Vai ai contenuti

Programmazione Didattica Sc. Primaria 2021-2022

Primaria

Classe Prima
La classe prima è quella più importante per i bambini della scuola primaria, è la classe dove si gettano le basi per lo studio che durerà per molti anni.
Chi ben semina, ben raccoglie.

Classe Seconda
Si propone di approfondire gli obiettivi educativi e di apprendimento con le singole discipline. Le attività progettate per difficoltà crescenti, mirano a soddisfare il bisogno di imparare e trasformano la fatica in piacere di conoscere, mantenendo alta la motivazione all’apprendimento.

Classe Terza
Iniziare con il piede giusto è fondamentale quando si parla di metodo di studio. Non è certamente tempo perso quello che dedichiamo ad insegnare ai bambini una buona strategia per approcciarsi allo studio, in classe terza è necessario dedicare molta attenzione a questo argomento.

Classe Quarta
Gli alunni  di quarta saranno impegnati in attività individuali e in lavori di gruppo, l’esperienza di lavorare per un obiettivo comune permetterà di sperimentare concetti quali la collaborazione e l’aiuto reciproco. Grazie alle attività di gruppo emergerà anche l’aspetto e la gioia di stare insieme.

Classe Quinta
Per gli alunni di quinta sarà il primo ultimo giorno della scuola primaria. È naturale, a questo punto, guardarsi indietro, riflettere su cosa è andato bene e cosa male, ma anche guardare avanti per stilare un elenco di cosa ci aspettiamo. Sarà un anno di bilanci e di scelte, di traguardi da raggiungere e ricordi preziosi da aggiungere ai tanti già accumulati.
Italiano
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe prima
Ascoltare e parlare
*Il bambino sviluppa la padronanza d’uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico.
*Il bambino sviluppa fiducia e motivazione nell’esprimere e comunicare agli altri le proprie emozioni, le proprie domande, … attraverso il linguaggio verbale.
*Il bambino racconta, inventa, ascolta e comprende le narrazioni e la lettura di storie.
*Il bambino dialoga, discute e chiede spiegazioni.
Leggere
*Il bambino formula ipotesi sulla lingua scritta e interpreta semplici frasi e parole, anche utilizzando le tecnologie.
Scrivere
*L’alunno scrive sotto dettatura semplici testi.
*L’alunno compone autonomamente semplici frasi di senso compiuto.
Riflettere sulla lingua
*L’alunno sviluppa un repertorio linguistico adeguato alle esperienze e agli apprendimenti compiuti nei diversi campi d’esperienza.
*L’alunno intuisce la struttura di una frase di senso compiuto.
Obiettivi di apprendimento
Ascoltare e Parlare
*Ascoltare mantenendo l’attenzione, comprendere e ricordare messaggi orali.
*Esprimersi oralmente in modo corretto, inserendosi positivamente in situazioni comunicative.
*Narrare brevi esperienze personali e semplici racconti fantastici.
Leggere
*Leggere e comprendere semplici testi, utilizzando varie tecniche di lettura.
Scrivere
*Produrre frasi di senso compiuto.
*Produrre,  con adeguati stimoli da parte dell’insegnante, semplici testi scritti relativi al proprio vissuto.
Riflettere sulla lingua
*Organizzare, da un punto di vista grafico, la comunicazione scritta, utilizzando i diversi caratteri di scrittura.
*Rispettare le convenzioni di scrittura conosciute.
Primo Quadrimestre
Metodologia
Analisi delle abilità di base, per l'apprendimento della lettura e della scrittura.
Indagini dei Pre-requisiti
Capacità senso-percettiva: il bambino riconosce e distingue forme, colori e direzioni.
Capacità di percezione di un ritmo: distingue ritmi spaziali e temporali.
Capacità psicomotoria: conosce, in forma globale e in forma analitica, lo schema corporeo; coordina i suoi movimenti, usa prevalentemente la destra o la sinistra;
Coordina i movimenti dell’occhio e della mano
Capacità di leggere i linguaggi non verbali: legge i simboli grafici;
*legge i gesti;
*legge le immagini.
Capacità di fruire del linguaggio verbale orale: ascolta e comprende letture, racconti, informazioni, conversazioni, dialoghi.
Capacità di produrre il linguaggio verbale orale e scritto: racconta e comunica esperienze, esprime sentimenti, parla con i compagni e con gli insegnanti, partecipa alle conversazioni guidate.
Capacità logico-cognitiva: osserva, manipola, confronta, classifica.
Attività di pregrafismo.
Ascoltare e Parlare
*Ascolto ed esecuzione di richieste verbali e di indicazioni fornite sequenzialmente dall’insegnante, utili per lo svolgimento o la realizzazione di attività varie (Coloritura di disegni, individuazione di percorsi, esecuzione di giochi).
*Enumerazione di istruzioni secondo l’ordine di esecuzione.
*Ascolto di brevi messaggi dei compagni, in situazione di gioco e non, dimostrandone la completa comprensione assumendo un comportamento adeguato.
*Ascolto di brevi racconti o fiabe da parte dell’insegnante dimostrando di aver compreso il contenuto attraverso
*corretta risposta a semplici quesiti;
*drammatizzazione della trama;
*produzione di un disegno inerente al contenuto;
*verbalizzazione orale.
*Conversazioni inerenti alle esperienze scolastiche ed extra-scolastiche degli alunni in modo che tutti ascoltino e parlino spontaneamente.
*Domande guida dell’insegnante al fine di far raggiungere a ciascuno maggior correttezza e chiarezza d’espressione.
*Riordino di fatti in sequenza e successiva riesposizione orale delle storie narrate.
*Comunicazioni spontanee relative ai bisogni ed intenzioni di ogni singolo alunno.
*Interventi mirati per condurre gli alunni alla formulazione corretta di semplici frasi in relazione a intenzioni e bisogni individuali.
Leggere
*Osservazione e lettura di immagini.
*Identificazione degli elementi che lo compongono.
*Date semplici illustrazioni, ed alcune frasi, saper formulare ipotesi di lettura anche in base al riconoscimento globale di parole e grafemi conosciuti.
*Riconoscere parole uguali in frasi diverse e note.
*Isolare e leggere i suoni-segno iniziali e/ finali.
*Associare a figure il corrispondente suono iniziale.
*Riconoscere e leggere sillabe in una serie di parole
*Abbinare la parola all’immagine corrispondente.
*Leggere,  comprendere e illustrare frasi molto semplici.
Scrivere
*Esercizi gioco per riconoscere le vocali e successivamente le consonanti via via presentate nei quattro caratteri(stampato maiuscolo e minuscolo, corsivo maiuscolo e minuscolo)
*Riconoscimento sull’alfabetiere murale, ricerca nell’alfabetiere individuale.
*Ricerca di oggetti i cui nomi iniziano o terminano con la vocale o iniziano con la consonante prescelta.
*Esercizio gioco per la formazione delle sillabe via via presentate.
*Esecuzione di schede predisposte.
*Scrittura di storie, poesie, filastrocche e riconoscimento della sillaba presentata.
*Esercizi di ricerca dei suoni presi in esame in testi dati.
*Ricerca e coloritura o rappresentazione grafica di oggetti che iniziano o contengono la sillaba presentata.
*Completamento di parole con la/le sillabe presentate.
*Utilizzo delle sillabe per la formazione di parole bisillabe.
*Utilizzo delle sillabe per la formazione di parole trisillabe.
*Scrittura di parole che iniziano o sono formate dalle sillabe conosciute: l’attività viene svolta prima collettivamente alla lavagna quindi individualmente sul quaderno tramite dettatura.
*Composizione autonoma con le “lettere mobili” di parole.
*Esercizi di scrittura autonoma di parole corrispondenti a un’immagine data.
*Scrittura di semplici frasi, sotto dettatura, utilizzando solo le sillabe conosciute.
*Ascolto di semplici testi narrativi; verbalizzazione delle esperienze e dei racconti; rappresentazione grafica di un momento significativo e formulazione di una frase relativa; codificazione e copiatura della frase formulata, utilizzando i diversi caratteri di scrittura.
Riflettere sulla lingua
*Esercizi di ricerca dei suoni presi in esame in testi dati.
*Esercizi di trascrizione di parole date.
*Completamento di parole  o frasi.
*Osservazione, ascolto e individuazione del raddoppiamento di alcune consonanti.
*Ricerca di parole contenenti il raddoppio di consonante.
*Suddivisione delle parole note bisillabe e trisillabe in sillabe.
*Lettura ritmica di parole accompagnata dal battito delle mani.
*Esercizi orali con parole accentate e non per cogliere il valore fonico dell’accento.
*Giochi orali con i segni di punteggiatura incontrati nei testi scritti: la virgola, il punto fermo, il punto interrogativo.
Verifica degli apprendimenti
La rilevazione e la valutazione degli apprendimenti verrà attuata in itinere, alla fine dello sviluppo degli obiettivi considerati.
*Conversazioni guidate relative a fatti, luoghi, persone vicini all’esperienza del bambino e a narrazioni dell’insegnante.
*Memorizzazione di elementi essenziali di semplici testi narrativi ascoltati.
*Lettura di vocali, sillabe, parole.
*Abbinamento di parole ai disegni corrispondenti.
*Lettura di sillabe, parole, frasi.
*Lettura di frasi e relativa rappresentazione grafica.
*Disegni e copiatura di una frase didascalica.
*Scrittura autonoma di sillabe mancanti in parole date,  abbinate a immagini.
*Scrittura sotto dettatura/autodettatura di parole bisillabe e trisillabe.
*Scrittura sotto dettatura di parole e frasi.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri approvati in Collegio Docenti.
Procedimenti personalizzati per favorire il Processo di Apprendimento e di Maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze:
*Dato che nei processi di apprendimento esiste una stretta relazione reciproca tra gli aspetti cognitivi e quelli affettivi si ritiene necessario creare un clima sereno; stimolare la motivazione ad apprendere attraverso la predisposizione di contesti e di rapporti positivi.
*Metodi di apprendimento cooperativo che favoriscono le relazioni interpersonali, il confronto con gli altri, la collaborazione con il gruppo per il raggiungimento di un obiettivo comune, nel rispetto delle diversità e dei ritmi di apprendimento individuali.
*Metodi ispirati al “problem solving” che stimolano la ricerca, l’azione diretta, l’operatività concreta, affinché gli alunni si sentano i veri protagonisti del percorso dio apprendimento.
*Tecniche di “brainstorming” che stimolino la mente a risolvere creativamente i problemi attraverso le produzione di idee originali in un clima di reciproca accettazione tra i soggetti.
Strategie per il consolidamento delle conoscenze e delle competenze:
*Predisposizione di attività/schede graduate per difficoltà.
*Utilizzare una stessa proposta con variazione dei contenuti (offerta formativa “ritualistica”); introdurre elementi nuovi in un contesto conosciuto e quindi per questo rassicurante, costituisce uno stimolo motivante che fa leva sulla novità della “ricomparsa”, oltre che un rafforzamento dei meccanismi di memorizzazione e di sistematizzazione del percorso di apprendimento.
Strategie per il recupero delle conoscenze e delle   competenze:
*Predisposizione di schede/attività differenziate e graduate per difficoltà.
*Differenziazione del lavoro didattico per renderlo più adeguato alle capacità di decodificazione e comprensione dei singoli alunni.
*In caso di difficoltà di discriminazione e di resa grafica può essere utile proporre lettere e digrammi con supporti di diversa grandezza e tessitura- per esempio grandi lettere di carta vetrata o plastica liscia – cercando di abbinare le sensazioni tattili di durezza o scivolosità ai suoni sibilanti o duri dei digrammi, rimpicciolendo gradatamente le forme proposte.
*Può essere produttivo anche tracciare sul pavimento ampi grafemi e farli percorrere in varie modalità (in punta di piedi, carponi…) invitando gli alunni a pronunciare il digramma oppure le parole che lo contengono in modo da ancorare il percorso al suono e alla resa grafica.
*Assumere con il corpo la forma della/e consonate/i di difficile memorizzazione.
*Riprendere le inesattezze lessicali attraverso un dialogo mirato, per ripeterle in forma corretta e ampliata.

Lingua Inglese
Piano di lavoro quadrimestrale delle attività disciplinari
Primo quadrimestre
Ambiti lessicali
Hello, hi, goodbye, bye.
One, two, three, four, five, six, seven, eight, nine, ten.
Green, yellow, orange, brown, white, black, pink, purple, blue.
Halloween, Christmas
Members of the family.
Leaves, tree, flower, beetle, bird.
Strutture
What’s your name? My name is…I’m…
How many?
What colour is it?
Who is it? This is my…mum, dad, grandma, grandpa, sister, brother.
What is it? It’s a…
How many?
Secondo quadrimestre
Ambiti lessicali
School objects (rubber, ruler, pencil, bag, book)
Tidy up, pick up, stand up, sit down, open, close, repeat, sing, listen, touch, point to…
Cenni sul plurale dei nomi.
Animali e il loro verso.
Le parti del viso.
Strutture
What season is it?
What is it? It’s a…
Aggettivi di colore e plurale dei nomi
How many?
What colour is it?
Attività e mezzi
Attività di ascolto e comprensione di narrazione orale e semplici comandi
Attività di ascolto e riproduzione di suoni isolati, sequenze di suoni, frasi e canzoncine.
Attività di ascolto, lettura e scrittura: associare suoni parole e frasi e completare un testo
Giochi didattici
Utilizzo di flash cards, supporti audio e giochi di movimento
Drammatizzazioni
Modalità organizzative e spazi
Lavoro: gruppo classe, piccoli gruppi, individuale o a coppia in funzione delle attività
Procedimenti personalizzati per favorire il processo di apprendimento e di maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze:
* Esercizi orali e sfide a gruppi
* Drammatizzazioni e visione di spettacoli e video in l2
* Ascolti e storielle per favorire la memorizzazione dei termini
Strategie per il consolidamento delle conoscenze e delle competenze:
* Esercizi e giochi a coppie e in piccolo gruppo
* Compiti di ripetizione
* Utilizzo della lingua straniera in momenti diversi dalla lezione curricolare
Strategie per il recupero delle Conoscenze e delle Competenze:
* Lavori di warm up all’inizio della lezione
* Giochi e canzoni
* Correzioni a coppie, scambiandosi il quaderno
* Utilizzo di flash cards, supporti audio e giochi di movimento
Verifica degli Apprendimenti
Sono previsti momenti di verifica degli apprendimenti sia in itinere che al termine delle unità didattiche. Le verifiche orali o scritte comprendono attività di listening, speaking, writing e speaking, secondo diverse modalità.
Associazione di espressioni ascoltate con le immagini corrispondenti.
Domande e risposte (semplici, a scelta multipla, per immagini)
Esecuzione di istruzioni impartite oralmente dall’insegnante e semplici conversazioni.
Criteri di Valutazione
Viene utilizzata la scala numerica concordata durante il Collegio Docenti; Non sempre, soprattutto se la verifica è in itinere, viene anche riportata sul quaderno o sul libro preferendo utilizzare la terminologia tradizionale.
Attività Varie
(Visite e viaggi di istruzione, spettacoli, partecipazione a concorsi, interventi esperti, …)

Storia, Educazione Civica
Primo Quadrimestre
Successione e contemporaneità delle azioni e delle situazioni.
Concetto di durata e valutazione di durata delle azioni.
Collocare sulla linea del tempo fatti ed esperienze vissute.
Rilevare il rapporto di contemporaneità tra azioni e situazioni.
Riconoscere la ciclicità in fenomeni regolari e la successione delle azioni in una storia, in leggende, in aneddoti e semplici racconti storici.
Scoprire la necessità di regole.
L'igiene e l’ordine personale.
Secondo Quadrimestre
Ciclicità dei fenomeni temporali e loro durata (giorni, settimane, mesi, stagioni...).
Utilizzare strumenti convenzionali per la misurazione del tempo e per la periodizzazione (calendario).
Organizzare il lavoro scolastico utilizzando il diario.
Scoprire la necessità di regole.
L'igiene e l’ordine personale.
Riconoscere i diversi ruoli nel gruppo.
Uso corretto di spazi e materiali.
Attività e mezzi
Osservazioni libere e guidate
Domande aperte
Discussione e lavori di gruppo
Ascolto di storie significative
Utilizzo di materiale strutturato e non
Realizzazione di cartelloni riassuntivi.
Modalità organizzative e spazi
Lavoro: gruppo classe, piccoli gruppi, individuale o a coppia in funzione delle attività
Procedimenti personalizzati per favorire il Processo di Apprendimento e di Maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze:
* Letture a tema
* Piccole proposte di attività meta cognitive
* Domande difficili e sfide
Strategie per il consolidamento delle conoscenze e delle competenze:
* Attività di riflessione in gruppo
* Utilizzo di materiale vario (flashcards e schede con disegni)
* Correzione a coppie
Strategie per il recupero delle conoscenze e delle competenze:
* Drammatizzazione di storie
* Giochi strutturati e non
* Esercizi a coppie
Verifica degli Apprendimenti
Sono previsti momenti di verifica degli apprendimenti sia in itinere che al termine delle unità didattiche. Le verifiche orali o scritte sono legate alle diverse attività proposte.
Criteri di Valutazione
Viene utilizzata la scala numerica concordata durante il Collegio Docenti; Non sempre, soprattutto se la verifica è in itinere, viene anche riportata sul quaderno o sul libro preferendo utilizzare la terminologia tradizionale.
Attività Varie
(Visite e viaggi di istruzione, spettacoli, partecipazione a concorsi, interventi esperti, …)
Viene proposta la visita alla fattoria e il progetto Arteatro, come da programmazione di classe.
Rapporti con le Famiglia
Sono svolti secondo il calendario previsto e dietro richiesta delle insegnanti o dei genitori.

Geografia
Piano di lavoro quadrimestrale delle attività disciplinari
Traguardi per lo sviluppo delle competenze
* L’alunno si orienta consapevolmente nello spazio circostante, utilizzando i riferimenti topologici.
* Verbalizza e rappresenta graficamente la propria posizione nello spazio in riferimento agli elementi dell’ambiente a lui circostante.
* Verbalizza un percorso eseguito utilizzando correttamente gli indicatori topologici.
* Rappresenta graficamente un percorso utilizzando una simbologia non convenzionale.
Obiettivi di apprendimento
* Conoscere gli indicatori spaziali.
* Intuire la relatività della posizione degli oggetti o delle persone in rapporto a un punto di riferimento.
* Individuare le relazioni spaziali.
* Eseguire e rappresentare graficamente percorsi.
* Individuare i confini di uno spazio.
Metodologia
Indagine dei Pre-Requisiti
* Osservare la capacità di orientarsi nello spazio foglio.
* Eseguire spostamenti e breve percorsi (vicino – lontano, sopra – sotto, dentro – fuori, in alto – in basso, davanti – dietro).
* Individuare/rappresentare la posizione di oggetti nello spazio.
* Individuare tra possibili percorsi quello esatto.
* Individuazione delle varie posizioni che il corpo assume nello spazio.
* Giochi e attività motorie con indicazioni riguardanti le relazioni spaziali.
* Posizionamento di se stessi in rapporto a oggetti e/o persone, secondo le indicazioni spaziali fornite.
* Rappresentazione grafica di alcune delle situazioni sperimentate.
* Osservazione di oggetti nell’ambiente aula e/o nell’ambiente esterno.
* Indicazione della posizione di oggetti considerati rispetto ad altri.
* Presentazione dei termini a destra / a sinistra.
* Attività concrete su se stessi e con oggetti, in aula e in palestra.
Organizzazione di situazioni di gioco in cui sia possibile da parte degli alunni stabilire con chiarezza la posizione del proprio corpo rispetto agli oggetti e rispetto ai compagni. Verbalizzazioni singole di ogni situazione con un appropriato uso dei termini. Risoluzione di situazioni dello stesso tipo anche a livello grafico.
Organizzazione di situazioni, anche a carattere ludico, in cui gli alunni debbano decentrare il proprio punto di vista e stabilire un sistema di riferimento tra oggetti.
Proposta di esperienze in cui possano distinguere la “direzione” dei propri movimenti.
Puntualizzazione delle esperienze dal punto di vista linguistico.
* Completamento di schede.
* Esecuzione in palestra/aula di un percorso in base alle indicazioni date dall’insegnante.
* Verbalizzazione degli spostamenti compiuti.
* Rappresentazione grafica del percorso eseguito.
* Attività per il consolidamento dei termini destra/sinistra su se stessi e con oggetti, in aula e in palestra.
Organizzazione di situazioni di gioco in cui sia possibile da parte degli alunni stabilire con chiarezza la posizione del proprio corpo rispetto agli oggetti e rispetto ai compagni. Verbalizzazioni singole di ogni situazione con un appropriato uso dei termini. Risoluzione di situazioni dello stesso tipo anche a livello grafico.
Organizzazione di situazioni, anche a carattere ludico, in cui gli alunni debbano decentrare il proprio punto di vista e stabilire un sistema di riferimento tra oggetti.
Proposta di esperienze in cui possano distinguere la “direzione” dei propri movimenti.
Puntualizzazione delle esperienze dal punto di vista linguistico.
* Esecuzione di giochi e/o di schede per approfondire il concetto di relatività delle posizioni.
* Attività idonee a consolidare la capacità di localizzare oggetti o persone nello spazio, assumendo come riferimento se stessi o gli altri.
* Completamento di schede.
* Esecuzione in palestra/aula di un percorso in base alle indicazioni date dall’insegnante. Verbalizzazione degli spostamenti compiuti. Rappresentazione grafica del percorso eseguito. Disegno libero di un percorso.
* Presentazione del reticolo costruito tramite l'intersezione di linee verticali e orizzontali.
* Esperienze pratiche riguardanti spostamenti nello spazio classe. Rappresentazione grafica guidata, su piani quadrettati, dell’esperienza. Registrazione dei percorsi con l’uso di simbologie preventivamente concordate. Approfondimenti su schede predisposte.
* Riproduzione di un percorso sul reticolo con l’uso delle frecce.
* Collocazione di oggetti su tabelle a doppia entrata, usando le coordinate spaziali
* Lettura e interpretazione di un percorso simbolico.
* Osservazione guidata dell'area esterna della scuola, finalizzata all'individuazione dei confini.
* Disegno di alcuni oggetti per determinare il loro contorno.
* Individuazione del confine di alcuni oggetti e spazi.
* Rappresentazione grafica di regioni e di confini.
* Individuazione di regioni interne ed esterne.
Procedimenti personalizzati per favorire il Processo di Apprendimento e di Maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze:
* Dato che nei processi di apprendimento esiste una stretta relazione reciproca tra gli aspetti cognitivi e quelli affettivi si ritiene necessario creare un clima sereno; stimolare la motivazione ad apprendere attraverso la predisposizione di contesti e di rapporti positivi.
* Metodi di apprendimento cooperativo che favoriscono le relazioni interpersonali, il confronto con gli altri, la collaborazione con il gruppo per il raggiungimento di un obiettivo comune, nel rispetto delle diversità e dei ritmi di apprendimento individuali.
* Metodi ispirati al “problem solving” che stimolano la ricerca, l’azione diretta, l’operatività concreta, affinché gli alunni si sentano i veri protagonisti del percorso dio apprendimento.
Strategie per il consolidamento delle conoscenze e delle competenze:
* Realizzazione concreta in palestra degli obiettivi affrontati.
* Predisposizione di attività/schede graduate per difficoltà.
* Utilizzare una stessa proposta con variazione dei contenuti (offerta formativa “ritualistica”); introdurre elementi nuovi in un contesto conosciuto e quindi per questo rassicurante, costituisce uno stimolo motivante che fa leva sulla novità della “ricomparsa”, oltre che un rafforzamento dei meccanismi di memorizzazione e di sistematizzazione del percorso di apprendimento.
* Predisposizione di schede/attività differenziate e graduate per difficoltà.
* Differenziazione del lavoro didattico per renderlo più adeguato alle capacità di decodificazione e comprensione dei singoli alunni.
Verifica degli Apprendimenti
* Attività ludico motorie relative agli indicatori spaziali (sotto – sopra / davanti – dietro / dentro – fuori …).
* Completamento di schede predisposte.
* Conoscere gli organizzatori spaziali (destra – sinistra)
* Attività ludico motorie in palestra/aula relative a percorsi stabiliti.
* Eseguire graficamente percorsi.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti.

Scienze
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe prima
Piano di lavoro quadrimestrale delle attività disciplinari
Obiettivi di apprendimento
*Scoprire la realtà attraverso i sensi.
*Sviluppare la capacità di osservare e di descrivere dal punto di vista scientifico un ambiente, un oggetto, un animale, una pianta.
*Acquisire la capacità di discriminare elementi e fenomeni.
Metodologia
*Attività di osservazione di un insieme di oggetti. Memorizzazione dei singoli elementi.
*Giochi finalizzati ad evidenziare le relazioni tra i cinque sensi e le sensazioni che essi veicolano. Verifica della conoscenza e della comprensione dei vocaboli relativi alle sensazioni.
*Attività di descrizione, mediante la vista, di oggetti per rilevarne le caratteristiche (il colore, la forma…) anche nell’interazione con la luce.
*Esperienze di riconoscimento delle proprietà degli oggetti mediante l’epidermide delle dita, del palmo e del dorso della mano.
*Attività mirate al riconoscimento di oggetti mediante l’udito: oggetti con i quali è possibile produrre un rumore (quando cadono, quando vengono scossi..) oggetti con i quali non si può produrre un rumore.
*Esperienze pratiche miranti a rilevare che non tutti gli oggetti hanno un proprio odore; l’odore si può trasmettere da un oggetto all’altro; è possibile riconoscere molti oggetti dall’odore che emanano.
*Assaggio di cibi per verificare sensazioni gustative non riferibili soltanto ai quattro sapori fondamentali. Esperienze atte a verificare le zone della lingua preposte a percepire i quattro sapori fondamentali.
*Stesura di previsioni, prove di controllo e conclusioni inerenti le esperienze     compiute, dopo la verifica delle ipotesi formulate.
*Manipolazione e osservazione di oggetti presenti nell’ambiente.
Individuazione guidata dei materiali di cui sono composti.
Classificazione degli oggetti in base al materiale.
Confronto tra materiali diversi per individuare le caratteristiche più evidenti.
Verbalizzazione delle osservazioni compiute e completamento di tabelle.
*Esplorazione guidata degli spazi attigui alla scuola nella stagione autunnale/invernale.
Osservazione delle modificazioni che il clima freddo ha prodotto nell’ambiente naturale.
Registrazione del comportamento di alcune piante e animali durante il periodo invernale.
Osservazione e registrazione dell’assenza di insetti.
Registrazione delle esperienze compiute.
Formulazione collettiva di semplici conclusioni.
Nel mese di febbraio si svolgerà il progetto Coinger: “I sensi conoscono gli imballaggi.”
I bambini avranno modo, mediante attività ludiche, drammatizzazioni, esperimenti, di approfondire quanto già hanno appreso sugli organi di senso e sui materiali. Il progetto inoltre permetterà agli alunni di conoscere alcuni aspetti della raccolta differenziata e di approfondire tematiche legate al rispetto della natura e dell’ambiente.
*Constatazione della presenza (o non) di mutamenti in alcuni elementi dell’ambiente.
*Individuazione della presenza di mutamenti spontanei come criterio per distinguere i viventi dai non viventi.
*Osservazione guidata di viventi vegetali finalizzata alla rilevazione delle caratteristiche che li contraddistinguono; riconoscimento delle parti principali di una pianta; classificazione di piante in base a un criterio (fusto: legnoso o erbaceo, foglie: colore e altre caratteristiche…); registrazioni di osservazioni e classificazioni.
*Osservazione e classificazione di alcuni semi.
*Individuazione delle parti di un seme e loro corretta denominazione
*Formulazione di ipotesi sulla funzione delle parti individuate.
*Attività di semina; si seminano semi di leguminose e cereali e li si lasciano germogliare in condizioni differenti: senza acqua, senza luce, senza calore, con acqua, luce e calore. Registrazione delle modifiche avvenute nel seme. Osservazione e verbalizzazione delle rilevazioni effettuate durante il periodo di germinazione. Stesura di conclusioni.
*Esplorazione degli spazi attigui alla scuola nella stagione primaverile.
Osservazione delle modificazioni che il clima più mite ha prodotto nell’ambiente naturale. Registrazione del comportamento di alcune piante e animali durante il periodo primaverile. Formulazione collettiva di semplici conclusioni.
*Osservazione guidata di viventi animali finalizzata alla rilevazione delle caratteristiche che li contraddistinguono: nascita, crescita, movimenti, nutrizione, riproduzione, sensibilità, deperimento.
*Registrazione delle osservazioni in tabelle.
*Osservazione collettiva di animali portati in classe o conosciuti dagli alunni e rilevazione delle caratteristiche corporee, abitudini alimentari, altri comportamenti noti. Confronto di animali tra loro e individuazione di somiglianze e differenze (corporee, alimentari, comportamentali generiche e specifiche); classificazione di animali, anche mediante il ricorso a immagini, in base a un criterio (caratteristiche motorie, alimentazione…); registrazione delle osservazioni e delle conclusioni.
*Osservazione di oggetti/immagini. Evidenziazione delle proprietà e delle caratteristiche in base alle quali operare classificazioni; riconoscimento della caratteristica di vivente; sua negazione e scoperta del non vivente; conversazioni sui due termini ed esemplificazione di oggetti viventi e non viventi; primo approccio al concetto di ciclo vitale. Rappresentazioni grafiche di alcuni cicli vitali.
Verifica degli Apprendimenti
*Compilazione di tabelle.  
*Verbalizzazione delle esperienze effettuate.
*Completamento di schede e attività relative al concetto di vivente/non vivente.
*Individuazione delle parti principali di una pianta.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti.
Procedimenti personalizzati per favorire il processo di Apprendimento e di Maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze:
*Metodi di apprendimento cooperativo che favoriscono le relazioni interpersonali, il confronto con gli altri, la collaborazione con il gruppo per il raggiungimento di un obiettivo comune, nel rispetto delle diversità e dei ritmi di apprendimento individuali.
*Metodi ispirati al “problem solving” che stimolano la ricerca, l’azione diretta, l’operatività concreta, affinché gli alunni si sentano i veri protagonisti del percorso dio apprendimento.
Strategie per il consolidamento delle conoscenze e delle competenze:
*Predisposizione di attività/schede graduate per difficoltà.
*Utilizzare una stessa proposta con variazione dei contenuti (offerta formativa “ritualistica”); introdurre elementi nuovi in un contesto conosciuto e quindi per questo rassicurante, costituisce uno stimolo motivante che fa leva sulla novità della “ricomparsa”, oltre che un rafforzamento dei meccanismi di memorizzazione e di sistematizzazione del percorso di apprendimento.
*Strategie per il recupero delle conoscenze e delle competenze:
*Predisposizione di schede/attività differenziate e graduate per difficoltà.
*Differenziazione del lavoro didattico per renderlo più adeguato alle capacità di decodificazione e comprensione dei singoli alunni.
Verifica degli Apprendimenti
*Verbalizzazione delle esperienze fatte.
*Completamento di schede relative ai sensi e alle sensazioni che essi veicolano.
*Completamento di schede relative alle proprietà dei materiali analizzati.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti.
Matematica
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe prima
*Comprendere il significato dei numeri e il modo di rappresentarli con la consapevolezza del valore posizionale delle cifre.
*Eseguire semplici operazioni con i numeri naturali.
*Orientarsi nello spazio e nell’ambiente del proprio vissuto.
*Riconoscere, descrivere e classificare forme e figure.
*Individuare nella realtà situazioni problematiche e trovare soluzioni adeguate.
*Individuare e confrontare grandezze.
*Classificare oggetti e figure.
Obiettivi di apprendimento
*Conoscere i numeri naturali nei loro aspetti cardinale e ordinale e operare con essi.
* Riconoscere e descrivere relazioni spaziali.
* Riconoscere e classificare le principali figure geometriche.
* Classificare e confrontare oggetti e figure.
*Utilizzare semplici rappresentazioni per esprimere relazioni.
Metodologia
Primo Quadrimestre
Indagine dei Prerequisiti
*Riconoscere somiglianze e differenze in due immagini simili.
*Individuare in una serie di oggetti l’intruso.
*Discriminare dimensioni.
*Discriminare la forma
*Discriminare la direzionalità.
*Riprodurre semplici ritmi di forme e colori.
*Classificare secondo un criterio logico.
*Verbalizzare oralmente una sequenza numerica fino al dieci (contare per contare)
*Contare oggetti in corrispondenza alla sequenza numerica verbale.
*Presentazione dei blocchi logici e delle caratteristiche di ciascuno di essi.
*Confronto tra blocchi logici per individuare somiglianze e differenze in relazione al colore, alla forma, alla dimensione, allo spessore.
*Giochi liberi e strutturati con i blocchi logici
*Confronto diretto tra due oggetti misurabili in base ad un attributo.
*Individuazione del “più lungo” / grande/alto/ e del “meno lungo”/grande/alto  tramite confronto diretto.   
*Presentazione di situazioni concrete che richiedano di confrontare lunghezze.
*Misurazioni attuate mediante l’uso dei regoli e di materiale vario.
*Attività di riordino di più oggetti di dimensioni diverse.
*Costruzione sul piano concreto e sul piano grafico, di seriazioni tra oggetti riferite a lunghezza, altezza, grandezza.
*Completamento di una serie ordinata di oggetti.
*Effettuazione concreta e sul piano grafico di relazioni d’ordine mediante l’uso di frecce.
*Attività concrete ed esecuzione di schede per conoscere e usare in modo esatto i quantificatori.
*Riconoscere la numerosità di due gruppi di oggetti; individuare quello più/meno numeroso.
*In situazioni concrete e successivamente mediante l’utilizzo di schede predisposte uso corretto delle locuzioni “di più – di meno”, “tanti- quanti”, “più numerosi –meno numerosi”, “numerosi quanto”.
*Presentazione e manipolazione del materiale strutturato (regoli)
*Presentazione dei simboli numerici fino a 9 con l’uso di materiale strutturato.
I numeri vengono presentati in abbinamento al racconto di alcune fiabe (numero 1: Cappuccetto Rosso, numero 2: Hansel e Gretel…).
Nello stesso momento si presenta il regolo corrispondente al numero e la direzionalità grafica del numero, tenendo presenti il punto di partenza e il verso esatto per la sua trascrizione.
*Memorizzazione di filastrocche per facilitare la conoscenza della serie ordinata dei numeri progressiva e regressiva.
*Lettura e scrittura dei numeri naturali sia in cifre sia in parole.
*Simbolizzazione delle quantità con i numeri
*Trascrizione progressiva dei numeri sulla linea dei numeri.
*Scoperta che la progressione numerica si ottiene aggiungendo ad ogni regolo quello unitario: i bambini pervengono a questa regola mediante l’utilizzo dei regoli. Operando con essi osservano come la differenza tra due regoli successivi sia sempre un regolo bianco
*Corrispondenza tra regoli e numeri sulla linea dei numeri.
*Confronto di regoli per stabilire quello maggiore e quello minore.  
*Confronto di due quantità date.
*Individuazione della quantità maggiore o minore.
*Attività atte a stimolare l’uso corretto dei termini precedente e seguente: giochi tra compagni disposti in fila; interpretazioni di posizioni riferite ad elementi disposti in sequenze ordinate. Racconto della fiaba “I musicanti di Brema”; formulazione di frasi alle quali i bambini devono rispondere “vero” o “falso” in merito alla posizione assunta dagli animali della fiaba( il cane segue l’asino… il gatto precede il cane…)
*Giochi sulla linea dei numeri posizionata per terra per utilizzare concretamente i termini precedente e seguente.
*Individuazione del numero precedente e successivo a un numero dato
*Individuare tutti i numeri seguenti o precedenti un dato numero.
*Seriazione dei regoli dal minore al maggiore.
*Presentazione ed uso dei simboli >  <  =
*Confronto tra numeri mediante l’uso delle opportune simbologie.
*Completamento di sequenze numeriche entro il 9.
*Riordino di numeri dal maggiore al minore e viceversa.
*Esecuzione di schede predisposte e attività per il consolidamento dei concetti presentati.
Procedimenti personalizzati per favorire il processo di apprendimento e di maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze:
*Metodi di apprendimento cooperativo che favoriscono le relazioni interpersonali, il confronto con gli altri, la collaborazione con il gruppo per il raggiungimento di un obiettivo comune, nel rispetto delle diversità e dei ritmi di apprendimento individuali.
*Metodi ispirati al “problem solving” che stimolano la ricerca, l’azione diretta, l’operatività concreta, affinché gli alunni si sentano i veri protagonisti del percorso di apprendimento.
Strategie per il consolidamento delle conoscenze e delle competenze:
*Predisposizione di attività/schede graduate per difficoltà.
*Utilizzare una stessa proposta con variazione dei contenuti (offerta formativa “ritualistica”); introdurre elementi nuovi in un contesto conosciuto e quindi per questo rassicurante, costituisce uno stimolo motivante che fa leva sulla novità della “ricomparsa”, oltre che un rafforzamento dei meccanismi di memorizzazione e di sistematizzazione del percorso di apprendimento.
Strategie per il recupero delle conoscenze e delle competenze:
*Predisposizione di schede/attività differenziate e graduate per difficoltà.
*Differenziazione del lavoro didattico per renderlo più adeguato alle capacità di decodificazione e comprensione dei singoli alunni.
Verifica degli Apprendimenti
*Confronto di oggetti sul piano grafico.
*Effettuare seriazioni
*Utilizzare correttamente i quantificatori.
*Memorizzare filastrocche sui numeri.
*Riconoscere e leggere numeri entro il 9.
*Completare una serie numerica entro il 9.
*Associare numeri a quantità e viceversa.
*Individuare il precedente e il successivo a un dato numero.
*Riordinare dal maggiore al minore e viceversa una serie composta da 4/5 numeri entro il 9.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti.
Metodologia
Secondo Quadrimestre
*Attività ludiche per introdurre il concetto di numero ordinale; esercitazioni pratiche sulla linea dei numeri situata sul pavimento e su schede. Completamento di schede.
*Attività di drammatizzazione, manipolazione e rappresentazione grafica di situazioni tratte anche da giochi, favole, fiabe, filastrocche per giungere alla loro simbolizzazione matematica mediante l’addizione e la sottrazione.
*Formazione sul piano concreto e sul piano grafico di unione di gruppi di oggetti a cui associare l’operazione aritmetica dell’addizione.
*Attività sul piano concreto e poi su quello grafico di disgiunzione  di oggetti a cui associare l’operazione aritmetica della sottrazione .
*Esercitazioni con i regoli e sulla linea dei numeri per una migliore comprensione delle operazioni presentate.
*Esercitazioni collettive e individuali.
*Scomposizione e composizione del 10 con i regoli e con l’abaco.
*Ricerca delle coppie di numeri che sommati danno 10
*Presentazione di situazioni concrete che richiedano operazioni di raggruppamento.
*Registrazione del numero dei raggruppamenti e degli elementi isolati.
*Giochi di cambio con i blocchi aritmetici multibase (B.A.M.) con i quali gli alunni cambiano pezzi di valore superiore con pezzi di valore inferiore e viceversa.
*Definizione di decina e di unità.
*Uso dell’abaco per giochi di cambio e per la registrazione di quantità di oggetti.
*Conversazioni guidate per pervenire al significato della parola “problema”; riflessioni sui problemi esposti dai bambini; “matematizzazione” delle conclusioni trovate.
*Presentazione di una situazione problematica collegata alle varie esperienze degli alunni(la situazione viene introdotta mediante la lettura della favola” Vallefelice”; manipolazione di materiale per pervenire concretamente alla soluzione. Verbalizzazione del procedimento seguito. Rappresentazione grafica della situazione. Formulazione della risposta.
*Raccolta di dati relativi ad una situazione reale. Verbalizzazione dei dati ottenuti. Rappresentazione grafica della situazione. Registrazione della situazione con simboli numerici. Formulazione della risposta.
*Raggruppamenti di elementi in base 10: conoscenza dei numeri fino a 20
*Registrazione degli stessi sulla linea dei numeri
*Confronto di numeri individuazione della quantità maggiore o minore   
*Rilevazione dell’insieme più potente, meno potente, potente come
*Uso corretto dei simboli >  <  =
*Conoscenza e utilizzo dell’ordine progressivo e regressivo dei numeri presentati.
*Riordino di numeri entro il 20 in ordine crescente e decrescente
*Ricerca del numero precedente e seguente.
*Addizioni e sottrazioni con l’abaco e con i regoli.
*Addizioni e sottrazioni in riga con i numeri entro il 20
Verifica degli Apprendimenti
*Eseguire addizioni e sottrazioni sulla linea dei numeri e non. (Entro il 10)
*Leggere e scrivere i numeri entro il 20
*Confrontare e riordinare numeri.
*Comporre e scomporre i numeri in decine e unità.
*Trovare il numero precedente e successivo a un numero dato
*Eseguire addizioni e sottrazioni sulla linea dei numeri e non.
*Individuare l’operazione esatta per risolvere una semplice situazione problematica che richieda l’uso dell’addizione o della sottrazione.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti.

Musica
Primo Quadrimestre
Conoscenze
Ascolto
* Riconoscere e discriminare sonorità di ambienti naturali e artificiali.
Ritmo
* Cogliere semplici sequenze ritmiche.
Produzione Vocale e Strumentale
* Esplorare, ricercare e utilizzare le possibilità canore del proprio corpo e di oggetti di uso comune.
Abilità
Ascolto
* Distingue i suoni dai rumori
Ritmo
* Legge semplici sequenze ritmiche.
* Colloca le parole su un ritmo dato, facendo corrispondere l’accento tonico e quello ritmico.
Produzione Vocale e Strumentale
* Imita con il corpo e con la voce modelli sonori.
* Associa movimenti del corpo al canto.       
Secondo Quadrimestre
Si riprenderanno in parte le abilità e le conoscenze svolte nel primo quadrimestre in aggiunta a quelle sotto riportate.
Conoscenze
Ascolto
* Riconoscere le fonti sonore.
Ritmo
* Percepire la pulsazione di un brano musicale.
Produzione Vocale e Strumentale
* Esplorare, ricercare e utilizzare le possibilità canore del proprio corpo e di oggetti di uso comune.
Abilità
Ascolto
* Analizza le caratteristiche del suono.
Ritmo
* Esegue alternanze di suono/silenzio seguendo movimenti e/o leggendo una notazione
Produzione Vocale e Strumentale
* Esegue giochi musicali con strumenti ritmici.
* Sintonizza il proprio corpo a quello degli altri.   
Metodologia
Verranno fatti ascoltare semplici brani sonori nei quali l’alunno dovrà individuare e distinguere i suoni dai rumori, ricercarne la provenienza anche con l’aiuto di schede predisposte. Si eseguiranno giochi musicali con l’uso di strumentini o del proprio corpo (Piedi, mani, bocca…) per scoprire le possibilità sonore e canore che ognuno di noi racchiude in sé. Verranno eseguiti coralmente canti e/o filastrocche accompagnati da movimenti ritmici del corpo, seguendo semplici sequenze ritmiche. Saranno presentate semplici partiture per la lettura delle note musicali posizionate sul rigo e negli spazi.

Arte e Immagine
Piano di lavoro quadrimestrale delle attività disciplinari
Traguardi per lo sviluppo delle competenze
* Conoscere gli elementi costitutivi delle immagini: linee, forma, colore.
* Rielaborare in modo creativo le immagini
* Avvicinarsi alle opere d’arte pittoriche.
* Individuare alcuni beni artistici nel territorio.
Obiettivi di apprendimento
* Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell’ambiente utilizzando le capacità sensoriali.
* Approcciarsi in modo operativo alla lettura di linee, colori e forme nelle immagini e nelle opere d’arte.
* Raccontare esperienze ed esprimere emozioni in produzioni grafico-pittoriche e polimateriche.
Metodologia
Primo Quadrimestre
Indagine dei Pre-Requisiti
* Riconoscere i colori fondamentali.
* Ritagliare, punteggiare, impugnare correttamente la matita, colorare rispettando i contorni.
* Ricostruire un’immagine divisa in più parti.
* Usare lo spazio foglio.
* Giochi grafici per il consolidamento e il perfezionamento della funzione grafo-motoria: linee, linee ondulate, spezzate.
* Conversazione guidata relativa ad esperienze personali degli alunni; rappresentazione grafico-pittorica dell’esperienza individuale.
* Giochi grafici per consolidamento e il perfezionamento della funzione grafico-motoria.
* La campitura: esercizi di colorazione all’interno di una forma o per colorare uno sfondo.
* Esercizi di coloritura di un soggetto e dello sfondo: il rispetto del contorno, della proprietà del colore, dell’uniformità del tratto e della sua omogeneità.
* Per l’avvio a un corretto uso dello spazio foglio, rappresentazione di soggetti che si prestino a essere disegnati in verticale o in orizzontale.
* Corretto utilizzo dello spazio foglio: produzioni grafiche entro spazi predeterminati.
* Ritaglio in linea retta e seguendo un contorno più complesso.
* Punteggiatura, strappo, ritaglio, piegatura di carta e cartoncino.
* Ricerca delle tecniche e degli strumenti che permettono di riprodurre i colori.
* Ricerca di elementi mancanti: osservazione guidata di frutti stagionali.
* Tecniche di utilizzo della carta velina, per realizzare il corpo di una faraflla, finalizzate al potenziamento della motricità fine.
* Ricerca e selezione di materiale povero o di recupero per riutilizzo in composizioni creative: realizzazione di un ambiente e relativo personaggio in abbinamento alle vocali e consonanti presentate in italiano.
* Attività di frottage per strutturare un germinale concetto di stampa; osservazione e conversazione sul concetto di impronta, esercizi di composizione mediante la ripetizione di immagini.
* Giochi di riconoscimento di macchie, attribuzione di significato a forme casuali.
* Arricchimenti di forme casuali per conferire loro un aspetto chiaramente individuabile.
Metodologia
Secondo Quadrimestre
* La campitura: esercizi di colorazione all’interno di una forma o per colorare uno sfondo.
* Esercizi di coloritura di un soggetto e dello sfondo: il rispetto del contorno, della proprietà del colore, dell’uniformità del tratto e della sua omogeneità.
* Corretto utilizzo dello spazio foglio: produzioni grafiche entro spazi predeterminati.
* Ritaglio in linea retta e seguendo un contorno più complesso.
* Punteggiatura, strappo, ritaglio, piegatura di carta e cartoncino.
* Ricerca delle tecniche e degli strumenti che permettono di riprodurre i colori.
* Ricerca e selezione di materiale povero o di recupero per riutilizzo in composizioni creative: realizzazione di un ambiente e relativo personaggio in abbinamento alle consonanti presentate in italiano.
* Attività di frottage per strutturare un germinale concetto di stampa; osservazione e conversazione sul concetto di impronta, esercizi di composizione mediante la ripetizione di immagini.
* Realizzazione di uno o più disegni di paesaggi con tecniche diverse: collage a strappo, tempera, frottage.
* Osservazione dei colori presenti in natura nel periodo invernale e primaverile per l'individuazione dei colori caldi e freddi.
* Produzione di composizioni cromatiche con l'uso dei colori caldi e freddi.
* Utilizzo dei colori primari scoperti attraverso le "giornate del rosso, del giallo e del blu" per realizzare disegni, cartelloni e collage con materiale vario.
* Progettazione del soggetto per una maschera carnevalesca.
* Realizzazione di una maschera di Carnevale utilizzando materiali diversi e/ o di recupero.
* Realizzazione di un semplice soggetto pasquale, utilizzando tecniche e materiali diversi. Realizzazione di un biglietto augurale ai genitori.
* Realizzazione di decorazioni primaverili per la scuola e/o vetrate con materiale di recupero e/ o mediante timbri.
* Manipolazione di materiali diversi per la produzione di semplici segnaposto.
Procedimenti personalizzati per favorire il Processo di Apprendimento e di Maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze
* Promuovere lo sviluppo delle competenze espressive, comunicative e cognitive, attraverso la scoperta delle possibilità comunicative specifiche offerte dai linguaggi non verbali.
* Educare la creatività e la divergenza di pensiero in situazioni di apprendimento che stimolino la libera iniziativa, la formulazione di ipotesi e la ricerca di nuove soluzioni.
Strategie per il recupero delle conoscenze e delle competenze:
* Esercitazioni individuali guidate.
* Esecuzione di attività mirate graduate per livello di difficoltà.
Verifica degli Apprendimenti
* Coloritura di un soggetto con i pennarelli e con i pastelli.
* Attività di punteggio e di ritaglio.
* Realizzazione di biglietti augurali.
Utilizzo creativo del colore
* Riconoscere i colori primari.
* Riconoscere i colori secondari
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti.

Religione Cattolica
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe prima
xxx

Scienze Motorie e Sportive
Primo Quadrimestre
Riconosce le varie parti del corpo su di sé e sugli altri
Denomina le varie parti del corpo su di sé e sugli altri
Riconosce e classifica le informazioni provenienti dagli organi di senso
Gestisce l'orientamento in riferimento alle principali coordinate spaziali e temporali
Utilizza diversi schemi motori
Esprime diversi stati d’animo, sentimenti emozioni con il corpo.
Secondo Quadrimestre
Utilizza diversi schemi motori
Utilizza diversi schemi motori e li combina
Rispetta le regole dei giochi
Sa controllare e gestire le condizioni di equilibrio statico
Sa controllare e gestire le condizioni di equilibrio dinamico
Riproduce semplici sequenze ritmiche con il proprio corpo
Verifica degli Apprendimenti
Sono previsti momenti di osservazione e di verifica degli apprendimenti sia in itinere che al termine delle unità didattiche. Le verifiche sono legate alle diverse attività proposte.
Criteri di Valutazione   
Viene utilizzata la scala numerica concordata durante il Collegio Docenti.
Attività Varie
(visite e viaggi di istruzione, spettacoli, partecipazione a concorsi, interventi esperti, …)
Si propone il progetto di Teatro, durante il secondo quadrimestre, che coinvolgerà gli ambiti Linguistico – Artistico – Espressivo.
Da dopo Natale è previsto l’intervento di un esperto di GIN FIT durante l’ora di motoria, Corpo, Movimento e Sport per un avviamento alla ginnastica artistica.
Torna al Menù



xxx

xxx

Piano di lavoro quadrimestrale delle attività disciplinari
Traguardi per lo sviluppo delle competenze
*L’alunno si muove consapevolmente in uno spazio via via più ampio, sapendosi orientare attraverso punti di riferimento e utilizzando gli organizzatori topologici.
*L’alunno acquisisce la consapevolezza di muoversi e orientarsi nello spazio grazie alle proprie carte mentali, che si ampliano man mano che esplora lo spazio circostante.
*Rappresenta in prospettiva verticale oggetti e ambienti noti e rappresenta percorsi esperiti nello spazio circostante.
*Individua e descrive gli elementi fisici e antropici che caratterizzano i vari tipi di paesaggio.
Obiettivi di apprendimento
*Conoscere gli indicatori spaziali.
*Intuire la relatività della posizione degli oggetti o delle persone in rapporto a un punto di riferimento.
*Individuare le relazioni spaziali.
*Eseguire e rappresentare graficamente percorsi.
*Individuare i confini di uno spazio.
*Rappresentare simbolicamente lo spazio: piante topografiche e riduzioni in scala di oggetti
Metodologia
Indagine dei Pre-Requisiti
*Osservare la capacità di orientarsi nello spazio foglio.
*Eseguire spostamenti e breve percorsi (destra/sinistra)
*Individuare/rappresentare la posizione di oggetti nello spazio (destra/sinistra)
*Individuare tra possibili percorsi quello esatto.
*Posizionamento di se stessi in rapporto a oggetti e/o persone, secondo le indicazioni spaziali fornite.
*Osservazione di oggetti nell’ambiente aula e/o nell’ambiente esterno.
*Indicazione della posizione di oggetti considerati rispetto ad altri.
*Organizzazione di situazioni di gioco in cui sia possibile da parte degli alunni stabilire con chiarezza la posizione del proprio corpo rispetto agli oggetti e rispetto ai compagni. Verbalizzazioni singole di ogni situazione con un appropriato uso dei termini. Risoluzione di situazioni dello stesso tipo anche a livello grafico.
*Organizzazione di situazioni, anche a carattere ludico, in cui gli alunni debbano decentrare il proprio punto di vista e stabilire un sistema di riferimento tra oggetti.
*Proposta di esperienze in cui possano distinguere la “direzione” dei propri movimenti.
*Puntualizzazione delle esperienze dal punto di vista linguistico.
*Osservazione di oggetti da diversi punti di vista e relativa rappresentazione grafica.
*Completamento di schede.
*Esecuzione in palestra/aula di un percorso in base alle indicazioni date dall’insegnante.
*Verbalizzazione degli spostamenti compiuti.
*Rappresentazione grafica del percorso eseguito.
*Disegno guidato dei percorsi svolti e successiva rappresentazione simbolica.
*Lettura e interpretazione di un percorso simbolico.
*Presentazione del reticolo costruito tramite l'intersezione di linee verticali e orizzontali.
*Riproduzione di un percorso sul reticolo con l'uso delle frecce.
*Collocazione di oggetti su tabelle a doppia entrata, usando le coordinate spaziali.
*Osservazione e scoperta delle funzioni di alcuni spazi della scuola.
*Formulazione di proposte di organizzazione di spazi vissuti in relazione a esigenze diverse.
*Osservazione guidata dell'area esterna della scuola, finalizzata all'individuazione dei confini.
*Individuazione degli elementi fisici e antropici dell'ambiente esplorato e loro classificazione.
*Disegno di alcuni oggetti per determinare il loro contorno.
*Individuazione del confine di alcuni oggetti e spazi.
*Rappresentazione grafica di regioni.
*Individuazione di regioni interne ed esterne.
*Osservazione dello spazio aula.
*Rappresentazione individuale dello spazio aula e del suo confine.
*Rappresentazioni da punti di osservazione diversi.
*Osservazione delle diverse rappresentazioni.
*Scoperta della necessità di un comune punto di vista nella rappresentazione spaziale: il punto di vista "dall'alto".
*Realizzazione dell’aula tridimensionale; osservazione della stessa e rappresentazione della pianta dell’aula.
*Scoperta della necessità di rimpicciolire il disegno dello spazio reale per poterlo rappresentare graficamente su un foglio.
*Uso della rappresentazione "in pianta" degli spazi considerati.
*Rappresentazione e osservazione di piante e mappe.
Procedimenti personalizzati per favorire il processo di Apprendimento e di Maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze:
*Dato che nei processi di apprendimento esiste una stretta relazione reciproca tra gli aspetti cognitivi e quelli affettivi si ritiene necessario creare un clima sereno; stimolare la motivazione ad apprendere attraverso la predisposizione di contesti e di rapporti positivi.
*Metodi di apprendimento cooperativo che favoriscono le relazioni interpersonali, il confronto con gli altri, la collaborazione con il gruppo per il raggiungimento di un obiettivo comune, nel rispetto delle diversità e dei ritmi di apprendimento individuali.
*Metodi ispirati al “problem solving” che stimolano la ricerca, l’azione diretta, l’operatività concreta, affinché gli alunni si sentano i veri protagonisti del percorso dio apprendimento.
Strategie per il consolidamento delle conoscenze e delle competenze:
*Realizzazione concreta in palestra degli obiettivi affrontati.
*Predisposizione di attività/schede graduate per difficoltà.
*Utilizzare una stessa proposta con variazione dei contenuti (offerta formativa “ritualistica”); introdurre elementi nuovi in un contesto conosciuto e quindi per questo rassicurante, costituisce uno stimolo motivante che fa leva sulla novità della “ricomparsa”, oltre che un rafforzamento dei meccanismi di memorizzazione e di sistematizzazione del percorso di apprendimento.
*Predisposizione di schede/attività differenziate e graduate per difficoltà.
*Differenziazione del lavoro didattico per renderlo più adeguato alle capacità di decodificazione e comprensione dei singoli alunni.
Verifica degli Apprendimenti
*Schede relative alle relazioni spaziali presentate.
*Conoscere gli organizzatori spaziali (destra – sinistra)
*Attività ludico motorie in palestra/aula relative a percorsi stabiliti.
*Eseguire graficamente percorsi.
*Schede per il riconoscimento di oggetti rappresentati da diversi punti di vista.
*Schede relative ai percorsi e loro rappresentazione su tabelle.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti.
Piano di lavoro quadrimestrale delle attività disciplinari
Traguardi per lo sviluppo delle competenze
*Leggere, scrivere, confrontare e ordinare numeri interi con la consapevolezza del valore posizionale delle cifre.
*Eseguire mentalmente semplici operazioni con i numeri naturali e verbalizzare le procedure di calcolo.
*Acquisire il concetto di funzione.
*Leggere, scrivere e confrontare i numeri decimali.
*Eseguire, descrivere e rappresentare percorsi mediante codici diversi.
*Riconoscere, denominare, descrivere e disegnare figure geometriche.
*Individuare nella realtà situazioni problematiche, affrontarle e risolverle con strumenti adeguati e strategie diverse.
*Leggere, interpretare e rappresentare relazioni e dati con diagrammi, schemi e tabelle.
*Utilizzare strumenti arbitrari di misurazione in situazioni reali.
Obiettivi di apprendimento
*Conoscere i numeri naturali nei loro aspetti cardinale e ordinale e operare con essi.
*Orientarsi sul piano cartesiano.
*Operare con figure geometriche, grandezze e misure.
*Riconoscere, rappresentare e risolvere problemi.
*Utilizzare semplici linguaggi logici.
Metodologia
Primo Quadrimestre
Indagine dei Prerequisiti
*Riconoscere l’operazione esatta per la soluzione di problemi con addizione e sottrazione.
*Scrivere correttamente numeri in cifre e in lettere.
*Ordinare i numeri in senso progressivo e regressivo.
*Individuare il precedente e il successivo.
*Confrontare i numeri con l’uso di > < =.
*Associare ad una quantità un numero.
*Eseguire addizioni e sottrazioni.
*Riconoscere e denominare le principali figure geometriche piane.
*Attività pratiche e verbalizzazioni con il supporto di materiale strutturato (blocchi logici).
*Analisi di situazioni concrete per trarne dati, quesiti ed ipotesi di soluzione.
*Date possibili situazioni, individuazione di quelle problematiche.
*Rappresentazione concreta della situazione mediante gioco e/o manipolazione di materiali occasionali.
Soluzione di problemi matematici utilizzando strategie diverse:
*esperienze concrete
*rappresentazione grafica
*operazione aritmetica
*Uso dei regoli e/o dell’abaco per la costruzione di numeri da 20 a 30.
*Attività di raggruppamento utilizzando materiale occasionale e/o strutturato.
*Scoperta delle regole di base del nostro sistema di numerazione.
*Attività di lettura e memorizzazione dei numeri.
*Attività di scrittura e numerazione dei numeri entro il 30.
*Ordinamento progressivo e regressivo dei numeri.
*Individuazione del numero precedente e del successivo.
*Confronto dei numeri entro il 30: uso dei simboli < > =.
*Completamento di sequenze numeriche.
*Esecuzione di addizioni e sottrazioni in riga.
*Uso di addizioni e sottrazioni come operazioni inverse in situazioni manipolative, ludiche e simboliche.
*Scoperta ed uso della proprietà commutativa dell’addizione.
*Attività di manipolazione che richiedano di raggruppare in base 10 quantità di oggetti superiore a 30
*Registrazione su tabella dei dati ottenuti.
*Uso dei regoli e/o dell’abaco per la costruzione di numeri da 30 a 40 e da 40 a 50.
*Attività di lettura e memorizzazione dei numeri.
*Ordinamento progressivo e regressivo dei numeri.
*Individuazione del numero precedente e del successivo.
*Confronto dei numeri entro il 50: uso dei simboli <  >  =.
*Completamento di sequenze numeriche.
*Uso di addizioni e sottrazioni come operazioni inverse in situazioni manipolative, ludiche e simboliche.
*Costruzione delle tabelle dell’addizione e della sottrazione con relative osservazioni
*Uso della linea dei numeri, dell’abaco, dei regoli e delle tabelle.
*Individuazione di quadrati, rettangoli, triangoli e cerchi nella realtà circostante, in illustrazioni e schede.
*Costruzione mediante modelli materiali e rappresentazione grafica di alcune fondamentali figure geometriche del piano e dello spazio.
*Presentazione tramite piegatura, sovrapposizione di colori e immagini della simmetria.
*Riconoscere simmetrie nel proprio corpo.
*Realizzare simmetrie attraverso prove pratiche, rappresentazioni grafiche e attività di ritaglio.
*Completare semplici figure simmetriche.    
*Esecuzione di schede predisposte e attività per il consolidamento dei concetti presentati.
*Presentazione del reticolo costruito tramite l'intersezione di linee verticali e orizzontali.
*Esperienze pratiche riguardanti spostamenti nello spazio classe.
*Rappresentazione grafica guidata, su piani quadrettati, dell’esperienza.
*Registrazione dei percorsi con l’uso di simbologie preventivamente concordate.
*Approfondimenti su schede predisposte.
*Riproduzione di un percorso sul reticolo con l’uso delle frecce.
*Collocazione di oggetti su tabelle a doppia entrata, usando le coordinate spaziali
*Lettura e interpretazione di un percorso simbolico.
Procedimenti personalizzati per favorire il Processo di Apprendimento e di Maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze:
*Metodi di apprendimento cooperativo che favoriscono le relazioni interpersonali, il confronto con gli altri, la collaborazione con il gruppo per il raggiungimento di un obiettivo comune, nel rispetto delle diversità e dei ritmi di apprendimento individuali.
*Metodi ispirati al “problem solving” che stimolano la ricerca, l’azione diretta, l’operatività concreta, affinché gli alunni si sentano i veri protagonisti del percorso di apprendimento.
Strategie per il consolidamento delle conoscenze e delle competenze:
*Predisposizione di attività/schede graduate per difficoltà.
*Utilizzare una stessa proposta con variazione dei contenuti (offerta formativa “ritualistica”); introdurre elementi nuovi in un contesto conosciuto e quindi per questo rassicurante, costituisce uno stimolo motivante che fa leva sulla novità della “ricomparsa”, oltre che un rafforzamento dei meccanismi di memorizzazione e di sistematizzazione del percorso di apprendimento.
Strategie per il recupero delle conoscenze e delle competenze
*Predisposizione di schede/attività differenziate e graduate per difficoltà.
*Differenziazione del lavoro didattico per renderlo più adeguato alle capacità di decodificazione e comprensione dei singoli alunni.
Verifica degli Apprendimenti
*Soluzione di problemi utilizzando strategie diverse:
*rappresentazione grafica e numerica.
*Simbolizzazione di una quantità data con il numero.
*Associazione di numeri a quantità.
*Attività di manipolazione che richiedano di raggruppare in base 10 quantità di oggetti superiore a 20.
*Registrazione su tabella dei dati ottenuti.*Calcolo orale.
*Riconoscimento di numeri.
*Esercizi di numerazione progressiva e regressiva.
*Esercizi di confronto con l’uso dei simboli.
*Rappresentazione di numeri con l’abaco.
*Riconoscimento di numeri rappresentati con l’abaco.
*Completamento di sequenze numeriche.
*Esecuzione di addizioni e sottrazioni in riga, senza cambio, entro il 50.
*Esercizi su schede che richiedano il riconoscimento e la denominazione di diverse figure geometriche.
*Individuare simmetrie di semplici figure e/o oggetti.
*Orientarsi sul reticolo individuando caselle e incroci mediante coppie ordinate.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti.
Metodologia
Secondo Quadrimestre
Risolvere problemi
Analisi e risoluzione di problemi che richiedono l’uso di addizioni, sottrazioni e moltiplicazioni
*Risoluzione di problemi con l’uso della sottrazione come resto e differenza.
*Soluzione di problemi con dati mancanti, sovrabbondanti o inutili.
*rappresentazione grafica
*operazione aritmetica
*costruzione di diagrammi.
Calcolo orale e scritto
*Attività di manipolazione che richiedano di raggruppare in base 10 quantità di oggetti fino a 99.
*Registrazione su tabella dei dati ottenuti.
*Uso dei regoli e/o dell’abaco per la costruzione di numeri.
*Attività di scrittura e numerazione dei numeri entro il 99.
*Ordinamento progressivo e regressivo dei numeri.
*Individuazione del numero precedente e del successivo.
*Completamento di sequenze numeriche.
*Esecuzione di addizioni, sottrazioni.
*Esecuzione di addizioni e sottrazioni in colonna con e senza cambio
*Presentazione della moltiplicazione come addizione ripetuta e con l’utilizzo di incroci.
*Creazione di una situazione ludica che richieda uno schieramento.
*Individuazione delle righe e delle colonne.
*Esecuzione di moltiplicazioni in riga e in colonna.
*Presentazione delle tabelline e loro memorizzazione.
*Presentazione del centinaio.
*Riconoscimento del valore posizionale delle cifre
*Completamento di serie numeriche nell’ambito del centinaio
*Attività di lettura e scrittura.
*Ordinamento progressivo e regressivo dei numeri.
*Individuazione del numero precedente e del successivo.
*Confronto dei numeri entro il 100: uso dei simboli < > =.
*Completamento di sequenze numeriche.
*Scoperta della regola e continuazione della sequenza.
*Esecuzione di addizioni, sottrazioni e moltiplicazioni in riga e in colonna.
Figure geometriche, grandezze, Misure
*Giochi guidati per la costruzione di linee aperte semplici.
*Prime riflessioni sulle loro caratteristiche: forma, punto di partenza e di arrivo, assenza di incroci.
*Esercizi - gioco per la costruzione di linee aperte non semplici e di linee chiuse semplici e non semplici.
*Riflessioni sulle loro caratteristiche e introduzione della nomenclatura appropriata (linee curve, spezzate, miste…)
*Ripasso del concetto di confine, regione interna, regione esterna.
*Riconoscere simmetrie nel proprio corpo.
*Riconoscere simmetrie in oggetti, disegni e figure.
*Realizzare simmetrie attraverso prove pratiche, rappresentazioni grafiche e attività di ritaglio.
*Completare semplici figure simmetriche.    
Linguaggi Logici
*Usare il connettivo “e” e la negazione “non”.
*Saper rappresentare semplici tabelle e grafici
*Individuare caselle e incroci sul piano cartesiano.
*Classificazione di una raccolta di oggetti in base a un attributo e alla sua negazione.
*Completamento di enunciati con i connettivi “e” e “non “
*Completamento di proposizioni VERE o FALSE.
*Individuare la posizione di caselle o incroci sul piano cartesiano.
*Date le coordinate posizionare sui nodi o nelle caselle oggetti e/o figure.
*Spostamenti sul reticolo secondo comandi dati (frecce e numeri)
*Raccogliere dati da una semplice indagine
*Rappresentare i dati raccolti in tabelle di frequenza mediante rappresentazioni grafiche adeguate (diagramma a blocchi)
*Lettura e interpretazione di semplici grafici.
*Individuazione nella realtà di eventi certi, possibili, impossibili.
Verifica degli Apprendimenti
*Soluzione di problemi implicanti addizioni e sottrazioni e moltiplicazioni.
*Soluzione di problemi con dati mancanti, sovrabbondanti o inutli.
*Calcolo orale
*Esercizi di numerazione progressiva e regressiva.
*Esercizi di confronto con l’uso dei simboli.
*Completamento di sequenze numeriche.
*Esecuzione di addizioni e sottrazioni in riga e in colonna, con e senza cambio entro il 100.
*Esecuzione di moltiplicazioni in riga e in colonna entro il 100
*Individuare simmetrie di semplici figure e/o oggetti.
*Rappresentazione delle linee considerate.
*Individuare e/o posizionare oggetti sul piano cartesiano.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti.

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe Terza
Ascoltare e parlare
* L’alunno partecipa a semplici scambi comunicativi con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e coerenti.
* L’alunno utilizza registri linguistici adeguati alla funzione comunicativa.
Leggere
* L’alunno legge testi di vario genere letterario in modo scorrevole ed espressivo.
* L’alunno comprende il significato di testi di tipo diverso individuandone il senso globale con il supporto di domande stimolo.
Scrivere
* Il bambino produce testi descrittivi e narrativi anche rielaborando e manipolando testi d’autore.
* Il bambino produce testi espressivi e poetici seguendo schemi e strutture
Riflettere sulla lingua
* Il bambino svolge attività di riflessione linguistica utilizzando adeguatamente le convenzioni ortografiche.
* Il bambino conosce ed usa in elaborati personali i fondamentali segni di punteggiatura.
* Il bambino, nel contesto di una frase, riconosce gli elementi fondamentali (nome, verbo, articolo, aggettivo).
* Il bambino riconosce gli elementi costitutivi della frase minima.
* Il bambino utilizza autonomamente il discorso diretto in testi scritti.
Obiettivi di apprendimento
Ascoltare e Parlare
* Partecipare attivamente a situazioni comunicative di diverso tipo, interagendo nello scambio comunicativo in modo adeguato alla situazione e rispettando le regole stabilite.
* Mantenere l’attenzione, ponendosi in modo funzionale all’ascolto.
Leggere
* Utilizzare forme di lettura diverse e funzionali allo scopo.
* Comprendere il significato di testi letti
* Distinguere, nel testo letto, le idee essenziali dalle superflue.
Scrivere
* Raccogliere le idee per la scrittura attraverso la lettura approfondita, schemi, invenzione.
* Produrre autonomamente brevi testi di tipo descrittivo, narrativo, poetico.
Riflettere sulla Lingua
* Utilizzare conoscenze morfo-sintattiche nell’esposizione scritta e orale.
Primo Quadrimestre
Attività di accoglienza
* Conversazioni spontanee e guidate sul periodo estivo e sul rientro a scuola.
* Ascolto di una storia e riordino in successione di vignette.
* Esecuzione esatta di una sequenza di comandi impartiti dall’insegnante.
* Formulazione di risposte orali adeguate alle richieste.
* Presentazione di un semplice brano.
* Lettura ad alta voce del brano proposto.
* Lettura individuale silenziosa.
* Formulazione di risposte orali adeguate al testo letto.
* Riordino di un breve racconto
* Presentazione di schede che richiedano la scrittura autonoma di parole o semplici frasi contenenti le difficoltà ortografiche.
* Dettati e autodettati ortografici.
Metodologia
Per il raggiungimento degli obiettivi programmati, si sintetizzano le indicazioni metodologiche tenendo conto degli aspetti specifici della disciplina e dei seguenti principi:
* partire dalla realtà diretta degli alunni, considerati soggetti dell’azione educativa;
* stimolare la motivazione ad apprendere;
* creare un clima favorevole alla vita di relazione e agli scambi comunicativi, non solo verbali.
Prima di dare avvio ad un nuovo apprendimento, l’insegnante verificherà il possesso delle conoscenze e delle abilità acquisite in classe seconda.
Si organizzeranno, poi, le fasi di lavoro il più possibile a livello di classe e/o di piccolo gruppo, per giungere all’eventuale momento di attività individuale. Questo permetterà, infatti, ad ogni scolaro di arricchirsi grazie all’esperienza linguistica altrui che si traduce in una varietà di forme verbali.
Al fine di promuovere condizioni didattiche che favoriscano la motivazione, l'impegno, un positivo clima di classe ed il potenziamento del rendimento individuale, l’insegnante proporrà una serie di attività che consentono di sperimentare, in maniera personale e diretta, le variabili implicate nell'apprendimento basato sulla mediazione del gruppo e le possibili valenze della cooperazione. Ad esempio si predisporranno forme di lavoro a puzzle, in cui ogni alunno/gruppo dovrà contribuire al lavoro collettivo con una parte che andrà a rifluire nel prodotto comune. In tal modo ognuno sperimenterà che grazie all’impegno di tutti si ottengono successi significativi.
Inoltre, ritenendo fondamentale per lo sviluppo dell’apprendimento il conflitto socio-cognitivo, che rende gli alunni consapevoli dell’inadeguatezza delle conoscenze già acquisite e che li motiva a successivi accomodamenti, si eviterà di indicare la soluzione esatta di fronte a risposte o soluzioni errate, suscitando quindi un contraddittorio in cui, ciascun alunno o gruppo, per legittimare le proprie convinzioni, sarà messo nella condizione di far chiarezza fra le proprie conoscenze, accorgendosi degli eventuali limiti.
Nelle conversazioni o nelle discussioni, saranno curati la corretta turnazione degli interventi e l’ascolto attento di ciò che viene detto per dare la giusta significatività ai discorsi.
Si sosterrà la motivazione alla lettura e alla scrittura legandole il più possibile a situazioni d’uso funzionale, reale e diretto, ponendo attenzione al rapporto interattivo fra lingua orale e lingua scritta e fra comprensione - analisi di testi di vario tipo e scritture individuali degli alunni. Si cercherà di promuovere l’interesse per la lettura spontanea leggendo alla classe libri piacevoli e divertenti; si favoriranno momenti di lettura libera e individuale allestendo la bibliotechina di classe e facilitando la frequentazione della biblioteca annessa alla scuola.
Attraverso la riflessione sui testi letti in classe, analizzati per riconoscere le caratteristiche delle diverse strutture e tipologie testuali che saranno poi riutilizzate nella rielaborazione personale, si svilupperà l’abilità della scrittura anche con la manipolazione dei testi secondo diversi criteri e regole, in situazioni sempre significative e motivanti.
Nell’ambito della riflessione sulla lingua, considerando che le regole linguistiche, per essere ben interpretate, devono essere contestualizzate. Si tratta di applicare il metodo induttivo (dall’uso alla regola) che consente al bambino, tra l’altro, di giocare con la lingua, di smontarla e rimontarla, appassionandosi alle scoperte fatte con una ricaduta significativa sul testo e sulla capacità di revisione, il tutto, quando possibile, attraverso forme ludiche per giocare con le parole e con le regole. Quindi si creeranno e occasioni di analisi e scoperta a partire dall’uso concreto della lingua orale e scritta: si proporranno esercizi e giochi per stimolare la curiosità sui significati, sui rapporti tra le parole, sulla loro origine e formazione.
Contenuti Disciplinari
Primo e Secondo Quadrimestre
Ascoltare e Parlare
* Produzioni orali in situazioni comunicative reali. Verbalizzazione di un semplice vissuto, diviso in sequenza iniziale, centrale, finale.
* Ricostruzione di un'esperienza secondo uno schema logico (dove?; quando?;  con chi? perché?).
* Ascolto di letture, giochi di ruolo, dialoghi e drammatizzazioni per sperimentare ritmi, intonazioni, situazioni emotive diverse.
* Formulazione di risposte pertinenti, in riferimento a richieste di precisazioni su fatti, luoghi, persone
* Ascolto ed esecuzione di richieste verbali e di indicazioni fornite sequenzialmente
* Conversazioni su esperienze comuni e personali.
* Ascolto delle conversazioni.
* Partecipazione alle conversazioni, rispettando il proprio turno di intervento.
* Formulazione di interventi pertinenti all'argomento delle conversazioni.
Leggere
* Tecniche di lettura silenziosa, ad alta voce, con attenzione alla respirazione.
* Lettura di dialoghi con attenzione alla punteggiatura, alle pause grafiche ed espressive
* Presentazione di un brano d’autore.
* Ricerca guidata dei segni di interpunzione per favorire una corretta intonazione durante la lettura.
* Lettura ad alta voce da parte dell'alunno, rispettando le pause e i segni di interpunzione.
* Ricerca, prima guidata e successivamente individuale, dei personaggi, dei luoghi e dei tempi del racconto.
* Risposte a domande di comprensione.
Scrivere
* Osservazione di alcune sequenze illustrate.
* Lettura delle immagini e verbalizzazione delle stesse.
* Formulazione di didascalie significative rispetto a ogni sequenza.
* Composizione di un semplice testo narrativo mediante l'utilizzo delle sequenze prodotte.
* Rievocazione di un'esperienza personale.
* Rappresentazione iconica di un momento significativo dell'esperienza.
* Stesura di un breve testo relativo al momento rappresentato col disegno in cui compaiano il tempo, il luogo, i personaggi.
* Organizzazione collettiva dello schema narrativo. I generi narrativi: fiaba, favola, mito e leggenda.
* La struttura della fiaba e della favola. Identificazione dei ruoli dei personaggi nella narrazione.
* Individuazione nella favola, dell’idea centrale, dei personaggi e delle connessioni logico temporali.
* Ricerca e lettura animata di miti e leggende anche appartenenti ad altre culture. Analisi degli elementi e della struttura delle due tipologie.
* Stesura di testi narrativi, relativi alle proprie esperienze e vissuti, seguendo la struttura: parte iniziale, centrale, finale ed evidenziando stati d'animo ed emozioni.
* Stesura guidata, con domande stimolo e schemi - guida, di testi personali per raccontare un'esperienza personale e/o collettiva.
* Osservazioni mirate di ambienti reali per la raccolta di dati sensoriali.
* Osservazione di illustrazioni o opere d’arte significative che rappresentino ambienti.
* Lettura di testi descrittivi.
* Strutturazione di griglie e schemi per la produzione di testi descrittivi di ambienti.
* Stesura di testi regolativi mediante l'utilizzo di schemi di struttura.
* Attività per l’avvio alla sintesi di un testo narrativo (sottolineatura delle parti fondamentali, suddivisione del teso in sequenze e abbinamento di titoli significativi…).
* Realizzazione di schemi per la sintetizzazione di un testo narrativo in modo adeguato.
* Attività di manipolazione e completamento di testi narrativi.
* Lettura e analisi di poesie; conversazioni e considerazioni personali sul significato di una poesia;
* Poesie e filastrocche: il ritmo e le rime; la struttura delle poesie/filastrocche: i versi e le strofe.
* Lettura, analisi e discussione di poesie per coglierne lo scopo.
* Produzione di testi poetici di vari tipo: calligramma, nonsense…
* Produzione guidata o spontanea e creativa di poesie a tema.
Riflettere sulla lingua
Le lettere dell'alfabeto nei tre caratteri.
* Avvio all’uso del vocabolario. Usare omonimi, sinonimi e contrari; arricchire il lessico.
* Ripasso ed approfondimento dei segni di punteggiatura e del loro valore.
* Il corretto uso delle lettere maiuscole.
* Ripasso dei suoni ci, ce, chi, che, gi, ge, ghi, ghe, sci, sce, gn, gl.
* I suoni cu, cq, qu.
* L'apostrofo; l'accento.
* L'uso dell'H nelle voci verbali di "avere": ho, hai, ha, hanno.  
* Le doppie.
* Analisi delle parole prese in esame all'interno di frasi e di testi.
* Esercizi di ricerca, discriminazione, memorizzazione dei suoni presi in considerazione.
* Esercizi di completamento di parole e frasi richiedenti l'uso delle difficoltà ortografiche esaminate.
* Dettati e autodettati ortografici.
* Schede di consolidamento delle difficoltà presentate.
* Ricerca e individuazione in frasi e testi delle voci verbali di "avere" che richiedono l'uso dell’ h e discriminazione dei loro significati di: possedere, sentire, provare sensazioni o sentimenti e come ausiliare di altri verbi.
* Acquisizione della competenza mediante esercizi di consolidamento opportunamente mirati.
* Presentazione, in testi, della necessità dell'uso dell'apostrofo in sostituzione delle vocali elise.
* Esercitazioni collettive ed individuali per il riconoscimento ed il corretto uso della difficoltà, prima in presenza di articoli determinativi e indeterminativi, poi di preposizioni articolate.
* Schede di consolidamento delle difficoltà presentate.
* Dettati ortografici in cui sia richiesto l'uso dell'apostrofo in vari casi.
* Composizione autonoma di frasi in cui siano presenti le difficoltà presentate.
* Nell'ambito di alcuni enunciati, individuazione delle parole che suggeriscono un'immagine precisa della realtà.
* Rappresentazione grafica dell'immagine suggerita e denominazione di tali parole classificate come nomi.
* Compilazione di tabelle per distinguere le tre categorie: persone, animali e cose.
* Ricerca dei nomi in semplici testi.
* Presentazione mediante giochi, filastrocche, racconti dei nomi collettivi, composti, primitivi, alterati, derivati, concreti e astratti.
* Osservazioni e riflessioni, al fine di comprendere che ogni nome comune è preceduto dall'articolo.
* Ricerca degli articoli in frasi e semplici testi.
* Esercitazioni per associare correttamente i nomi agli articoli e viceversa.
* Ripasso ed approfondimento degli articoli determinativi e indeterminativi.
* Ricerca nelle cose, negli animali, nelle persone delle parole che rispondono alla domanda "com'è?".
* Individuazione in frasi e semplici testi degli aggettivi qualificativi.
* Distinzione e classificazione delle preposizioni semplici e articolate.
* Riconoscimento e uso delle congiunzioni.
* Presentazione e uso dei pronomi personali.
* Riconoscimento, in frasi e semplici testi, delle parole che indicano le azioni presenti, passate e future.
* Denominazione delle stesse col termine verbo.
* Presentazione delle persone del verbo e delle tre coniugazioni.
* Osservare l’uso dei verbi essere e avere.
* Il modo indicativo: avvio alla conoscenza della coniugazione del modo indicativo.
* Riconoscimento della frase minima in frasi espanse, rispondendo ai quesiti: "Di chi o di che cosa si parla?"  "Cosa fa?  O "Com'è?"
* Denominazione delle stesse con i termini: soggetto e predicato.
* Schede di consolidamento delle difficoltà presentate.
* Avvio alla conoscenza del discorso diretto.
Piano di lavoro quadrimestrale delle attività disciplinari
Traguardi per lo sviluppo delle competenze
* Leggere, scrivere, confrontare e ordinare numeri interi con la consapevolezza del valore posizionale delle cifre.
* Eseguire mentalmente semplici operazioni con i numeri naturali e verbalizzare le procedure di calcolo.
* Acquisire il concetto di funzione.
* Leggere, scrivere e confrontare i numeri decimali.
* Eseguire, descrivere e rappresentare percorsi mediante codici diversi.
* Riconoscere, denominare, descrivere e disegnare figure geometriche.
* Individuare nella realtà situazioni problematiche, affrontarle e risolverle con strumenti adeguati e strategie diverse.
* Leggere, interpretare e rappresentare relazioni e dati con diagrammi, schemi e tabelle.
* Utilizzare strumenti arbitrari di misurazione in situazioni reali.
Obiettivi di apprendimento
* Conoscere i numeri naturali nei loro aspetti cardinale e ordinale e operare con essi.
* Operare con figure geometriche, grandezze e misure.
* Riconoscere, rappresentare e risolvere problemi.
* Utilizzare connettivi e quantificatori.
* Stabilire il valore di verità di enunciati.
Primo Quadrimestre
Indagine dei Prerequisiti
* Risolvere problemi.
* Scrivere correttamente numeri in cifre e in lettere.
* Ordinare i numeri in senso progressivo e regressivo.
* Individuare il precedente e il successivo.
* Confrontare i numeri con l’uso di > < =.
* Eseguire addizioni, sottrazioni e moltiplicazioni in riga e colonna con e senza cambio.
Metodologia
Per quanto riguarda la Matematica, la concatenazione e la sistematicità nell’affrontare i concetti si affiancano alla scelta di attività coinvolgenti, gratificanti, organizzate in forma ludica e variata, non solo condotte dall’insegnante, ma proposte secondo la metodologia del problem solving in modo da favorire l’intervento di ogni alunno nel processo di apprendimento, il reciproco confronto, la costruzione personale delle competenze.
Il tutto in un clima in cui si dà valore al gusto della scoperta, alla riflessione “a voce alta”, all’intraprendenza nel fare ipotesi, ma anche all’aiuto reciproco che si sviluppa nel momento in cui si organizzano attività a gruppi, nelle quali ognuno dà il suo contributo e si misura o si appoggia agli altri.
Si terrà presente, inoltre, l’importanza che nella didattica della matematica viene ad assumere la competenza linguistica che spesso è alla base di difficoltà di comprensione e di applicazione dei procedimenti risolutivi.
Perciò particolare cura sarà rivolta alla capacità di esprimersi oralmente in modo chiaro e comprensibile e all’acquisizione di una terminologia specifica e appropriata per indicare e comunicare operazioni e attività svolte.
Contenuti Disciplinari
Primo e Secondo Quadrimestre
Problemi – I Numeri – Le Operazioni
Problemi
* Analisi di situazioni concrete per trarne dati, quesiti ed ipotesi di soluzione.
* Date possibili situazioni, individuazione di quelle problematiche.
* Rappresentazione concreta della situazione mediante gioco e/o manipolazione di materiali occasionali.
* Rappresentazione grafica e simbolica della situazione.
* Soluzione di problemi matematici utilizzando strategie diverse:
* esperienze concrete;
* rappresentazione grafica;
* operazione aritmetica;
* diagrammi.
* Soluzione di problemi con progressione di difficoltà (problemi con due domande esplicite, problemi con una domanda esplicita e una implicita).
* Elaborazione di testi problematici di tipo additivo e loro risoluzione.
* Analisi, descrizione e costruzione di percorsi logici per la risoluzione di problemi con la sottrazione (nei vari casi), moltiplicazione e divisione.
* Individuazione dei dati superflui in un testo problematico; ricerca dei dati mancanti; formulazione di domande.
Numeri
* Esercizi di verifica – consolidamento delle conoscenze sul sistema posizionale.
* Ripasso del centinaio: raggruppamenti, riordino, confronto, calcolo veloce.
* Presentazione graduale dei numeri entro il 999: uso di materiale strutturato per la loro costruzione.
* Attività di lettura e memorizzazione dei numeri.
* Attività di scomposizione e composizione, anche con equivalenze.
* Attività di scrittura e numerazione.
* Ordinamento progressivo e regressivo dei numeri.
* Individuazione del numero precedente e del successivo.
* Confronto dei numeri: uso dei simboli < > =.
* Completamento di sequenze numeriche.
* Presentazione del migliaio e rappresentazione con l’abaco e con i B.A.M.
* I numeri oltre il 1 000: lettura, scrittura, scomposizione, composizione, confronti, ordinamenti.
Operazioni
* Addizioni, sottrazioni, con e senza cambio: nomenclatura, significato, tabelle, proprietà.
* Uso di addizioni e sottrazioni come operazioni inverse in situazioni manipolative, ludiche e simboliche.
* Ripasso della moltiplicazione come addizione ripetuta.
* Ripasso degli schieramenti
* Moltiplicazioni in riga e in colonna (con una cifra al moltiplicatore: nomenclatura, proprietà, tabella.
* Ripasso delle tabelline.
* Calcolo mentale: strategie per velocizzare il calcolo mediante l’applicazione delle proprietà presentate e delle tabelline.
* Moltiplicazioni con due cifre al moltiplicatore; i trucchi con gli zeri.
* Presentazione di situazioni concrete di ripartizione e contenenza; rappresentazione grafica di ripartizione e contenenza; giochi e attività per la ricerca di tecniche per dividere; Il gioco di “quante volte ci sta” e le tabelline a rovescio.
* Divisioni in riga e in colonna: presentazione graduale della tecnica (inizialmente si userà la rappresentazione grafica.)
* Le proprietà della divisione.
* Divisioni in colonna con la prima cifra del dividendo minore del divisore.
* Moltiplicazione e divisioni per 10, 100, 1000, con i numeri naturali.
Frazioni
* Grandezze unitarie e frazioni. Piegatura di fogli e manipolazione di insiemi di oggetti per acquisire il concetto di frazione.
* Giochi e attività con i regoli.
* Dall’unità frazionaria alla frazione propria.
* La frazione decimale.
Geometria e Misura
Piano cartesiano
* Individuare la posizione di caselle o incroci sul piano cartesiano.
* Date le coordinate posizionare sui nodi o nelle caselle oggetti e/o figure.
* Spostamenti sul reticolo secondo comandi dati (frecce e numeri)
Linee
* Giochi guidati per la costruzione di linee aperte semplici.
* Prime riflessioni sulle loro caratteristiche: forma, punto di partenza e di arrivo, assenza di incroci.
* Esercizi - gioco per la costruzione di linee aperte non semplici e di linee chiuse semplici e non semplici.
* Riflessioni sulle loro caratteristiche e introduzione della nomenclatura appropriata (linee curve, spezzate, miste …)
* Ripasso del concetto di regione e confine.
* Linee rette, segmenti, semirette: rappresentazione grafica e caratteristiche.
* Relazioni tra rette: rette parallele e incidenti.
Figure geometriche
* Osservazione dei solidi intorno a noi e prime classificazioni e analisi delle basilari caratteristiche.
* Le facce dei solidi: figure a due dimensioni.
* Osservazione e classificazione delle figure geometriche piane.
* Il contorno delle figure piane, collegamenti con i vari tipi di linee.
* Avvio al concetto di perimetro.
Simmetria
* Riconoscere simmetrie nel proprio corpo.
* Riconoscere simmetrie in oggetti, disegni e figure.
* Realizzare simmetrie attraverso prove pratiche, rappresentazioni grafiche e attività di ritaglio.
* Completare semplici figure simmetriche.    
* Riconoscere e individuare simmetrie in figure geometriche piane.
Misura
* Misurazione dello spazio ad occhio con unità di misura arbitrarie. (Il passo, il pollice, il palmo, strisce di carta…)
* Costruzione di campioni arbitrari per misurare; valutazione e stima approssimativa di misure.
* Registrazione dei dati mediante grafici o tabelle.
* Scoprire l’esigenza di misure convenzionali.
* Presentazione del metro e dei suoi multipli e sottomultipli; costruzione del metro e dei sottomultipli; costruzione del decametro;
* Misurazioni ed esercizi di consolidamento.
* Avvio al concetto di equivalenza; equivalenze in contesti concreti.
Linguaggi Logici
* Indagine su aspetti della realtà dei bambini: registrazione dei dati, grafico, lettura e commento di quanto ottenuto.
* Lettura di grafici.
* Completamento di proposizioni vere e false
* Individuazione nella realtà di eventi certi, possibili, impossibili.
Procedimenti personalizzati per favorire il processo di Apprendimento e di Maturazione
Strategie per il potenziamento/arricchimento delle conoscenze e delle competenze:
* Metodi di apprendimento cooperativo che favoriscono le relazioni interpersonali, il confronto con gli altri, la collaborazione con il gruppo per il raggiungimento di un obiettivo comune, nel rispetto delle diversità e dei ritmi di apprendimento individuali.
* Metodi ispirati al “problem solving” che stimolano la ricerca, l’azione diretta, l’operatività concreta, affinché gli alunni si sentano i veri protagonisti del percorso di apprendimento.
Strategie per il consolidamento delle conoscenze e delle competenze:
* Predisposizione di attività/schede graduate per difficoltà.
* Utilizzare una stessa proposta con variazione dei contenuti (offerta formativa “ritualistica”); introdurre elementi nuovi in un contesto conosciuto e quindi per questo rassicurante, costituisce uno stimolo motivante che fa leva sulla novità della “ricomparsa”, oltre che un rafforzamento dei meccanismi di memorizzazione e di sistematizzazione del percorso di apprendimento.
Strategie per il recupero delle conoscenze e delle competenze:
* Predisposizione di schede/attività differenziate e graduate per difficoltà.
* Differenziazione del lavoro didattico per renderlo più adeguato alle capacità di decodificazione e comprensione dei singoli alunni.
Verifica degli Apprendimenti
* Attraverso esercizi, schede predisposte, interrogazioni scritte e orali, attività nel laboratorio di informatica, si verificherà in itinere il grado di competenza raggiunto da ogni alunno; in base alla risposta ottenuta si amplierà, ripeterà o consoliderà quanto presentato.
Criteri di Valutazione
Si seguono i criteri stabiliti in Collegio Docenti

Italiano
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe Quarta

Lingua Inglese
xxx

Storia
xxx

Geografia
xxx

Scienze
xxx

Matematica
xxx

Musica
xxx

Educazione Civica
xxx

Arte e Immagine
xxx

Religione Cattolica
xxx

Scienze Motorie e Sportive
xxx

Italiano
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe Quinta
Lingua Inglese
xxx
Storia
xxx
Geografia
xxx
Scienze
xxx
Matematica
xxx
Musica
xxx
Educazione Civica
xxx
Arte e Immagine
xxx
Religione Cattolica
xxx
Scienze Motorie e Sportive
xxx

Torna ai contenuti