Casa Emanuel" di Pompei, che accoglie madri e bambini in difficoltà. Io non sapevo che esistevano queste case. Ora sono qui, vivo circondata da suore molto affettuose, le quali vogliono bene sia a me che al piccolo che sta per nascere.
Ringrazio il Signore che sa tutto di me per avermi aiutato. In questo luogo, dedicato alla Madonna del Rosario, ho trovato la tranquillità e la pace che prima non avevo. Ho tutto: cibo, vestiti, medicine e tanto amore. Prima pensavo che le suore pregassero solo, invece ho capito e visto che loro lavorano tutto il giorno per tante persone in difficoltà.
Ho imparato da loro cosa significa amare senza interesse, senza ricevere niente in cambio.
Non so cosa farò quando non sarò più qui, senza l’aiuto delle suore e senza questo luogo di pace. Ma so che non voglio lasciare mai solo questo bambino. L’ho capito quando sono stata dalla dottoressa, in
una visita di controllo, mi ha detto di non vedere le manine e i piedini del bimbo. Ho pianto e solo allora ho capito quanto lo desideravo e ho provato una grande paura di perderlo, come gli altri due che avevo prima. Ho pianto per due giorni, senza dormire e senza voglia di mangiare. Anche in questo terribile momento ho pregato: "Dio dammi ancora forza, soffro così tanto".
Poi ho fatto un’altra visita e il dottore, questa volta, mi ha rassicurato che il bambino è sano. "Grazie Signore, sei davvero grande". Ora aspetto con gioia il mio bambino che si chiamerà Tristan Emanuel".
Noi possiamo aggiungere, esprimendo la nostra gioia e la nostra condivisione, che, il bimbo di Aneta è nato.
Intanto la comunità di accoglienza ha vissuto con intima gioia la celebrazione del Battesimo di Emanuele e Daniel, svoltasi durante la solenne Veglia della Pasqua di Risurrezione, presieduta dal Vescovo di Pompei, Mons. Carlo Liberati.
È stato un grande dono pasquale. "Prima accompagnavamo le nostre giovani all’altare per il matrimonio, ora invece accompagniamo i bimbi al Battesimo…" ha commentato Suor Maria Margherita impegnata nel gruppo lavoro del "Movimento di Aiuto alla Vita".
(Autore: Maria Neve Cuomo)


*Casa Famiglia (Pompei - NA)

Fondazione "Casa Famiglia"
Accoglienza ai minori

“L’amore, deve essere la base e il fondamento di ogni sistema educativo che voglia pervenire a sicuri e lodevoli risultati” (Bartolo Longo).
Luogo privilegiato dove l’ amore si esprime e si concretizza è la famiglia, piccola Chiesa domestica in cui “la paternità e la maternità umana hanno in sé in modo essenziale ed esclusivo
una somiglianza con Dio, sulla quale si fonda la famiglia, intesa come comunità di persone unite nell’amore” (Lettera del Papa alle famiglie).
Purtroppo questo luogo privilegiato per molti bambini è inesistente e tutti sappiamo quanto siano devastanti le conseguenze per la loro vita.
Ed ecco finalmente una nuova legge quadro (328 dell’8 novembre 2000) che tutela il diritto dei minori ad avere una famiglia. Questa legge prevede, per le famiglie in difficoltà, come intervento prioritario aiuti economici e prestazioni sociali; là dove per inadeguatezza genitoriale o altri motivi si rende necessario l’allontanamento dei minori dalla famiglia di origine è previsto l’ affido familiare e/o l’ adozione; per i casi in cui i due precedenti interventi non sono possibili, è consentita l’ accoglienza dei minori in strutture comunitarie di tipo famiglia.
Le Opere educative di Pompei, già avviate alla riconversione dal 1997 con la ristrutturazione dell’ ex Orfanotrofio formando gruppi con non oltre 13 minori, si incamminano ora verso una completa conversione. A spingerci non sono solo le nuove norme legislative ma anche la presa di coscienza di quanto sia fondamentale per la crescita e lo sviluppo armonico del bambino crescere in un contesto familiare. È chiaro che anche la comunità di tipo familiare non può sostituirsi alla famiglia., ma è comprovato che una comunità fondata sull’amore, sul rispetto della persona in quanto tale, può avere gli strumenti necessari che aiutano il bambino a soddisfare i suoi bisogni emotivi-affettivi che gli consentono di crescere armonicamente.   (Continua...)

Responsabile della "Casa Famiglia"
Madre Alessandra Adornato
Comunità della "Casa Famiglia"
Attualmente le Suore appartenenti alla comunità sono:
Suor Maria Fortunata Pizza - Suor Maria Ida Vonella


*Centro Polifunzionale diurno "Crescere Insieme" (Pompei - NA)
Il Centro Educativo “Bartolo Longo” promuove un’educazione informata ai principi della solidarietà, della tolleranza, dell’accettazione dell’altro.
Giorno per giorno i ragazzi e i bambini che frequentano il Centro, oggi “Centro Polifunzionale Diurno”, diretto dai Fratelli delle Scuole Cristiane, potranno scoprire e imparare le regole della
socializzazione, della fratellanza e dello stare insieme.
L’istituto infatti, nelle ore pomeridiane, offre ai ragazzi la possibilità di prendere parte a diverse attività ludiche, sportive e culturali.
Il Centro è dotato di una “Sala Internet” dove i ragazzi hanno la possibilità di usufruire di moderne attrezzature informatiche; un
laboratorio per la lavorazione della ceramica; sale di musica e canto; sale relax in cui i ragazzi possono trascorrere del tempo insieme guardando la televisione, giocando a ping-pong o anche ai videogiochi; una palestra; un campetto di pallacanestro; un teatro e vari laboratori di elettronica.
L’istituto, inoltre, avvalendosi della disponibilità e dell’esperienza di validi educatori e volontari, dedica ai ragazzi ore di doposcuola e approfondimento delle materie scolastiche.
L’aspetto culturale e sociale viene inoltre valorizzato attraverso mostre, eventi culturali e giochi organizzati ogni anno.
Il Centro, offrendo l’accoglienza per l’intero arco della giornata, diventa punto di riferimento per minori provenienti da un precario contesto familiare e sociale e per i Servizi Sociali.

Da non dimenticare, infine, l’importanza delle associazioni di volontariato che operano a favore del Centro: la “Famiglia Lasalliana”, genitori di allievi o simpatizzanti che ogni giorno condividono con i ragazzi momenti di preghiera e svago; i “Lasalliani”, ex alunni ora universitari e ragazzi del 4° e 5° anno dell’Istituto Professionale, che aiutano i bambini delle scuole primarie e medie nelle ore di studio pomeridiano; l’Associazione “Accademia dell’Anima”; l’Associazione “La Salle” e il Complesso Bandistico “Bartolo Longo-Città di Pompei”.
Il Centro Polifunzionale Diurno "Crescere Insieme" nel Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario"
Il Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario" racchiude al suo interno la "Casa Emanuel", il Centro Polifunzionale Diurno "Crescere Insieme", il Centro di Ascolto "Myriam", il "Movimento per la Vita e Centro di Aiuto alla Vita", la comunità di tipo familiare "Giardino del Sorriso" e il "Gruppo Appartamento".
Il Centro Diurno "Crescere Insieme" nasce, invece, come forma di aiuto per tutti quei minori che versano in condizioni di disagio familiare, realizzando un percorso educativo e culturale concordato con i Servizi territoriali competenti.
Anche la condizione del Centro "Crescere Insieme" è affiancata alle Suore Domenicane "Figlie del Santo Rosario" e accoglie minori di età compresa tra i 5 e i 15 anni, che provengono da famiglie "a
rischio", per l’intero anno scolastico dalle ore 8.30 alle ore 18.30/19.00.
I minori accolti vengono coinvolti in numerose attività extra- scolastiche che, favorendo il dialogo, la riflessione, lo svago, permettono l’apprendimento del valore della vita comune, della solidarietà e del rispetto dell’altro e, nel contempo, offrono percorsi di crescita interculturale, attraverso i quali, i piccoli ospiti, pur appartenendo ad etnie, razze, culture e sesso diversi, imparano reciprocamente a rispettarsi. Il Centro prevede, inoltre, nel mese di luglio un campo estivo di 15/20 giorni. I minori sono accolti su segnalazione dei Servizi Sociali territoriali e provengono da contesti multiproblematici nei quali tipologie di disagio differenti si intrecciano, andando a comporre quadri complessi di patologia sociale: genitori separati, genitori tossicodipendenti, genitori detenuti, famiglie monogenitoriali femminili, precarietà economica, minori a rischio di emarginazione e di devianza.


*Centro Myriam (Pompei - NA)

La nuova iniziativa di Carità del Santuario di Pompei
Fondazione "Centro Myriam"

La riprogettazione dell’opera sociale svolta da ormai cento anni a Pompei, cittadella per antonomasia della carità verso i più deboli e i più poveri, è stata operata con apertura alle normative vigenti e a quelle sperimentali.
Nasce così il Centro di ascolto "Myriam" aperto alle problematiche sociali, che rivolge la sua
particolare attenzione alle donne in difficoltà, un tipo di emarginazione questo che colpisce il nostro paese in una forma subdola e quanto mai dolorosa.
È una porta aperta alla solidarietà, all’accoglienza, alla sollecitudine per percorrere insieme strade di reinserimento sociale, finalizzate alla riconquista della propria personalità, alla possibilità di essere protagonisti nella scelta della propria vita.
Avvertiamo l’urgenza di fare nostro il bisogno dell’altro e accoglierlo, condividendo e offrendo un accompagnamento verso possibili soluzioni.
La difesa della dignità di ognuno è una lotta senza termine, ma questo lottare, entrando nel cuore dell’uomo, apre grandi speranze. L’amore, il dono di sé, pur fatto di piccole attenzioni nella quotidianità, di rispetto, di considerazione reciproca, di riconoscimento dell’altro, dilata il cuore, rinnova l’anima. L’altro diventa un dono meraviglioso, non una semplice relazione ma un’alleanza, un cantico d’amore.
*Il Centro di ascolto "Myriam": un aiuto concreto per dare speranza alle persone in difficoltà
Tra i nuovi percorsi di carità che il Santuario di Pompei sta attivando da alcuni mesi vi è anche il Centro di ascolto "Myriam". Inaugurato IL 10 dicembre 2003, dopo un lungo cammino di studio e di approfondimento delle necessità del territorio. Il Centro vuol essere, per chi ne ha bisogno, una antenna di speranza e di concreto soccorso, secondo l’esempio del Beato Bartolo Longo.
Per poter intraprendere con competenza e senza improvvisazioni questa nuova e delicata esperienza di testimonianza di servizio di carità tutti gli operatori, Suore e Volontari, hanno partecipato ad un corso di formazione, durante il quale, sotto la guida di esperti tutors, sono stati affrontati temi riguardanti le metodologie per l’ascolto e la relazione di aiuto, l’organizzazione del Centro, le ipotesi progettuali d’intervento, il lavoro  di équipe e il rapporto tra centro di ascolto e risorse del territorio.
Il Centro è aperto all’accoglienza, all’informazione, all’orientamento e all’accompagnamento di persone afflitte da varie emergenze sociali, con particolare riguardo alle necessità delle donne immigrate. Ha, inoltre, lo scopo di favorire l’accesso e la fruizione dei Servizi Pubblici esistenti sul territorio: Servizi Sociali, Consultori Familiari, Asl, Dipartimento di Salute Mentale.
Le richieste di aiuto non si sono fatte attendere.
Abbiamo accolto così Valjeta, una ragazza albanese di9 n23 anni con un carico di esperienze negative. Venuta in Italia con il fidanzato per trovare4 lavoro e poi sposarsi, si è ritrovata improvvisamente sola perché il ragazzo l’ha lasciata per sposare un’italiana con la quale poi è ritornato in Albania. Ci chiedeva aiuto per ottenere un alloggio. Abbiamo così contattato, attraverso la Caritas Diocesana di Nocera, un Centro di prima accoglienza per immigrati. L’abbiamo anche accompagnata, ma l’eccessiva distanza dal luogo del lavoro consigliava distanza dal luogo del lavoro consigliava di rivolgersi altrove. Intanto lei riusciva a trovare, attraverso alcune sue conoscenze, una fissa dimora, un piccolo locale con camera e bagno. Le occorreva soltanto un letto e qualche suppellettile; cose che le abbiamo procurate in breve tempo.
Abbiamo ricevuto molte richieste per un posto di lavoro. Spesso, però, dietro la richiesta di aiuto si nascondeva un disagio molto più profondo, un bisogno inespresso di tipo relazionale, con carenze e problemi di tipo affettivo, difficoltà a comunicare, ad organizzarsi la vita, a dare un senso alla propria esistenza.
È il caso, ad esempio, di Francesco, un ragazzo di 29 anni, venuto con la mamma per chiedere lavoro: Nei suoi occhi azzurri si leggeva tutto un dramma familiare di cui lui, il più giovane dei fratelli, si era fatto carico.
A Francesco, mentre la donna raccontava la situazione disastrosa in cui versava la sua famiglia (marito in carcere e figlio maggiore drogato), si riempivano gli occhi di lacrime e ci guardava come se avesse voluto dirci qualcosa. Gli abbiamo domandato: "Ma tu non sei venuto qui solo per chiederci lavoro?" E lui: "È vero, ma sono venuto anche per poter mettere fuori quello che mi porto dentro da tanti anni e non ho detto mai a nessuno per non far dispiacere mia mamma. Ora
non ce la faccio più. È un peso troppo grave per me. Sto sempre chiuso in casa, non ho amici e, come se non bastasse, mia madre mi ripete sempre che andrò a finire al manicomio". È scoppiato in lacrime ed è uscito dalla stanza quasi a nascondere la sua debolezza. Ci siamo lasciati con la promessa di rivederci, magari senza la presenza della mamma e del suo sguardo, spesso invadente e inibente, perché, incontrando volti nuovi possa trovare anche amici che lo comprendano.
Le persone hanno bisogno di raccontare i propri problemi a qualcuno che le ascolti e le comprenda, che le aiuti a non sentirsi sole di fronte a situazioni angoscianti e a confrontarsi sui modi per venirne fuori. I problemi rimuginati nel proprio intimo, diventano giganteschi, paurosi e soffocano la speranza fino a far perdere il gusto della vita.
Di questo aveva bisogno anche Vincenzo, quando si è presentato al Centro: un uomo distrutto dal dolore per la separazione dalla moglie e con un grande bisogno di parlarne. La sua speranza è di vedere un giorno la moglie ritornare da lui serenamente insieme con le sue due bambine dalle quali non riesce a vivere lontano. Le parole gli uscivano dalle labbra come un fiume in piena riversando sull’operatore che lo ascoltava tutto il suo dolore. Prima di andarsene ha salutato dicendo: "Grazie per avermi ascoltato! È la prima volta che parlo senza essere interrotto, mia moglie non mi faceva mai parlare!".
(Autore: Isabella Speciale)

Centro di ascolto "Myriam" nel Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario"

Il Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario" racchiude al suo interno la "Casa Emanuel", il Centro Polifunzionale Diurno "Crescere Insieme", il Centro di Ascolto "Myriam", il "Movimento per la Vita e Centro di Aiuto alla Vita", la comunità di tipo familiare "Giardino del Sorriso" e il "Gruppo Appartamento".
Il Centro di ascolto "Myriam", inaugurato nel dicembre 2003, "è aperto all’accoglienza, all’informazione, all’orientamento e all’accompagnamento di persone afflitte da varie emergenze sociali, con particolare riguardo alle necessità della donna immigrata".
Il Centro, come suggerisce il nome stesso, si propone di aiutare tutti coloro che si trovano in difficoltà, ascoltando e cercando assieme alla persona interessata, le soluzioni più adeguate. L’Ascolto, che avviene sia mediante il colloquio diretto, sia via telefono, cerca sempre di instaurare un contatto diretto con il soggetto in disagio, facendolo sentire amato e meno solo. Il Centro si propone anche di facilitare l’accesso e la fruizione ai servizi Pubblici esistenti sul territorio.


*Movimento per la Vita (Pompei - NA)

Fondazione "Movimento per la Vita"
Un’altra iniziativa di Carità del Santuario di Pompei

Il Movimento della Vita, come momento culturale e il Centro di Aiuto alla vita, suo braccio operativo.
Nel solco del carisma longhiano, affermano il diritto della persona umana alla vita, alla famiglia, alla propria identità.
Ci si pone dalla parte della vita contro il nulla che avanza; e l’obiettivo principale è ricreare un ambiente generale in cui la "Vita… sia di casa! Sempre e in qualsiasi situazione".
La famiglia nella nostra società avverte il disagio dell’ora presente e chiede aiuto a chi, con occhio vigile, legge i segni del tempo che corre veloce.
I nuovi Progetti partiti con tanto entusiasmo ci chiedono tempestività di azione e attenta analisi
dei bisogno che da ogni parte possono interpellarci, tenendo conto anche dei numerosi pellegrini che ogni giorno si riversano a Pompei.
La nostra prima preoccupazione è quella di trasmettere il messaggio che non si deve aver paura di vivere, anche se ciò comporta dolore.
Grandezza dell’uomo è accogliere della vita sia le gioie che i dolori.
Spesso il male di vivere è solitudine e ignoranza che possono derivare da incontri non autentici.
Noi operatori nei centri pompeiani lo sperimentiamo: l’altro che ci sta davanti con il suo bisogno, è più importante della sua reale conoscenza.

(Autore: Luisa De Maio)

Foto: "Le nuove povertà: problemi e risorse.
La risposta del Santuario di Pompei" è stato il tema di un Convegno tenutosi con la partecipazione di Assessori regionali e provinciali. Autorità locali, rappresentanti dell’ASL Napoli 5 e del tribunale per i minori di Napoli, il Vice-Presidente Nazionale del "Movimento per la Vita" educatori e operatori dei servizi sociali.


*Casa Emanuel (Pompei - NA)

Fondazione "Casa Emanuel"
Nuova iniziativa di Carità del Santuario di Pompei

La Comunità "Emanuel" si inserisce a sostegno delle donne-madri accogliendo la loro storia, il loro soffrire, il loro sperare, il loro combattere; madri e figli in difficoltà in cammino da avviare verso il futuro di pace.
E pace diventa ogni gesto concreto di solidarietà e di apertura all’altro, a chi subisce emarginazione, povertà, dolore. Si offre un posto per mamma e bambino perché possano sentirsi al sicuro e cominciare a ricostruirsi un avvenire.
Sentirsi parte di un progetto a contatto con persone che hanno lo stesso problema o che lo hanno già superato significa credere al valore della vita. E l’opera di Pompei vuole rispondere a questi ideali.
La difesa della vita, dal grembo materno al finire dei giorni, è cuore dell’attività di Pompei.

(Autore: Luisa De Maio)
Casa Emanuel nel Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario"

Il Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario" racchiude al suo interno la "Casa Emanuel", il Centro Polifunzionale Diurno "Crescere Insieme", il Centro di Ascolto "Myriam", il "Movimento per la Vita e Centro di Aiuto alla Vita", la comunità di tipo familiare "Giardino del Sorriso" e il "Gruppo Appartamento".
"Casa Emanuel", affidata alle cure delle Suore delle Suore della Congregazione "Figlie del Santo Rosario", fondate dal Beato nel 1897, nasce nel 2002 per offrire accoglienza a ragazze madri, a donne o ragazze in difficoltà per una gravidanza fuori dal matrimonio o per una maternità indesiderata o subita a causa di abusi, a donne che decidono di portare a termine la gravidanza pur volendo poi dare in adozione il loro bambino, a donne con figli costrette a fuggire da una situazione familiare difficile a causa di un partner violento.
Attualmente la "Casa Emanuel" può accogliere 6 madri e un numero massimo di 12 bambini, senza distinzione di etnie, lingua e religione. Naturalmente la Comunità si avvale della collaborazione degli Enti e Servizi territoriali, permettendo così, alle donne accolte, di risolvere i loro problemi non perdendo i contatti con la società.
Ma quello che, soprattutto, offre "Casa Emanuel" è una presenza amorevole là dove c’è bisogno di aiuto, facendo vivere alle mamme e ai loro bambini un clima di serenità che possa aiutarli a riscoprire i valori profondi della vita e a consolidare la fiducia nelle proprie capacità.
"Casa Emanuel" sostiene queste giovani donne affinché possano maturare una loro identità, offrendo loro un ambiente familiare dove la condivisione diviene esperienza di corresponsabilità, un’esperienza anche di fede, che apre alla vita e alla speranza.


*Il "Gruppo Appartamento" nel Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario"
Fondazione "Gruppo Appartamento"

Il Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario" racchiude al suo interno la "Casa Emanuel", il Centro Polifunzionale Diurno "Crescere Insieme", il Centro di Ascolto "Myriam", il "Movimento per la Vita e Centro di Aiuto alla Vita", la comunità di tipo familiare "Giardino del Sorriso" e il "Gruppo Appartamento".
Il "Gruppo Appartamento" offre accoglienza residenziale a giovani donne prossime ai 18 anni o già maggiorenni, che, attraverso un percorso di crescita in comune, possono acquisire e fortificare il giusto approccio nei confronti della vita.


*Comunità "Giardino del Sorriso" (Pompei - NA)

Fondazione "Comunità Giardino del Sorriso"
Eccellente iniziativa di Carità del Santuario di Pompei

Il "Giardino del Sorriso" comunità educativa di tipo familiare, di cui in precedenza fu annunciata la nascita e poi per problemi di struttura ne fu sospesa l’attività, riapre le porte e accoglie due nuclei familiari, bambini fra i tre e i dodici anni provenienti da situazioni disagiate. E il sorriso riappare sui loro volti.
Tutti hanno il diritto ad essere felici soprattutto i più piccoli.
Ad essi spetta conoscere l’aspetto più bello della vita per prepararsi ad affrontarne i momenti più impegnativi.
La collaborazione e lo scambio di solidarietà diventa momento di forte esperienza tra quanti sono con noi volontari a servizio della carità; operatori ed educatori responsabili e partecipi di una piccola fetta di mondo ad accogliere e accompagnare nel cammino insostituibile e unico di ciascuno.
È offerto un sostegno di amicizia ma anche psicologico, materiale, morale ed educativo per aiutare la vita anche quando le condizioni esistenziali rendono difficile ogni scelta.
Il pellegrino, il benefattore, la turista, qui a Pompei, vedranno un nuovo volto d’amore di fronte alle povertà create dai nostri tempi.
Le grandi strutture cedono alle piccole comunità di accoglienza nelle quali, in modo diverso, si continua a ridonare speranza, a promuovere la persona, in un clima di gioia e di entusiasmo.
Il devoto di Maria oggi è invitato a vedere in Pompei e nella sua carità lo sguardo lungimirante di Bartolo Longo, anticipatore dei nuovi tempi.
La storia continua, e la carità serve i poveri del mondo d’oggi, ricchi di gioia esplosiva: i nostri bambini della Casa Famiglia "Giardino del Sorriso".
Trascorrere anche solo una giornata con loro diventa motivo di ricarica interiore e di certezza
che la provvidenza di Dio non abbandona nessuno e il bene che pensiamo di fare lo si riceve in abbondanza.
Alle famiglie divise, ai minori in difficoltà, alle madri senza casa, alle vite povere che dal grembo materno invocano aiuto, agli stranieri emarginati, alle donne maltrattate o abusate, Pompei offre amicizia e sostegno.
Essi potranno guardare a questa Valle come un’oasi di speranza, a un porto sicuro perché c’è la Madre che accoglie e consola ogni dolore.

(Autore: Luisa De Maio)
Il "Giardino del Sorriso" nel Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario"

Il "Movimento per la Vita" e il "Centro di Aiuto alla Vita" racchiude al suo interno la "Casa Emanuel", il Centro Polifunzionale Diurno "Crescere Insieme", il Centro di Ascolto "Myriam", il "Movimento per la Vita e Centro di Aiuto alla Vita", la comunità di tipo familiare "Giardino del Sorriso" e il "Gruppo Appartamento".
La Comunità di Tipo Familiare "Giardino del Sorriso" nasce nell’ottobre del 2003 come struttura "ponte" tra un minore accolto e una famiglia che possa adottarlo o averne l’affido temporaneo.
Il numero dei minori accolti non può superare le 6 unità, e i bambini ospiti devono avere un’età compresa tra i 4 e i 10 anni. L’accoglienza, finalizzata a offrire al minore un sostegno, a comprenderne le problematiche e a individuare le soluzioni per lui più adatte, è temporanea e non superare i 24 mesi.
La Comunità opera in collaborazione con i Servizi Sociali territoriali e con il Tribunale competente per reinserire il minore nella famiglia di origine, o qualora ciò non fosse possibile, presso una famiglia adottiva o affidataria.


*Centro di Accoglienza Oratoriale Semiresidenziale "Bartolo Longo"
Il Centro di Accoglienza Oratoriale semiresidenziale "Bartolo Longo", che offre supporti educativi nelle attività scolastiche ed extra-scolastiche ha, al suo interno, il "Polo Scolastico", che racchiude tutte le scuole, dalle elementari alle superiori, rette dal Santuario. Attivo dal gennaio 2010, facendo seguito alla legge n. 206/03, e retto dai Fratelli delle scuole Cristiane, il Centro offre sostegno scolastico e la possibilità di partecipare ad innumerevoli attività pomeridiane a circa 160 ragazzi, di età compresa trai 3 e i 17 anni, provenienti da famiglie con gravi problemi sociali che, grazie al lavoro quotidiano svolto da appartenenti a varie associazioni di volontariato, ricevono un’adeguata istruzione, coadiuvata da esperienze di socializzazione.
Ne è Responsabile il Direttore "pro tempore", nella persona di Fratel Giovanni Decina dei Fratelli delle scuole Cristiane, mentre Coordinatore di tutte le attività del Centro è Fratel Filippo Rizzo.
Il Centro, offrendo l’accoglienza per l’intero arco della giornata, dalle 8.15 alle 19.30, costituisce
un punto di riferimento per minori che non hanno supporti familiari per la loro crescita umana e sociale, per le famiglie con gravi problemi economici e culturali e per i Servizi Sociali dei comuni limitrofi. I Fratelli delle scuole Cristiane, ai quali è affidato il Centro, fedeli al carisma del Fondatore, svolgono con amore la loro missione pedagogica al servizio dei bambini e ragazzi provenienti da situazioni di grave disagio economico e sociale e da contesti familiari problematici.
Oggi, come nel passato, promuovono un’educazione basata sui principi della solidarietà, della tolleranza e dell’accettazione delle diversità di cultura, razza, tradizioni.
Il centro, che offre un’accoglienza "formato famiglia", si articola in spazi funzionali allo svolgimento contemporaneo di diverse attività, dotato di ambienti adeguati secondo le norme di sicurezza e idoneamente attrezzati per attività culturali, sportive, ludiche e sociali.
All’interno della struttura sono presenti una sala internet dotata di moderne strutture informatiche, laboratori di elettronica, un laboratorio di lavorazione della ceramica, sale di musica e di canto, una palestra interna, un campetto di pallacanestro esterno all’edificio, una mensa scolastica e "sale relax" per le ore di svago.
Ogni anno, inoltre, sono organizzate mostre, convegni, spettacoli e altri eventi culturali, nonché
feste aperte a chiunque voglia partecipare.
Il "Centro di Accoglienza Oratoriale semiresidenziale" favorisce nel concreto la crescita culturale, morale e sociale dei ragazzi, offrendo una adeguata istruzione coadiuvata da esperienze di socializzazione, formazione spirituale e preparazione all’inserimento nella società. Attraverso la disponibilità e la competenza educativa del personale operativo, si interviene per risanare situazioni precarie di partenza, segnalate sia dai servizi sociali che dai Tribunali per i minori o da Associazioni presenti nel sociale.
Gli educatori sono tutti di valida e consolidata esperienza, coadiuvati da volontari per attività varie, iscritti all’Associazione di Volontariato "I Lasalliani" o alla "Famiglia Lasalliana".


*La "Comunità Incontro"
Dal mese di settembre 2004, su iniziativa dell’Arcivescovo, Mons. Carlo Liberati, è operativa a Pompei, una nuova sede della "Comunità Incontro", fondata da Pietro Gelmini.
Al Gelmini, che ha inaugurato centri simili in tutto il mondo, il Santuario ha donato, in comodato gratuito, una fattoria di sua proprietà in Via Stabiana, Località Le Mattine.
La struttura, nella quale possono trovare posto 15 persone, oltre all’abitazione, è dotata di una
sala convegni, di locali per l’allevamento degli animali e di 14.ooo mq di terreno coltivabile.
Tutto è cominciato con Emanuele, un giovane che, all’epoca, aveva tre anni di vita comunitaria alle spalle, una esperienza tale da permettergli di poter guidare i primi "ospiti" della comunità di Pompei.
I primi ragazzi accolti, provenienti dalle sedi della Comunità di tutta Italia, hanno ripulito tutti i locali e l’area circostante. Hanno realizzato lavori di muratura, di idraulica, di falegnameria, di tinteggiatura, grazie anche alla collaborazione di personale del Santuario.
Si sono occupati anche di dissodare le terre, per poter seminare erba medica, graminacee e verdure, e particolare attenzione hanno dedicato ai locali per l’allevamento del bestiame, che sono stati rimessi a nuovo.
Oggi a guidare la Comunità è Ivan. A Pompei da 4 mesi, Ivan si occupa del programma di recupero dei 5 giovani attualmente ospiti della struttura.
Nella Comunità di recupero Incontro, seguendo gli insegnamenti e la guida di Pietro Gelmini, suo fondatore, tutto è improntato alla vita comunitaria, al dialogo, al confronto, alla riflessione.
Il programma di recupero da sempre seguito dal Gelmini è, infatti, la "Cristoterapia".
Sono i medicinali dunque a "curare" questi ragazzo, la droga non è una malattia, ma il punto di arrivo di una vita desolata, disastrata, dove la droga ha trovato terreno fertile.
La Comunità Incontro, infatti, non è una comunità terapeutica, ma una scuola di vita, o meglio, una proposta di vita che deve educare l’uomo a vivere i grandi valori della famiglia, dell’amore, della fede, del lavoro. L’introspezione, la preghiera, il dialogo, il guardarsi dentro riconoscendo i propri errori, questa è la "terapia" giusta.
Attraverso uno stile di vita povero, ma "fecondo", i ragazzi possono superare il momento di "disorientamento" che li ha portati a fare uso di stupefacenti.
In Comunità ognuno deve poter contare sulle proprie forze, ognuno deve diventare protagonista della propria vita. All’inserimento in Comunità, ogni ragazzo trova un gruppo di amici pronti ad
accoglierlo e a condividere con lui la quotidianità. Otto ore sono dedicate al lavoro, otto al dialogo, otto al riposo.
In Comunità, dunque, non esistono terapie mediche, ma si offre l’opportunità, attraverso il confronto, di riscoprire il vero senso della vita. Uno dei momenti più importanti è la "tavola", che diventa un’importante occasione di incontro.
In Comunità è vietato isolarsi, si sta sempre tutti insieme. Particolare importanza assume, infine, l’incontro periodico con le famiglie, che costituisce un fondamentale momento di crescita per il ragazzo e per la sua famiglia.
La Comunità Incontro è l’unica ad aver sperimentato questo tipo di percorso, che ha durata triennale.


*Mensa "Papa Francesco" (Pompei - NA)

Gestione della Mensa "Papa Francesco" - Sovrano Militare Ordine di Malta
Migliaia di pasti serviti e nuovi servizi per i poveri

La struttura della carità, dedicata al santo Padre dopo la sua visita del 21 marzo 2015 raggiunge il primo anno di attività. Qui, grazie all’impegno del Sovrano Ordine Militare di Malta, centinaia di bisognosi trovano un pasto caldo ogni giorno. Ora avranno anche la possibilità di accedere ad un servizio docce e di usufruire delle prestazioni di un barbiere e di un parrucchiere, che doneranno la propria opera e il proprio tempo.
La Mensa dei Poveri "Papa Francesco" del Santuario ha compiuto un anno. L’esperienza a favore dei senzatetto della città mariana, ospitata presso la "Casa del Pellegrino", è nata il 21 novembre 2014, grazie all’impegno del Sovrano Militare Ordine di Malta, che la gestisce. Per festeggiarne il primo compleanno, è stata celebrata una santa Messa in Basilica, presieduta dall’Arcivescovo della Chiesa pompeiana, Monsignor Tommaso Caputo. Alla mensa eucaristica, officiata ad un anno esatto dalla nascita del servizio, hanno partecipato il Gran Priore di Napoli e Sicilia dello SMOM, fra’ Luigi Naselli di Gela, il Cancelliere, Arturo Martucci di Scarfizzi, e il Ricevitore, Umberto Maria Ferrari di Pantane, oltre ai numerosi volontari e agli studenti ed ex alunni del Liceo "Ernesto Pascal", impegnati nella distribuzione dei pasti.
Un intenso anno di attività, durante il quale tanti hanno trovato non solo un pasto caldo, ma anche una famiglia, un vero e proprio punto di riferimento. La mensa, intitolata al Santo Padre in occasione della sua visita a Pompei nel marzo scorso, è diventata, infatti, nel tempo, per i poveri della città e per quelli dei comuni vicini, un luogo dove trascorrere qualche ora in compagnia, dove incontrare la solidarietà e l’amicizia di chi vive le stesse problematiche. Qui si respira un clima sereno e familiare, ma soprattutto, si riceve un aiuto concreto alle numerose difficoltà che si incontrano nella vita di ogni giorno.
Il servizio di carità affidato alle cure dello SMOM ha cercato, in maniera costante, di offrire agli indigenti e alle famiglie che vi si rivolgono un aiuto che andasse oltre il "pasto caldo". Si è creata
in questo tempo, intorno alla Mensa, una vera e proprio rete di solidarietà che ha reso possibile offrire anche altri tipi di conforti ai senzatetto che bussano alle sue porte.
Sulla scia dell’analoga iniziativa inaugurata lo scorso febbraio in Vaticano, voluta proprio da Papa Francesco Bergoglio, nel giorno del primo compleanno della Mensa dei Poveri della città mariana è stato inaugurato il servizio docce ed è stata creata anche una postazione per il barbiere e il parrucchiere che, a seconda delle esigenze, offriranno gratuitamente il loro lavoro ai senzatetto. "Sono felice che siamo riusciti a realizzare questo ulteriore servizio", ha detto la dott.ssa Maria del Rosario Steardo, dama dello SMOM e coordinatrice della Mensa. "I poveri che si rivolgono a noi li conosciamo tutti, uno per uno, siamo al corrente delle singole problematiche e difficoltà e cerchiamo di offrire loro un aiuto diversificato per quello che possiamo, grazie anche alla generosità di tanti. Ad esempio – ha raccontato la Steardo -  nel giorno in cui hanno usufruito del servizio doccia, abbiamo fornito biancheria da bagno, biancheria intima e un cambio abiti puliti ad
ognuno. È stata una gioia vederli così contenti!". Nei giorni delle festività natalizie, inoltre, sono stati organizzati dei pranzi speciali, ai quali ha reso parte anche l’Arcivescovo Caputo, felice di questa opera di carità che va ad aggiungersi alle tante altre del Santuario mariano fondate dal Beato Bartolo Longo e che, ancora oggi, offrono ospitalità e aiuto a chi vive situazioni di profondo disagio economico e sociale.
Il lavoro alla "Papa Francesco", dunque, continua e i risultati positivi ottenuti sono frutto della collaborazione tra i numerosi volontari, tra cui anche cuochi e cuoche professionisti in pensione, che offrono con amore il loro tempo a chi ha più bisogno.
(Autore: Daria Gentile)
Prima foto: Il Santo Padre a Pompei il 21 marzo 2015 mentre saluta gli ospiti della Mensa.
Seconda Foto: I volontari dell’Opera di carità di Pompei.
News dalla Mensa "Papa Francesco"


*Confraternita "Misericordia di Pompei"
Il Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario" racchiude al suo interno la "Casa Emanuel", il Centro Polifunzionale Diurno "Crescere Insieme", il Centro di Ascolto "Myriam", il "Movimento per la Vita e Centro di Aiuto alla Vita", la comunità di tipo familiare "Giardino del Sorriso", il "Gruppo Appartamento" e la Confraternita "Misericordia di Pompei".

Dal 2008, fortemente voluta dall’Arcivescovo di Pompeio, Mons. Carlo Liberati, ha sede presso il Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario", anche la Confraternita "Misericordia di Pompei", che già dal 2001 collabora (attraverso varie iniziative, gratuite, di carattere sociale ed educativo) con l’ente mariano.
Tra i 19 volontari in forza a Pompei, presieduti dalla Dott.ssa Antonietta Bianco, Governatore, ci sono medici, sociologi, psicologi, educatori.
La Confraternita, oltre a dar vita a numerose iniziative di beneficenza che oltrepassano i confini del territorio cittadino, collabora, attraverso diverse forme di volontariato, presso le diverse comunità presenti nel Centro Educativo stesso.


*Casa famiglia "Santa Maria del Cammino" (Pompei - NA)

Responsabile della Casa famiglia "Santa Maria del Cammino"
Anna D'Ambrosio e Renata Trzepizur

News dalla Casa famiglia "Santa Maria del Cammino"

Il prezioso lavoro della Casa Famiglia "Santa Maria del Cammino"

Inaugurata il 4 agosto 2016 nel Centro per il bambino e la famiglia "Giovanni Paolo II", la struttura, affidata alla Comunità Papa Giovanni Paolo XXIII, fondata da don Oreste Benzi nel 1973, accoglie ragazze madri con i loro figli e bambini ed adolescenti con problematiche relative alla propria salute.
"Litighiamo spesso, ma ci vogliamo davvero molto bene. È normale avere delle divergenze quando si proviene da posti diversi con culture diverse. Ognuno di noi, poi, ha la sua storia e il suo vissuto. Eppure condividiamo la vita". A raccontarci la quotidianità della Casa Famiglia "Santa Maria del Cammino" sono le responsabili, Anna D’Ambrosio e Renata Trzepizur. Inaugurata il 4 agosto del 2016, la Casa Famiglia fa parte delle cinquecento strutture, disseminate nel mondo, della Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi nel 1973. Nella città mariana, tra le Opere di Carità del Santuario, ne sono nate due. Nel 2014, ha preso vita la Casa "Maria, Madre di Misericordia", affidata ai coniugi Raffaela e Salvatore Buonocore. Oggi, nello stesso edificio, il Centro per il Bambino e la Famiglia "Giovanni Paolo II", è stata inaugurata anche la "Santa Maria del Cammino". Nel centro, sorto nelle ex case operaie fondate dal Beato Bartolo Longo per i lavoratori che prestavano la loro opera alla costruzione della nascente Pompei, sono inoltre ospitate anche altre comunità di accoglienza, affidate alla Fraternità di Emmaus e alla Fondazione G. Ferraro onlus.
"Nelle strutture della Comunità Papa Giovanni – ci raccontano, ancora, ancora, Anna e Renata – non esistono operatori che si danno il cambio ed effettuano dei turni.
Questa è la nostra casa, la nostra famiglia". Unite da questa esperienza del 2010, Anna e Renata hanno già collaborato nella Casa di San Cipriano Picentino e in quella di Montecorvino Rovella, entrambe in provincia di Salerno.
Attualmente la casa di Pompei ospita due ragazze madri con le loro bambine. Miriam, giovanissima, di appena 21 anni, è di nazionalità nigeriana e, da pochi mesi, ha dato alla luce una splendida bimba, assistita in ospedale proprio da Anna. "Sono stata con lei giorno e notte durante il travaglio e i giorni di ricovero", ci ha detto. "Noi siamo le sorelle, le mamme, le zie e le nonne – le fa eco Renata – di tutte le persone che accogliamo". Rosa, trentaquattrenne, è, invece, di nazionalità rumena. Con lei, la sua bimba di due anni e mezzo. Poi, ci sono Mario di 14 anni, autistico, e Paolo di 9 anni, idrocefalico, anche lui rumeno. "Non conosciamo molto bene le loro storie – ci dicono Anna e renata – Mario è stato affidato alla Comunità da quando aveva tre anni e mezzo perché la madre non ha saputo gestire la sua disabilità. Mentre Paolo è stato affidato alla Papa Giovanni XXIII da quando aveva solo quattordici mesi. È stato lasciato dai genitori in ospedale dove, nato prematuro, è stato ricoverato in terapia intensiva fino al tredicesimo mese di vita. Non appena le sue condizioni sono migliorate è stato affidato ad una delle nostre strutture".
La famiglia della "Santa Maria del Cammino", come tutte le famiglie della Comunità Papa Giovanni, è molto particolare. Qui non c’è una specifica tipologia di accoglienza, chiunque ha bisogno può chiedere aiuto. "L’obiettivo – ci dice Anna – è portare chi ci viene affidato ad essere autonomo, a poter gestire la propria vita da solo. Ma molto decidono, nonostante tutto, di rimanere qui, pur trovando un lavoro e riuscendo ad essere indipendenti dal nostro sostegno". In tanti, dopo aver vissuto in una Comunità Papa Giovanni XXIII, scelgono di continuare a vivere nella propria famiglia "allargata". Qui, la serenità e la condivisione sono il sale principale di ogni giornata. E non desta meraviglia questa scelta, basta guardare gli occhi di Anna e renata che sono felicissime di essere entrate a far parte della Comunità fondata da don Benzi. "Il progetto di don Oreste – spiega Renata – era quello di dare una famiglia a chi non ce l’ha. Perché la famiglia ti dà amore, non solo accoglienza". La gioia che traspare dai volti e dai sorrisi degli ospiti della casa ne dà testimonianza concreta. Nonostante le storie difficili e il vissuto profondamente drammatico di alcuni, nella "Santa Maria del Cammino" si respira serenità e Anna e Renata sono al punto di riferimento di tutti, come lo è ogni genitore.
(Autore: Marida D’Amora)


*Comunità Arcobaleno - (Pompei - NA)
L’impegno di solidarietà del Santuario: La Comunità Arcobaleno

Ragazzi pieni di vita nonostante il disagio

Nel nostro percorso di presentazione e di conoscenza del servizio di accoglienza e di solidarietà in cui è impegnato il Santuario di Pompei, incontriamo, ora, la "Comunità Arcobaleno", ubicata presso il Centro Educativo "Beata Vergine del Rosario".
Sono circa trenta i minori che la compongono, dai 6 ai 14 anni, tutti provenienti da famiglie con gravi problemi, soprattutto economici.
Di fronte alle nuove povertà derivanti, anzitutto, dalla crisi della famiglia e da altre cause come il flusso migratorio e il grave problema della disoccupazione, in linea con il pensiero del Fondatore, il Beato Bartolo Longo, sempre sensibile ai segni dei tempi, abbiamo pensato di accogliere anche i figli dei genitori separati o di madri nubili, nonché ragazzi provenienti da nazioni extracomunitarie.
Nella Comunità la vita scorre secondo i ritmi propri dei ragazzi e dei bambini di quell’età. Dopo la scuola e il pranzo, un po’ di relax e di giochi all’aperto, al pomeriggio si studia.
Lo studio impegna gran parte del pomeriggio. Nell’eseguire i compiti, i bambini e i ragazzi sono aiutati dalle Suore educatrici, quattro in tutto, ognuna impegnata nell’educazione di un gruppo composto da sei ad otto unità, tra bambini e ragazze.
In quest’opera di assistenza allo studio, gli ospiti della comunità sono aiutati anche da studentesse universitarie, provenienti dalle Facoltà Universitarie di Scienze dell’Educazione e di Servizio
Sociale di Napoli e Salerno, che adempiono, in questo modo, al loro piano di studi che prevede l’esperienza di "tirocinio guidato", le cui ore sono stabilite in collaborazione tra i responsabili della nostra comunità e quelli delle Facoltà Universitarie convenzionate.
L’azione educativa, facilitata anche dalla presenza e dalla collaborazione di laici che condividono un cammino comune nella ricerca di risposte operative e risolutive alle problematiche legate al disagio, guarda alla centralità del minore come persona, rispettandone l’autonomia e facendo leva sulle sue peculiarità. In questo processo, pertanto, è fondamentale che il ragazzo sia sempre al centro. Occorre partire dai suoi bisogni reali e dai suoi valori personali, rendendolo sempre protagonista del suo sviluppo, perché crescendo, possa realizzare il proprio progetto di vita.
Questo percorso educativo esige degli educatori un serio impegno di conoscenza della complessa realtà in cui i ragazzi sono inseriti, attraverso una presenza attenta e aperta all’ascolto e ad analisi e studi, sempre più approfonditi, delle cause che generano situazioni di disagio, per poterle trasformare in esperienze vivibili.
L’educazione diventa, così, il primo spazio di prevenzione del disagio, perché capace di accompagnare i minori attraverso uno sviluppo progressivo delle proprie risorse; attenta allo sviluppo della sessualità e generatrice di una cultura della solidarietà e del senso di giustizia, e, soprattutto, perché atta a promuovere in loro un’apertura verso il trascendente, e una conoscenza ed esperienza dei valori evangelici, fino all’incontro con Gesù.
Questo cammino avviene grazie alla stretta collaborazione con la vicina Parrocchia del SS.mo Salvatore, guidata da Don Giuseppe Esposito.
Il lavoro educativo tende anche a far maturare nel minore il senso della vita familiare, partendo proprio dalla sua famiglia: anche se carente o in disfacimento essa è continuamente sollecitata a vivere la propria responsabilità che viene monitorata attraverso un progetto d’intervento redatto insieme ai Servizi Sociali dei Comuni di appartenenza.
Anche lo sport, con il suo alto valore educativo, è contemplato nelle attività che si svolgono nella Comunità. Chi lo desidera può frequentare corsi di danza, pattinaggio, pallavolo, calcetto. Attualmente i più piccoli, allenati con passione e competenza dal signor Renato Pisani, sono impegnati con profitto nei campionati di tennis da tavolo, riportandone vittorie e trofei.
(Autore: Caterina Lepore)


*Oasi Vergine del Sorriso - Casa Famiglia - (Pompei - NA)
Affidata ad una coppia di coniugi della "Fraternità di Emmaus" la prima struttura delle ex Case Operaie, nella quale è sorta una casa famiglia per l'accoglienza dei minori.
Tornano a vivere e a risuonare di voci e rumori le case operaie (nella prima foto), l’inaugurazione), volute nel 1887 dal Beato Bartolo Longo per accogliere le famiglie degli operai impegnati nella costruzione del nascente santuario. Poste proprio al centro della nuova città, furono il primo esempio di edilizia popolare, che anticipava perfino la "Rerum Novarum" (1891) di Papa Leone XIII.
Per circa cento anni hanno ospitato numerose famiglie di dipendenti del santuario, trasferite, all’inizio degli anni ’90 del XX secolo, nelle nuove case di piazza Schettini. Considerando la centralità degli edifici, situati tra il santuario ed il comune, e la maestosità delle costruzioni
(cinque corpi autonomi, uniti da cortili, ed ognuno costituito da due piani) si rendeva assolutamente necessario il loro restauro e riutilizzo, tenendo fede al primitivo scopo sociale. In occasione della seconda visita di Papa Giovanni Paolo II a Pompei, nel 2003, si pensò di farle diventare, grazie anche al contributo degli enti pubblici, sede del "Centro per il bambino e la famiglia" dedicato proprio al Papa polacco.
Alterne vicende, lungaggini burocratiche ed altri ostacoli hanno fatto sì che ci volessero ben dieci anni per vedere realizzata, almeno in parte, questa nuova opera. Sabato, 7 dicembre 2013, vigilia dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, è stata inaugurata la casa famiglia "Oasi Vergine del Sorriso", affidata ad una coppia di sposi della "Fraternità di Emmaus", associazione fondata da Don Silvio Longobardi, sacerdote della diocesi di Nocera-Sarno (SA), e composta da sposi, vergini e presbiteri disponibili ad accogliere la chiamata alla santità ricevuta nel battesimo e che vogliono essere annunciatori e testimoni della nuova vita che nasce dalla Risurrezione. Durante la Santa Messa, celebrata nella Cappella del Beato e presieduta dall’Arcivescovo di Pompei, Mons. Tommaso Caputo, i coniugi Alfredo e Roberta Cretella, entrambi avvocati, hanno offerto le proprie vite al servizio di Dio e del prossimo, con queste parole: "Noi ti consegniamo, o Padre, la nostra piccola vita, i nostri desideri, le nostre aspirazioni, ma anche le nostre paure e sconfitte; ti consegniamo i nostri figli, uno ad uno: Emanuela, Antonio, Raffaele Giovanni Paolo, David Maria e infine la nostra piccola Maria Celeste,
che vedrà la luce tra pochi giorni, all’ombra della tua Madre; sono tuoi! Fa’ per loro ciò che Tu vuoi". Il rito, molto suggestivo e ben curato, ha visto la partecipazione di numerosi appartamenti alla "Fraternità di Emmaus".
Nell’omelia, Mons. Caputo ha ringraziato l’associazione ed in particolare la famiglia Cretella (la cui quinta figlia è nata pochi giorni dopo l’evento) per l’impegno che hanno preso di servire Dio ospitando bambini in necessità nel calore della propria casa. La presenza di una vera famiglia aiuterà i piccoli in affidamento a ritrovare la serenità perduta e a superare eventuali traumi, mentre la rete dei volontari qualificati sosterrà il lavoro dei coniugi nella gestione di una non semplice realtà. "Questa nuova forma di accoglienza – ha sottolineato Mons. Caputo – prosegue il cammino tracciato dal Fondatore di Pompei, il Beato Bartolo Longo, modernizzando sì strutture, ma mantenendone intatto lo spirito d’amore". Proprio l’intreccio tra preghiera e carità è, infatti, uno dei pilastri fondamentali della "Fraternità di Emmaus", giovane movimento ecclesiale nato intorno agli anni ’90, che oggi vede la presenza di altre Oasi, oltre che in Italia, anche in Burkina Faso e in Ucraina. Un’attenzione particolare alla famiglia, nata sotto l’impulso del magistero di Giovanni Paolo II, che si concretizza in un’attenta azione culturale e in una generosa condivisione quotidiana grazie alla disponibilità di tante famiglie.
Una scelta, quella della famiglia Cretella, che pone anche l’accento sul protagonismo dei laici nella Chiesa, in piena continuità con il pensiero e l’opera del Beato Bartolo Longo che scelse di restare laico e in prima persona consumò la sua vita nel servizio alla Chiesa attraverso la preghiera e la carità.
Il Beato Bartolo Longo, alla fine della sua entusiasmante e carismatica vita, sempre densa di fede filiale nella Divina Madre ebbe a dire: "Credevamo di essere protagonisti e ci siamo accorti di essere stati solo semplice spettatori". Questa verità ed intuizione profetica in questa frase, che accompagna il cammino di ogni cristiano di buona volontà che, come il Beato, sperimenta quanto il suo sì sia solo la miccia che serve a Dio per compiere meraviglie, Le Oasi sono il frutto e il segno di una storia plasmata dallo Spirito.
Sono i conventi del terzo millennio, nei quali sposi e vergini condividono, fianco a fianco, la gioia
di vivere e testimoniare il Vangelo. Sono luoghi in cui la comunione fraterna diventa legge di vita, obiettivo irrinunciabile verso cui tendere nonostante le ferite generate dall’umana fragilità. Sono piccole case in cui la preghiera s’intreccia con la carità, l’ascolto della Parola con l’accoglienza dei fratelli imparando così a coniugare amore di Dio e amore del prossimo, come in tutte le famiglie cristiane.
La presenza di una piccola Cappella con Gesù Eucaristia all’interno dell’Oasi sottolinea maggiormente che il servizio sgorga limpido dalla preghiera e dall’ascolto. Solo in ginocchio si impara ad amare l’altro e a servirlo. "Abbiamo lasciato la nostra casa per iniziare quest’avventura di carità, spinti dal desiderio di rispondere ad un invito di Dio. L’eucarestia quotidiana e la concreta condivisione con i nostri amici della - Fraternità di Emmaus - sono la nostra forza", affermano, trepidanti ma sereni, Alfredo e Roberta, certi che la Vergine Maria accompagna e guida i loro passi. Nel corso dell’inaugurazione, l’Arcivescovo Caputo ha ricordato che questo complesso, che presto si arricchirà di nuove iniziative, è il frutto di una serena e cordiale collaborazione tra il Comune ed il Santuario di Pompei. Dal canto suo, il Sindaco, Avv. Claudio D’Alessio, ha espresso la propria gioia per la realizzazione di un’opera di accoglienza in linea con le tradizioni della Città di Pompei, tradizioni dettagliate dai principi di solidarietà, accoglienza e carità tramandate dal Fondatore. Continua, così, grazie alla generosità di gruppi, singoli e famiglie, la storia ultracentenaria di accoglienza del Santuario di Pompi, fondata sul binomio fede e carità.
(Autori: Giovanna Abbagnara e Loreta Somma)
"Il Tabernacolo realizzato nella Cappella dell’Oasi Vergine del Sorriso"
L’opera in pietra rappresenta un’ostia cosparsa di petali di fiori. Il riferimento si trova nella vita e nella spiritualità di Santa Teresa di Lisieaux, patrona della "Fraternità di Emmaus". Teresa ricorda che da bambina le piaceva gettare petali di rosa al passaggio del Corpus Domini, quanto più in alto possibile, nella speranza che potessero toccare l’ostensorio e nel discendere, santificare tutto ciò che toccavano.
Sulla grande ostia che è Gesù è stata riprodotta una piccola ostia bianca nella quale Teresa vuole trasformarsi, per essere sempre più simile a Lui.
La spiritualità di Teresa è cristocentrica, perché pone sempre Gesù Eucarestia al centro della sua vita.
Ella si offre a Lui come vittima e da Gesù riparte per diffondere il suo amore attraverso lo Spirito Santo nel mondo.
Ecco l’immagine dei petali che si dipartono dal Tabernacolo.
(Autori: Giovanna Abbagnata e Loreta Somma)


*Maria, Madre di Provvidenza (Pompei - NA)
La Carità che si rinnova
Il "Centro per il Bambino e la Famiglia Giovanni Paolo II" del santuario si arricchisce di una nuova struttura intitolata a "Maria, Madre della Provvidenza", affidata ad una coppia di coniugi che ha intrapreso il cammino della Fraternità di Emmaus.
Saranno così accolte adolescenti e donne con bambini, tutti accomunati dall’aver vissuto maltrattamenti, abusi, violenze.
É dedicata a "Maria, Madre della provvidenza" la nuova realtà di accoglienza che ha preso vita, nelle scorse settimane, all’interno della struttura "Centro per il Bambino e la Famiglia Giovanni Paolo II" del Santuario, sorto nelle ex case operaie.
La nuova "casa" va ad arricchire il complesso dedicato al compianto Papa polacco, che, nel corso del 1013/2014, ha già visto nascere al suo interno due casa famiglia, gestite da altrettante coppie di coniugi, i Cretella e i Buonocore.
"Maria Madre della Provvidenza", i cui locali sono stati benedetti martedì 3 febbraio 2015 da
Mons. Tommaso Caputo, Arcivescovo di Pompei, è stata affidata a Marco Giordano e Carmela Memoli, membri della Fraternità di Emmaus e della Fondazione Progetto Famiglia, Marco e Carmela hanno conosciuto la Fraternità circa venti anni fa.
Da diciassette sono marito e moglie, La scelta di vivere "accogliendo l’altro" ha plasmato le loro vite e quelle dei loro figli.
Dopo aver trascorso cinque anni in un’Oasi della Fraternità, dove tutti trovano "casa" se accettano di lasciare le loro sicurezze e mettersi in gioco per l’altro, hanno portato avanti il loro impegno attraverso la Federazione Progetto Famiglia, una rete di volontari che opera a sostegno della famiglia, della maternità, dei minori in difficoltà, e porta avanti numerose iniziative che hanno come filo conduttore le problematiche familiari e minorili.
Oggi sono una famiglia affidataria e, assieme ai loro tre figli, accolgono una ragazzina proveniente da una situazione di profondo disagio familiare.
Da settembre, il percorso iniziato in Fraternità li ha portati qui a Pompei dove, ancora una volta, hanno deciso di "rischiare per amore", "È sorprendente – ci ha detto Marco – sperimentare come il Signore ti accompagni quotidianamente, se accogli e ti esponi al rischio!".
Marco e Carmela, grazie alla loro esperienza in Oasi, hanno appunto compreso come l’essere famiglia non esclude la possibilità di aprirsi all’altro e così, a gennaio, hanno accolto la prima mamma.
La struttura "Maria Madre della Provvidenza" è suddivisa, infatti, in due case; l’una per mamme con bambini, l’altra per adolescenti.
Ciò che accomuna gli ospiti di queste due diverse realtà sono storie di maltrattamenti, abusi, violenze, disagi psicologici.
La giornata in casa si svolge come quella di una qualsiasi famiglia. Qui ci si sostiene a vicenda, ci si ascolta, si condividono gioie e dolori, e, grazie ad un’équipe di sette persone specializzate nel
campo, si affronta un percorso di recupero fisico, psichico e relazionale.
Anche se già attiva, la nuova struttura verrà inaugurata ufficialmente il 10 maggio 2015, in occasione della V Settimana del Diritto alla Famiglia, in programma dal 9 al 17 maggio, con centinaia di eventi in numerose città e migliaia di partecipanti.
Marco e Carmela, la cui vita di coppia e di genitori si svolge altrove, in questa ulteriore sfida iniziata a Pompei, come responsabili della nuova struttura, si sentono protetti e guidati dalla Madonna e da Bartolo Longo, esempio di laico impegnato a servizio della Chiesa e degli ultimi.
I coniugi Giordano, sulle orme de Beato, continuano, con l’aiuto e la collaborazione della Diocesi mariana, l’impegno di carità che, nella città di Maria, è iniziato oltre 130 anni fa.
(Autore: Marida D'Amora)

*Inaugurata la casa di accoglienza "Maria, Madre della Provvidenza"
Per donne e bambini vittime di violenza

"Si vorrebbe essere un balsamo per molte ferite". È Etty Hillesum a scrivere questa frase nel suo diario. Ebrea olandese, morta ad Auschwitz nel novembre del 1943, a 29 anni. Qui scelse di andare volontariamente, avendo la possibilità di fuggire, per "seguire il destino del suo popolo".
La giovane Etty ci offre potenti stimoli di riflessione e soprattutto ci interpella a fare della vita un gesto di responsabilità. Ognuno è chiamato a essere "balsamo per molte ferite", quando la violenza, i maltrattamenti, l’aborto, spezzano i legami familiari, personali, affettivi e generano divisioni interiori e drammi incontenibili. È quello che da venticinque anni cerca di fare la "Fraternità di Emmaus", un movimento ecclesiale che, accanto ad una proposta di fede articolata e matura, è impegnata a dare, attraverso l’équipe di Progetto Famiglia, una risposta culturale, sociale e concreta ad alcuni drammi che squarciano il tessuto umano, personale e familiare.
In questa scia si inserisce l’inaugurazione della casa "Maria, Madre della provvidenza" per donne e bambini vittime di violenza. Il desiderio di aprire un nuovo canale di condivisione e di solidarietà in
seno all’attività del movimento nasce da un incontro con una donna. Giulia (nome di fantasia) ha 32 anni, quattro figli e un marito da cui riceveva da 15 anni continui e terribili maltrattamenti. Giustificava e copriva tutto con la coltre dell’amore.
Quando era fuori per lavoro, giacca e cravatta, sembrava il marito più socievole e buono di questo mondo ma a casa, protetto dalle mura domestiche e sotto l’effetto dell’alcool, la maltrattava e umiliava. Dopo l’ennesima violenza, temendo per i suoi figli, Giulia ha deciso di denunciare il marito. Ha chiesto aiuto e si è rivolta al Progetto Famiglia. La sua storia chiedeva una risposta, i suoi figli avevano il diritto a crescere in un ambiente sereno. Da questo incontro con Giulia, è nata l’esigenza di aprire un nuovo canale di solidarietà per donne e bambini vittime di maltrattamenti e di violenze quasi sempre perpetuate dai loro compagni o da altri membri della famiglia o addirittura in ambito lavorativo. Un fenomeno in aumento e che molte volte sfocia nel femminicidio. Come dimostra anche il rapporto dell’Eures, in Italia aumentano gli omicidi delle donne in ambito familiare, il 66,4%: la maggior parte per mano del marito o convivente (55,1%); cui seguono gli ex coniugi/ex partner (18 vittime, pari al 14,8%) ed i partner non conviventi (8 vittime, pari al 6,6%). "Occorrono politiche, nazionali, efficaci, globali e coordinate, che pongono, che pongano i diritti della vittima al centro di tutte le misure e che siano attuate attraverso una collaborazione efficace tra tutti gli enti, le istituzioni e le associazioni – afferma Marco Giordano, presidente di Progetto Famiglia -. Ma occorre dare anche una risposta immediata con la possibilità di avere una casa, un luogo dove poter stare ed essere accompagnate da un punto di vista psicologico, amicale e relazionale all’acquisizione di quella autonomia persa a causa dei continui maltrattamenti". È questa la missione della casa "Maria Madre della Provvidenza" che, domenica 10 maggio, è stata inaugurata nell’ambito del complesso del "Centro per il Bambino e la Famiglia Giovanni Paolo II".
Un altro tassello importante, accanto all’Oasi "Vergine del Sorriso", inaugurata due anni fa, di quella grande opera che a Pompei si perpetua sulle orme di Bartolo Longo, apostolo di carità e che vede l’Arcivescovo, Mons. Tommaso Caputo, particolarmente impegnato perché la preghiera, di cui il Santuario è espressione per eccellenza e la carità che ogni giorno si consuma attraverso il Centro, possano essere i due fari che illuminano la terra di Maria. "Nel cuore di Pompei, nel mezzo della vita ordinaria – ha commentato l’Arcivescovo di Pompei – lì dove la gente vive, il Centro per il Bambino e la Famiglia ci ricorda non solo l’importanza e la bellezza della famiglia ma soprattutto che lì dove una storia familiare presenta delle ferite, ci sono persone disposte a condividerle e a cercare di sanarle". "La storia si costruisce attraverso un impegno concreto – ha sottolineato Don Silvio Longobardi, custode della "Fraternità di Emmaus" – la nostra non è battaglia ideologica, in questi anni abbiamo cercato di dare risposte concrete accogliendo bambini, mamme, famiglie per periodi più o meno lunghi". La benedizione è stata preceduta da una Marcia per la Vita, con centinaia di passeggini vuoti per ricordare tutti i bambini mai nati a causa dell’aborto ed è stata seguita da una Tavola rotonda su un tema molto delicato che è quello degli effetti antropologici, psicologici e spirituali dell’aborto sulla donna.
Nell’ambito di questa settimana speciale per il diritto alla famiglia, organizzata dalla Federazione Progetto Famiglia in più di 300 città italiane, l’altro appuntamento importante tenutosi a Pompei è stato il Convegno Nazionale di Studi, "Scelte a misura di bambino. Tra progettazione delle accoglienze e prevenzione delle cause degli allontanamenti", svoltosi presso la casa del Pellegrino il 15 maggio 2015.
La convention ha inteso offrire un momento di riflessione e confronto tra gli operatori pubblici e no-profit impegnati nel campo della tutela minorile, del disagio familiare e dell’accoglienza
residenziale e familiare. Quando ci si trova di fronte alla necessità di allontanare un minorenne dal proprio nucleo familiare, la scelta del contesto in cui inserirlo non va fatta "solo" optando per la comunità o per altri interventi, ma anche andando nel dettaglio di quale comunità o famiglia occorre proporgli e di quale progetto individualizzato realizzare per offrire la risposta più adeguata ai bisogni specifici in gioco.
È vero anche che l’intervento sociale deve innanzitutto prevenire le cause che portano ad un allontanamento del minorenne. Bisogna lavorare dunque per prevenire l’incuria e il maltrattamento dei minori attivando, ad esempio, reti di solidarietà familiare, ritessendo dal basso dei micro-network locali di presa a carico condivisa dei ragazzi e delle loro famiglie in difficoltà. Più di 400 partecipanti iscritti e convenuti da tutta la Campania e dal territorio extraregionale. Molteplici anche gli interventi programmati; molti dei quali provenienti da altre realtà nazionali del privato e del pubblico che hanno dato spessore e ricchezza di contenuto alla giornata.

(Autore: Giovanna Abbagnara)


 
Torna ai contenuti | Torna al menu